Archivi categoria: Le Mans Cup

LMC_Start2

LMC – Benham-Tappy, successo per Cool Racing in gara 2 a Le Mans

Mike Benham e Duncan Tappy si aggiudicano la seconda manche della Road To Le Mans nella mattinata che precede la 24 Ore. Decisiva la Safety Car che ha neutralizzato la competizione per oltre 20’ a causa dei rottami lasciati a Mulsanne dalle Ligier di Felipe Laser e Paul Lafargue, che ha lasciato il gruppo compatto per quasi tutta della seconda parte di gara, non permettendo di agli inseguitori più accreditati di rimontare. Ma andiamo per gradi.

Al via partiva bene dalla pole Torsten Kratz del WTM, mentre da dietro Freddie Hunt sull’immacolata Ligier del Reiter Engineering macinava posizioni fino ad arrivare alle spalle del battistrada. Tra le GT3, Arnold Robin, incaricato questa volta del primo stint sull’Audi del WRT, prendeva il largo sulle Honda di Jens Møller e Kristian Poulsen e sulla la Ferrari di Hugo Delacour, ma i riflettori erano sulla Porsche di Ebimotors, con Emanuele Busnelli presto in P3, grazie anche alla penalità inflitta alla Honda #44 per il contatto sulla Duqueine del DKR.

Il primo colpo di scena dopo circa 18’ per l’uscita di strada della Ligier di Jonathan Brossard poco prima di Arnage esattamente dove si era schiantata il venerdí la Mercedes del Racetivity, che non partecipava alla seconda gara. A seguire il drive-through sanzionato all’Audi di testa lasciava in testa Poulsen sulla Porsche #46.

Era l’occasione giusta per andare al pit e tutti ne approfittano fino ai contatti delle Ligier descritti poco sopra che hanno comportato prima un’estensione della slow zone a due terzi del circuito e poi l’intervento della vettura di servizio per liberare la pista dai rottami.

Come venerdí le soste arridevano al teammate di Hunt, Mads Siljehaug, il quale prendeva la testa davanti alla Duqueine del WTM, ora con Leo Weiss al volante, e alla Ligier della wildcard Duncan Tappy, per l’occasione col Cool Racing.

A 7’, vale a dire due giri dalla bandiera a scacchi, il restart, con il veterano britannico – quest’anno attivo in ELMS sull’Oreca LM P2 di United Autosports – presto al comando con Siljehaug alle spalle. Il driver norvegese peró, a differenza di gara 1, resisteva agli assalti di Josh Skelton del Racing Spirit of Leman che venivano smorzati da uno Stop&Go+1” per non aver rispettato il tempo minimo al pitstop.

Il gradino basso del podio andava quindi ai vincitori di gara 1, Tom Dillmann e Alexander Mattschull, grazie al forcing finale del collaudatore di ByKolles. A seguire l’equipaggio del WTM e l’asso della categoria Malthe Jakobsen, risalito addirittura dalla P8.

LMC_Flag_GT3

Tra le GT3, l’Audi di Maxime Robin aveva la meglio su Fabio Babini, incaricato dello stint finale, che cedeva anche alla Aston Martin del Bullitt Racing, ma non riusciva a raggiungere l’Honda #44 che con Kasper Jensen guadagnava la seconda vittoria stagionale, riprendendo cosi la testa della classifica sui compagni di squadra, fermati da una foratura.

 

Duncan Tappy e Mike Benham, che ripetono la vittoria del 2018, non essendo iscritti al campionatoCool25 regalano il punteggio pieno al Reiter Engineering, ma la classifica è ancora capeggiata dal duo della Ligier #10 del Racing Spirit of Leman, che conduce con 49 punti contro i 31 di Malthe Jakobsen e Mo Smith.

La Michelin Le Mans Cup tornerà a Monza il 2 luglio prossimo.

Piero Lonardo

Foto: Le Mans Cup

L’ordine di arrivo di Gara 2

EBi_podium

LMC – Babini-spettacolo alla Road To Le Mans. Al Racing Spirit of Leman la vittoria assoluta in gara 1

Spettacolo assicurato per la settima Road To Le Mans, terzo appuntamento della Michelin Le Mans Cup 2022, con la bellezza di 50 iscritti, capienza massima designata, composta da 36 LM P3, 13 GT3 più l’inesorabile MissionH24.

