Archivi categoria: ELMS

_PL57445

ELMS – 42 vetture a Barcelona. Proton allinea i top drivers Bruni-Lietz

Confermate ben 42 vetture per il season opener dell’European Le Mans Series, che ritorna a Barcelona dopo la cancellazione causa COVID del 2020, in programma al termine della prossima settimana.

Il parco partenti della serie europea presenta quindi solo due defezioni rispetto all’entry list stagionale presentata due mesi fa, ma con l’acquisizione dell’Oreca iscritta quale Innovative Car per l’Association SRT41 di Frédéric Sausset.

Confermate le ben 16 LM P2, tutte Oreca/Aurus, di cui sette appartenenti alla nuova sub-categoria Pro/Am.

Le novità più eclatanti riguardano G-Drive, che sulla vettura di punta, schiererà ancora, al fianco del patron Roman Rusinov e della giovane promessa Franco Colapinto, nientemeno che Nicky de Vries, attuale reserve driver Toyota nel WEC e capolista in Formula E con Mercedes. L’ex-campione F2 lo scorso anno aveva suddiviso l’effort con Jean-Eric Vergne, giungendo secondo a Le Castellet e vincendo il round finale di Portimao.

Secondariamente, tra le Pro/Am, definito l’equipaggio di DragonSpeed, con Ben Hanley ancora a fianco di Henrik Hedman e la novità Ricky Taylor, campione in carica del WeatherTech SportsCar Championship, che dopo il successo di Daytona col WTR torna a correre in Europa dopo la 24 Ore di Le Mans 2019 disputata col Jackie Chan DC Racing.

Tra gli equipaggi da battere ovviamente i campioni in carica di United Autosports, con le due Oreca affidate a Phil Hanson, Tom Gamble e Jonathan Aberdein e a Job van Uitert, Nico Jamin e Manuel Maldonado

Tra le LM P3, defezione per la Ligier del BHK, mentre l’addizione più importante riguarda l’RLR MSport, che schiererà nuovamente la rivelazione 2020, Malthe Jakobsen insieme ad Alex Kapadia e a Michael Benham. I colori italiani saranno difesi dalla 1 AIM Villorba Corse, che oltre ad Alessandro Bressan porterà in pista il greco Andreas Laskaratos e Damiano Fioravanti, di ritorno nella categoria dopo le belle prove con Oregon nel 2019.

Ancora da riempire qualche casella di grido al DKR, Eurointernational ed Inter-Europol.

Proton

In GTE infine, la notizia del giorno riguarda Proton Competition, che affiderà le due Porsche nientemeno che ai top driver della casa di Stoccarda, Gianmaria Bruni e Richard Lietz. Il romano affiancherà il patron Christian Ried alla difesa del titolo 2020 insieme a Jaxon Evans, mentre per l’austriaco si rinnova la line-up dello scorso anno con l’attore pilota Michael Fassbender e Felipe Laser.

Assente Kessel Racing annunciata inizialmente col canadese di origine asiatica Wei Lu, le altre line-up erano invece note da tempo, ma a sorpresa non sarà della partita Esmee Hawkey. Il manager del neoacquisto delle iron Dames avrebbe ottenuto il ranking bronze fornendo dati non corretti e pertanto il team ha deciso di non avvalersi dei servigi della pilotessa britannica. Il nome della terza guida da affiancare a Rahel Frey e Michelle Gatting sarà annunciato a stretto giro.

Inizio delle ostilità con i test collettivi lunedì 12 e martedì 13 aprile, mentre le prime prove libere della 4 Ore di Barcelona si terranno alle 13.30 di venerdì 16 aprile.

Piero Lonardo

L’entry list della 4 Ore di Barcelona

Foto: Piero Lonardo, Proton Competition

_PL54997

WEC/ELMS – LM P2 ulteriormente rallentate da FIA ed ACO

Uno dei punti più delicati nell’introduzione delle nuove Hypercar consiste sicuramente nell’equivalenza con le altre classi.

Alla base del regolamento delle Hypercar infatti è prevista una diminuzione dei tempi sul giro rispetto alle attuali LM P1, a fronte del quale alle LM P2 era stata assegnata una diminuzione di potenza dell’ordine di 50 HP, similmente a quanto già in vigore nelle gare IMSA negli States.

I recenti test privati hanno però già evidenziato un gap assai ridotto tra le nuove Hypercar e le LM P2, al punto che nell’ambito del recente Endurance Committee della FIA si è deciso di introdurre un ulteriore rallentamento, rispetto a quanto previsto, di queste ultime.

La potenza del motore unico Gibson sarà quindi ridotta per portarla a 400 kW (circa 530 HP) previsti per questa stagione quale potenza massima, Inoltre, il peso minimo delle vetture passerà a 950 kg (+ 20 kg) e tutte le vetture, che ricordiamo da questa stagione saranno vincolate ad utilizzare il medesimo fornitore di pneumatici Goodyear, dovranno correre con la configurazione aerodinamica prevista per Le Mans, a basso carico.

I pneumatici saranno però quelli del 2020; le nuove gomme Goodyear infatti, progettate per garantire una minore performance, sono state abbandonate in virtù delle mescole già note, accreditate di una maggiore “guidabilità”.