Le qualifiche, distinte in due turni distinti per le altrettante manches, avevano premiato per gara 1 il superspecialista della categoria, Laurents Hörr, impegnato anche nella 24 Ore col DKR, e l’Aston Martin del Bullitt Racing di Valentin Hasse-Clot.

LMC_start_race1

Al via il teammate della Duqueine #4, Jon Brownson, si faceva presto risuccchiare dal gruppo, condotto dalla vettura della ANS Motorsport di Nicholas Schatz -Brownson più tardi verrà coinvolto in una toccata alla Daytona con la vattura del WTM – ma dietro il testacoda alla Dunlop di uno dei protagonisti, Mo Smith vincitore ad Imola col Cool Racing, seminava il panico nelle retrovie e ne faceva le spese soprattutto la Ferrari AF Corse di Hugo Delacour, che picchiava ed era costretto al ritiro.

Tra le GT3 era l’Audi del WRT di Maxime Robin a condurre, ma presto una penalità per collisione sbatteva l’R8 in fondo al gruppo. La laadership passava quindi all’Honda di Mikkel Pedersen, poco prima che la slow zone per l’incidente alla Mercedes del Racetivity propiziasse il pit obbligatorio collettivo.

Dopo le soste davanti si ritrova Mads Siljehaug con la Ligier del Reiter Engineering condivisa con Freddie Hunt davanti alle due vetture del Racing Spirit of Leman di Tom Dillmann e Josh Skelton. Il pilota norvegese peró oppone resistenza alle due Ligier, che ereditano le prime posizioni imitate anche dal campione in carica Colin Noble con la vettura del Nielsen Racing.

La classifica delle GT3 viene rimescolata a seguito del testacoda del leader, e l’altra NSX di Jens Møller e la Porsche di Fabio Babini, subentrato ad Emanuele Busnelli, si ritrovano in lotta ravvicinata in un gruppo di cinque vetture che comprende anche l’Audi del WRT e la Ferrari dell’ex-F1 Andrea Montermini, il quale si fa notare per aver centrato e portato a spasso un cartellone pubblicitario all’inizio della slow zone.

Ebi_Manga

Al riaccendersi delle ostilità inizia lo show della Porsche Ebimotors, con Babini, che prende il comando ma deve difendersi dal ritorno dell’Audi. Arnold Robin passa ma il faentino non molla e all’ultimo giro recupera quasi 1” ed ingaggia un duello ravvicinato spettacolare. I due si affiancano a Mulsanne e procedono appaiati fino al Karting dove la Porsche si installa davanti e riesce a lasciarsi definitivamente dietro Robin, conquistando la vittoria. P3 per l’Honda di Kasper H. Jensen e Kristian Poulsen, che approfitta del gioco di squadra per avere la meglio su Montermini.

Leman10_LMC

Il successo tra le LM P3 era invece saldamente nelle mani delle due vetture del Racing Spirit of Leman, che rafforza quindi la propria leadership in campionato dopo la vittoria nel season opener di Le Castellet. Sabato alle 11.20 in programma gara 2 con in pole la Duqueine del WTM e l’Audi del WRT.

Piero Lonardo

Foto: Le Mans Cup, Ebimotors, Ligier

L’ordine di arrivo di Gara 1

_PL51749

LMC – Cool Racing si impone a Imola in una gara caos

C’è voluto il secondo tentativo al Cool Racing per aggiudicarsi il primo successo del 2022 nella Michelin Le Mans Cup. Lo squadrone svizzero, presente in forze in tutte le gare del weekend di Imola, ha colto il risultato grosso con Malthe Jakobsen e Mo Smith in una corsa estremamente frammentata, con tre lunghi periodi di Safety Car e cinque Full Course Yellow nei 110’ previsti da copione.

Già delle qualifiche pazze hanno premiato Jerome de Sadeleer nonostante il contratto fratricida che ha messo fuori gioco entrambe le Ligier dell’MV2S alla Rivazza con tanto di bandiera rossa con 6’ disponibili.

Al via, la prima uscita della Lamborghini di servizio già dopo il primo giro per un incidente multiplo. Tra le GT3, Jens Møller prendeva immediatamente il comando sulla Porsche Ebimotors di Emanuele Busnelli. A seguire, altre due uscite della safety car e non eravamo nemmeno a metà gara, l’ultima delle quali per il contatto alla Villeneuve fra i primi due, de Sadeleer e Leo Weiss con la Duqueine del WTM.

Al comando quindi dopo la sosta obbligatoria si ritrovava la Ligier del Reiter Engineering ora nelle mani di Mads Siljehaug dopo il bel primo stint da parte di Freddie Hunt, che recentemente ha reso nota la volontà di approdare a Le Mans col team tedesco entro cinque anni.

Il norvegese difendeva la sua leadership con le unghie e i denti, anche grazie alle due ulteriori Full Course Yellow, ma all’ennesimo restart veniva infilato da Adam Eteki sulla vettura del CD Sport e perdeva via via terreno. Nel frattempo Theo Nouet con l’Aston Martin del Bullitt Racing aveva la meglio su Fabio Babini, mentre la Honda #44 prendeva le distanze.

_PL51176

Dietro Eteki si faceva largo Malthe Jakobsen, il quale innescava una lunga battaglia con Eteki che si trascinerà fino alla bandiera a scacchi. Negli ultimi istanti di gara la doccia fredda per il team spagnolo, che veniva penalizzato di 30” per track limits, cosa piuttosto curiosa per la pista del Santerno.

_PL56179

Le squalifiche post gara colpiranno anche la vettura del Reiter Engineering, quinta effettiva al traguardo, per non aver rispettato il minimum drive time di Hunt, per cui a podio termineranno, oltre ai vincitori del Cool Racing, le due vetture di United Autosports. Successo invece di Gustav Birch e Jens Møller tra le GT3 sul Bullitt Racing ed Ebimotors.

_PL56126

Ad Imola c’è stato anche  il debutto in gara della MissionH24, la vettura a idrogeno sviluppata dal consorzio GreenGT. La macchina, affidata al solo Stèphane Richelmi, ha visto il traguardo in ultima posizione con 15 giri di ritardo dal vincitore. Da notare che per compiere questa distanza ridotta sono stati necessari tre pitstop, segno, ce ne fosse stato bisogno, che la strada verso la competitività è ancora lunga.

Prossimo round, il doubleheader della Sarthe, la Road to Le Mans, il 9 e l’11 giugno prossimi. Come noto sul Circuit de la Sarthe si affaccerà per la prima volta anche il plateau della Ligier European Series, che qui ha premiato ancora una volta il Team Virage.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

L’ordine di arrivo

_PL53219 (1)

LMC – Dillmann trascina il Racing Spirit of Leman. Uno-due Honda in GT3

Tanti volti nuovi e di prestigio nella Michelin Le Mans Cup 2022, e uno di questi, Tom Dillmann, ha dominato la prima gara della stagione a Le Castellet, trascinando alla prima vittoria il Racing Spirit of Leman.

Il collaudatore ByKolles emergeva dalla terza piazza dopo il pitstop obbligatorio – quest’anno la durata delle gare è stata ridotta da 2 ore a 1h50 per evitare la seconda sosta resa necessaria lo scorso anno dopo l’aumento delle potenze (nonchè dei consumi) del motore Nissan – e dopo essersi sbarazzato delle due vetture che gli erano davanti, nella fattispecie Leonard Weiss con la Duqueine del WTM e Louis Rousset con la Ligier dell’MV2S Forestier Racing, non si è più voltato indietro.

_PL52909 (1)

Le fasi iniziali della gara vedevano queste vetture transitare in ordine inverso al primo giro, col polesitter Torsten Kratz a precedere Jerome de Sadeleer e Alxander Mattschull, incaricati del primo stint. Tra le GT3, il polesitter Jens Møller con la Honda #44 del GMB Motorsport allungava vistosamente anticipando la partenza sulla Porsche Ebimotors di Emanuele Busnelli.

Dopo un paio di Full Corse Yellow, tra cui una per recuperare il consueto piloncino che puntualmente ad ogni gara salta dalla curva 5, dietro il leader, de Sadeleer aveva la meglio su Mattschull conquistando la seconda piazza, andando presto anche ad insidiare la Duqueine #11, salvo poi cedere nuovamente a de Sadeleer. Al vertice delle GT3, era l’ex-campione WEC GTE-Am, Kristian Poulsen, a prendere il comando della categoria dopo l’inevitabile drive-through per la vettura gemella.

La svolta dopo 64’ di gara, con il Racing Spirit of Leman ad anticipare la sosta rispetto agli inseguitori, con de Sadeleer sulle tele insidiato ora dalle vetture di IDEC Sport e CD Sport. Weiss usciva appena davanti Dillmann come peraltro Rousset, ed entrambi erano infilati in un amen, proprio mentre un altro dei protagonisti attesi, Malthe Jakobsen con la vettura del Cool Racing, terminava mestamente la propria gara.

Weiss a seguire cedeva a Dino Lunardi di IDEC e alla vettura di RLR MSport di Tom Foster, che alla fine erediteranno le posizioni di rincalzo ai due battistrada grazie alla penalità comminata all’ex-campione GTC ELMS per sorpasso in regime di Full Course Yellow.

_PL53558 (1)

Dietro l’uno-due danese, a completare il podio delle GT3  veniva classificata la Ferrari AF Corse di Gino Forgione ed Andrea Montermini nonostante il sorpasso all’ultimo giro sostenuto dalla Aston Martin del Bullitt Racing – a lungo seconda ma rallentata con uno Stop&Go per non aver rispettato il tempo minimo di sosta. Ciò in funzione del regolamento sportivo, che prevede, qualora la bandiera a scacchi venga sventolata prima dello scadere dell’effettiva durata della gara, che la classifica venga congelata al giro precedente.

_PL57721

Nel weekend si sono svolte inoltre le due prime manches della Ligier European Series. In entrambe il successo è andato alla JS P4 del Team Virage di Gillian Henrion. Piazzamenti per i team e piloti italiani con Simone Riccitelli e Roberto Neri di LR Motorsport secondi in gara 1 e di Monza Garage, P3 in entrambe le manches.

Prossimo appuntamento con la Michelin Le Mans Cup il 14 maggio prossimo ad Imola.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

L’ordine di arrivo

_PL55608

LMC – Cool Racing mostra i denti anche nella serie cadetta

Dopo aver sbancato alla prima giornata del Prologo ELMS, Cool Racing si presenta agguerrita anche nella La Michelin Le Mans Cup, dove il danese Malthe Jakobsen, atteso al doppio impegno, ha segnato il miglior tempo nel pomeriggio della giornata di ieri con 1.50.200.

_PL54473

A seguire un altro pilota che dovrebbe disputare entrambe le gare delle LM P3, Glenn van Berlo di Eurointernational, ad appena 44 millesimi. Assai più distanti i migliori della sessione del mattino, i campioni in carica del Nielsen Racing, a 4 decimi con Matt Bell.

Tante le interruzioni che hanno spezzettato soprattutto la sessione mattutina, con un numero malcontato di ben cinque red flag. A farne maggiormente le spese la Aston Martin Vantage GT3 del Bullitt Racing e la Ligier LM P3 dell’MV2S Forestier Racing, che non si sono presentate nel pomeriggio.

_PL55124

Tra le GT3, ottimo debutto delle Honda NSX GT3 del GMB Motorsport, che hanno dominato la lista dei tempi con Mikkel Pedersen, autore al mattino di 1.54.463. Buone prestazioni dei “sempreverdi” Fabio Babini, qui nuovamente con la sola Porsche di Ebimotors, a seguito di un problema di omologazione delle Lamborghini che avrebbero dovuto essere schierate dal team di Cermenate, e Andrea Montermini, con la Ferrari #61 AF Corse.

_PL51951

L’inizio delle ostilità ufficiali in pista è previsto per domani venerdí 15 aprile alle ore 10.20 con la prima delle due sessioni di libere 1. Qualifiche e gara sabato 16 rispettivamente alle 12.10 e alle 16.40. Il tempo di percorrenza della corsa da quest’anno è stato ridotto a 110’.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

I risultati della Morning Session 

I risultati della Afternoon Session

_PL56423

LMC – Griglia record per la Michelin Le Mans Cup 2022

La Michelin Le Mans Cup continua a crescere. Diffusa nei giorni scorsi l’entry list della stagione 2022 del campionato riservato a LM P3 e GT3 che conta la bellezza di ben 43 vetture.

Una volta tanto iniziamo la disamina partendo dalle GT3, che riporta 8 unità di 4 costruttori diversi. Per la prima volta si affacciano alla serie contorno della ELMS due marchi prestigiosi quali Honda (Acura) e Lamborghini.

GMB

Ben 3 le NSX GT3 iscritte dai danesi del GMB Motorsport con il ritorno di Kristian Poulsen, campione WEC 2014 GTE-Am e due volte vincitore di categoria a Le Mans. Su un’altra delle Honda si siderà invece Mikkel Pedersen, già visto in azione a Sebring sulla sfortunata Porsche del Project1.

Le due Lamborghini iscritte saranno invece protagoniste in primis di un gradito ritorno per i nostri colori coi veterani Fabio Babini ed Emanuele Busnelli sulla Huracàn gestita da Ebimotors, campioni 2017 della categoria con Porsche, brand non presente quest’anno, mentre la seconda vettura sarà schierata da VSR col factory driver Giacomo Altoè insieme al vincitore della Road to Le Mans 2020 Hiroshi Hamaguchi.

Il marchio Ferrari, assente i plurititolati di Iron Lynx, è affidato a due 488 iscritte da AF Corse, di cui una per il programma lanciato nel 2021 per Gino Forgione e l’ex-F1 Andrea Montermini. Infine, presente anche una Aston Martin iscritta dagli spagnoli del Bullitt Racing con in evidenza il francese Valentin Hasse-Clot.

Lo schieramento delle LM P3 conta la bellezza di 34 unità, segno dell’incredibile attenzione sulla categoria. In larga maggioranza come sempre le Ligier con 28 esemplari contro 8 Duqueine.

I campioni in carica del Nielsen Racing (in primo piano), Colin Noble ed Anthony Wells, oltre all’impegno in LM P2 nella serie maggiore, si ripropongono anche con una seconda entry per Matt Bell e John Melsom.

Lo specialista della categoria due volte campione (oltre che neotitolato ELMS) Laurents Hörr sarà nuovamente presente per DKR Engineering insieme allo statunitense Jim Brownson. Il team lussemburghese inoltre raddoppia l’effort con una seconda Duqueine per James Winslow ed Alexander Bukhantsov.

Immancabile la presenza di United Autosports con ben quattro Ligier per l’ex-campione ELMS Wayne Boyd ancora nella vettura di punta insieme a John Schauerman. Anche Andy Meyrick dividerà come nel 2021 l’abitacolo col brasiliano Daniel Schneider, mentre la terza entry sarà affidata ai due australiani Andres Latorre Canon e Garnet Patterson, già visti all’ultima Road to Le Mans col Muehlner Motorsports, grande assente di questa entry list. Si chiude con la #2 per l’accoppiata padre-figlio formata da Shaun e Max Lynn.

Ritornano i Talkanitsa ancora sotto bandiera austriaca con AT Racing, così come AF Corse con Rui Aguas e TF Corse con Pietro Peccenini. Esordio full time per Freddie Hunt ed i tedeschi del Reiter Engineering. Sempre tra le new entry, gli spagnoli dell’AF2 Motorsport, i francesi dell’ANS Motorsport, gli svizzeri dell’Haegeli by T2 Racing ed Optimum Motorsport, questi ultimi con una Duqueine per i britannici Mark Crader ed Alex Mortimer.

Il Frikadelli Racing dal canto suo presenta il driver Porsche Felipe Laser, nelle ultime due stagioni al fianco della star Michael Fassbender con la Porsche Proton. Il Racing Spirit of Leman invece raddoppia e presenta anche li collaudatore ByKolles, Tom Dillmann.

Conferme per IDEC Sport, CD Sport, Rinaldi Racing, 360 Racing e Team Virage e Cool Racing, questi ultimi con chiare ambizioni di titolo con Mo Smith e Malthe Jakobsen.  RLR Msport infine è pronta a schierare il “reverendo da corsa” Simon Butler a partire da Monza.

_PL53946

Presente nell’entry list anche l’immancabile MissionH24 prototipo del futuro a idrogeno, affidata sempre ai development driver Stèphane Richelmi e Norman Nato.

L’appuntamento con la settima stagione della Le Mans Cup è per Le Castellet il 16 aprile. Il weekend di gara sarà preceduto da una giornata di test collettivi, il 13/04.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo, GMB Motorsport

L’entry list della Michelin Le Mans Cup 2022

_PL58816

LMC – Prima vittoria per Phoenix ma titolo al Nielsen Racing. Iron Dames, successo sfiorato

Anche l’ultimo atto stagionale della Michelin Le Mans Cup non ha mancato di fornire spettacolo. In quel di Portimao, sotto un deciso sole mattiniero, il Phoenix Racing ha ottenuto la prima vittoria della sua storia nella serie, che sarà sponsorizzata dal fabbricante di pneumatici per altri tre anni.

Al via non riusciva ad allinearsi il polesitter Antoine Doquin, la cui Ligier non voleva saperne di andare in moto. Largo davanti quindi a Thorsten Kratz con la Duqueine del WTM by Phoenix, seguito dall’altra M30 del Rinaldi Racing di Alexander Mattschull, dopo la melèe in curva 3 causata dal contatto fra Miguel Cristovao, deb in casa Virage dopo i successi nell’Ultimate Cup, e Charles Crews.

Tra le GT3, Nicolas Leutweiler deve solo arrivare per conquistare il successo finale tra i piloti, con il titolo squadre già assegnato ad Iron Lynx, ma è subito dramma per Gabriele Lancieri per una foratura alla Ferrari #8.

Colpo di scena dopo circa mezz’ora per il contatto multiplo in curva 1 fra Doquin, Cristovao e la Duqueine del Grainmarket Racing di Mark Crader. Quest’ultimo terminava nella ghiaia e la direzione gara era costretta ad intervenire con una Full Course Yellow.

Kratz ed altri approfittavano della neutralizzazione per una prima sosta, lasciando al comando Horst Felbermayr con la Ligier dell’RLR MSport; al restart era invece la Porsche del PZOberer di Leutwiler a fare le spese di un contatto con la Duqueine del DKR e relativa foratura. La testa delle GT3 passava quindi a Manuela Gostner e alla 488 delle Iron Dames, con Paolo Ruberti, subentrato a Lancieri, alla caccia delle teammates.

_PL57429

La serie dei pitstop lasciava in testa la superstar Mathias Beche, alle sua seconda esperienza consecutiva nella serie insieme a John Loggie con la Ligier del Phoenix Racing davanti alla Ligier del Racing Spirit of Leman Ligier e alla Duqueuine del Rinaldi Racing, che nelle mani di Nicolas Varrone si impossessava poi anche della piazza d’onore.

Purtroppo per il pilota argentino, nel pitstop finale la vettura faticava a mettersi in moto e doveva essere spinta, causando una penalità. Nel frattempo la lotta per il titolo vedeva Colin Noble e la Ligier del Nielsen Racing navigare tra le retrovie, mentre Matt Bell si faceva largo nella top five per il Cool Racing.

_PL57164

 

A poco meno di mezz’ora dalla fine si consumava il dramma delle Iron Dames, con Doriane Pin costretta a rallentare vistosamente, cedere di schianto a Ruberti e alla Porsche, ora nelle mani di Julien Andlauer, e portarsi ai box col motore fumante.

_PL58401Ruberti non cederà allo junior factory driver di Stoccarda per aggiudicarsi la sua terza vittoria stagionale, non abbastanza peró per impossessarsi del titolo piloti, che va invece a Leutwiler.

_MG_4627

Davanti, Beche può portare al traguardo la Ligier #5 con 26” di vantaggio su Antoine Jung e la vettura del Racing Spirit of Leman e 40” sulla Duqueine del WTM by Phoenix di Leo Weiss, che completa il successo del team tedesco. Quarti Mo Smith e Matt Bell con la #19 del Cool Racing. A Colin Noble ed Anthony Wells basta quindi il decimo posto finale per assicurarsi il titolo piloti e squadre per il Nielsen Racing.

_PL57264Ricordiamo che anche a Portimao ha partecipato alle prove libere la MissionH24 spinta da motore a idrogeno. Nei 36 giri compiuti dal development driver, Stèphane Richelmi, il prototipo è riuscito ad avvicinarsi a 10” dal miglior tempo delle sessioni, a 5” circa dalle GT3 per completare il paragone.

Si chiude cosí anche la sesta stagione della Michelin Le Mans Cup. La serie ritornerà a primavera a Le Castellet il 16 aprile, preceduta da una giornata di test collettivi, il 13/04.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo

Foto: Piero Lonardo, Roberto Beretta

_Z6N8085

Ligier Euro Series – Si festeggia in Monza Garage per il titolo JS P4 di Cicognani e Faccioni

La terza serie di supporto del weekend ELMS, come noto da un paio di anni è la Ligier European Series, che si corre con due modelli prodotti dal costruttore transalpino: il prototipo JS P4 e la GT JS 2R.

L’HP Racing Team, che lo scorso anno si è aggiudicato l’edizione di esordio tra le JS P4, quest’anno si è associato al nostranissimo Monza Garage. Sotto l’occhio attento di Alessandro Breveglieri, si è concretizzato un equipaggio monstre per la categoria, composto da Jacopo Faccioni, protagonista da tempo del Campionato Italiano Sport Prototipi, ed Alessandro Cicognani, campione della Formula Le Mans nell’ambito della Le Mans Series 2010.

_MG_6296

L’accoppiata, a causa dei trascorsi di quest’ultimo, riconosciuto ancora quale silver, cosí come Faccioni, nonostante gli 11 anni trascorsi da quello che è stato l’ultimo titolo internazionale vinto tra i prototipi in una serie ACO, poteva rappresentare un handicap, stante la penalità da scontare al pitstop obbligatorio, ma cosí non è stato.

_D4S0151

Dall’ultimo weekend in una pista impegnativa come Spa-Francorchamps infatti, l’equipaggio della #23 esce con un hat trick, due pole position e due vittorie, che si assommano agli altri cinque successi agguantati a Barcelona, Red Bull Ring, Paul Ricard (altra doppietta) e Monza.

Il risultato di Spa vale il titolo piloti con ben due gare di anticipo per i driver romagnoli, che potranno affrontare il weekend di Portimao del 23-24 ottobre con l’unico scopo di portare a casa anche il titolo a squadre, che vede l’HP Racing by Monza Garage precedere il Deux Arbres di 37 punti contro i 50 in palio.

_Z6N8029

Da segnalare che nelle Ardenne Cicognani e Faccioni hanno dovuto affrontare un rivale d’eccezione, nientemeno che Pierre Fillon, presidente dell’ACO, schierato al fianco dell’amico Jacques Nicolet e giunto terzo al traguardo.

Speriamo di rivedere anche nel 2022 il Monza Garage e i due driver nostrani in azione insieme, magari, perchè no, in una categoria superiore.

Piero Lonardo

Foto: Alberto Manganaro, Roberto Beretta

Race Start

LMC – Doppietta Cool Racing e titolo GT3 ad Iron Lynx a Spa

A Spa non è mancato lo spettacolo nemmeno nelle serie di contorno; ne è stata la prova la penultima prova della Michelin Le Mans Cup, che vede a contatto LM P3 e GT3.

A dire il vero il parco partenti della prossima futura categoria regina delle GT questa volta si limitava a tre sole unità, ma in ballo c’era comunque il titolo, in sospeso fra la Porsche del PZOberer by Zurichsee e la Ferrari di Iron Lynx, tornata nuovamente nelle mani di Gabriele Lancieri e Paolo Ruberti.

Al via, le due vetture gestite dal Phoenix Racing di Finn Gehrsitz e Thorsten Kratz si facevano infilare alla Source dalla Ligier di Antoine Doquin, che prendeva presto il largo. Dietro ancora una volta un po’ di confusione ma fortunatamente nessun contatto terminale, con Lancieri, partito sulla Ferrari #8, a mantenere la testa delle GT3 su Nicolas Leutwiler.

Il gentleman svizzero, in rimonta sul driver imolese, intorno al minuto 45 commetteva però un grave errore alla Campus che lo riportava a distanza dalla 488; poco dopo una prima Full Course Yellow per recuperare la Duqueine di Andres Latorre permetteva l’esecuzione delle prime soste.

Nel frattempo Dietro a Josh Skelton, subentrato a Doquin, e a Leonard Weiss, ora al volante della Duqueine del WTM by Phoenix, stava avanzando a larghe falcate l’altra Ligier del Cool Racing, ora con Matt Bell al volante. Il distacco fra i due diminuiva sino al sorpasso, eseguito senza particolare fatica, all’Eau Rouge a 20’ dalla fine.

Il timing della corsa era peró stato inficiato dalle interruzioni occorse nelle qualifiche della ELMS, e la direzione gara, dopo il secondo pistop, decideva di chiudere anticipatamente la gara, in ossequio alle norme antirumore del circuito belga, con circa 8’ di anticipo rispetto alle due ore previste, sancendo la doppietta delle Ligier del Cool Racing.

Cool_podium

Matt Bell e Mo Smith, secondi al traguardo, si portano a 14 lunghezze dai leader del Nielsen Racing, Colin Noble ed Anthony Wells, classificatisi al quinto posto, davanti all’equipaggio del Rinaldi Racing, a quota -11, penalizzato con un drive-through per il contatto con la Ligier di United Autosports di Andy Meyrick mentre navigava in P3.

IronLMCwin

Il campionato delle LM P3 si andrà quindi a risolvere nell’ultimo round di Portimao del 24 ottobre, mentre il titolo delle GT3 invece va nuovamente, con una gara di anticipo, ad Iron Lynx. Stanti le variazioni di equipaggio intercorse in stagione, il solo Paolo Ruberti, tornato insieme a Lancieri alla vittoria alla guida della Ferrari #8, insegue Leutwiler con 18 punti di svantaggio.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo

Foto: MLMC, Cool Racing, Iron Lynx

ELMS_Cal

ELMS – Nel 2022 tornano Imola e l’Hungaroring. Le Ligier approdano a Le Mans

Diffuso come da anticipazioni della vigilia in quel di Spa-Francorchamps anche il calendario dell’European Le Mans Series 2022. Tra tutte, il ritorno di Imola, che già ospitò la serie dal 2013 al 2016, e dell’Hungaroring, che torna ad accogliere una competizione gestita dall’ACO addirittura dal 2013.

La 4 Ore di Imola va a sostituire, come da previsioni, la gara monzese, slegandosi però dalla programmazione estiva, quale seconda prova della serie, il 15 maggio, col season opener che torna, cosí come il Prologo, nella consueta sede di Le Castellet, il 17 aprile.

A seguire, proprio l’appuntamento magiaro, il 3 luglio, che prende il posto del Red Bull Ring, mentre la 4 ore di Barcelona si muove verso un torrido 28 agosto. Immutati gli ultimi due atti di Spa-Francorchamps e Portimao, che si muovono solamente di una settimana (in avanti per il round belga, all’indietro per il circuito portoghese) rispetto alla schedule 2021.

LMC

Presentati anche i calendari delle due serie di contorno, la Michelin Le Mans Cup e la Ligier European Series. Entrambe “salteranno” Barcelona; la prima per fare posto alla settima Road to Le Mans, mentre il calendario della serie monomarca entry level si arricchirà anch’essa di una passerella sul Circuit de la Sarthe nell’ambito della 90ma 24 Ore.

Lig_cal

Piero Lonardo

Foto: ELMS, Le Mans Cup, Ligier European Series