Gli stessi parametri, che entreranno in vigore dal season opener WEC di Spa, saranno adottati ancor prima anche dall’European Le Mans Series a Barcelona. Ciò significa che anche le squadre protagoniste della serie europea, non iscritte, per volontà o per decisione dell’ACO, alla 24 Ore, saranno costrette all’acquisto di almeno un intero kit, del costo di circa 20.000 Euro cadauno.

Le stesse specifiche dovrebbero essere adottate in futuro anche dall’Asian Le Mans Series,  se non anche, a partire dal prossimo anno, dall’IMSA. Probabilmente una decisione non troppo felice, o quantomeno tardiva, per la categoria prototipi che funge da vera e propria “spina dorsale”  delle serie continentali.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

Gostner_Pin

WEC/ELMS/LMC – Nuove line-up per le Iron Dames, nuove livree per WRT e Cool Racing

Il programma al femminile di Iron Lynx, le cosiddette “Iron Dames”, che spazia in tutte e tre le serie ACO, si va ad arricchire di nuove forze, nelle persone di Doriane Pin ed Esmee Hawkey.

La 17enne francese Doriane Pin, finalista del programma FIA Girls on Track – Rising Stars, affiancherà la nostra Manuela Gostner nella Michelin Le Mans Cup. Al posto della driver altoatesina in European Le Mans Series la 23enne britannica Esmee Hawkey, che guiderà la Ferrari 488 GTE Evo #83 insieme a Michelle Gatting e Rahel Frey.

Hawkey

La Gostner è però attesa anche al debutto nel World Endurance Championship, e vi ritroverà nientemeno che Katharine Legge insieme a Rahel Frey.

Da segnalare che lo spostamento della Legge alla serie mondiale al momento genera ben tre concomitanze con il programma dell’EBM/Hardpoint nel WeatherTech SportsCar Championship nelle date di Portimao, Monza e del Fuji.

WRT

In attesa dello start della stagione europea, fra poco più di due settimane a Barcelona col Prologo ELMS, due delle squadre di vertice della serie hanno presentato le nuove livree delle rispettive Oreca LM P2. Si tratta di WRT, che esporrà in bella vista lo sponsor Orlen, di Robert Kubica, Yifei Ye e Charles Milesi e del Cool Racing di Nicolas Lapierre, Alex Coigny ed Antonin Borga.

COOL

La squadra svizzera sarà presente nel weekend anche con tre Ligier LM P3, di cui due verranno schierate nella Le Mans Cup, dove il 20enne britannico Josh Skelton è stato scelto per affiancare il deb Antoine Doquin, mentre l’altra sarà affidata ancora a Matt Bell e Mo Smith.

Nella serie maggiore saranno invece lo stesso Bell e Niklas Kruetten ad unirsi al vicecampione in carica della Le Mans Cup, Nicolas Maulini.

Piero Lonardo

Foto: Iron Lynx, Team WRT, Cool Racing

ELMS

ELMS – Le Castellet si sposta a giugno

Il primo effetto dello spostamento della 24 Ore di Le Mans annunciato poco fa consiste nello spostamento della 4 Ore di Le Castellet, che dalla sua collocazione originaria del 29 agosto si sposta al weekend del 4-6 giugno prossimi.

La gara si pone quindi ora come terzo appuntamento stagionale fra l’appuntamento del Red Bull Ring del 16 maggio e la 4 Ore di Monza dell’11 luglio.

Il CEO di recente nomina della Le Mans Endurance Management, Frédéric Lequien, ha riportato: “Con lo spostamento della 24 Ore di Le Mans ad agosto, abbiamo preso la decisione di muovere la 4 Ore di Le Castellet a giugno. Questa mossa permetterà ai teams che dell’ELMS che correranno a Le Mans un evento in più per prepararsi alla grande gara, pur mantenendo il distacco di 3-4 settimane tra ogni evento del calendario ELMS.”

Attendiamo comunque verosimilmente conferme sul season opener di Barcelona del 18 aprile, stante l’attuale situazione della pandemia in Spagna.

Piero Lonardo

Foto: ELMS

SRt41

ELMS – La Filière Sausset a Barcelona e Red Bull Ring, obiettivo Le Mans

La Filière Frédéric Sausset SRT41 è di ritorno nel mondo delle gare ACO e prenderà parte ai due primi round dell’European Le Mans Series 2021 come Categoria Innovativa.

La struttura transalpina, dedita alle attività in pista dei piloti gravati da gravi handicap fisici, schiererà una Oreca LM P2 nella 4 Ore di Barcelona, in programma il 17-18 aprile prossimi, così come alla 4 Ore del Red Bull Ring del 15-16 maggio, per il belga Nigel Bailly, il giapponese Takuma Aoki ed il francese Pierre Sancinena. Il trio prenderà inoltre parte ai test collettivi di Barcelona del 12-13 aprile, il tutto sotto la supervisione tecnica del Graff Racing.

L’obiettivo del team consiste nel raggiungere la necessaria preparazione per la prossima 24 Ore di Le Mans, per la quale è già stata depositata l’iscrizione quale Garage 56.

Sarcinena, che non dovrebbe comunque prendere parte alla classica della Sarthe, prende il posto di Snoussi Ben Moussa, il quale ha dovuto rinunciare per motivi personali pur mantenendo il ruolo di pilota di riserva del team.

Il trio originale avrebbe dovuto prendere parte, sempre come Garage 56, all’edizione 2020 della 24 Ore, ma il team dovette rinunciare a causa della scarsa preparazione causa COVID.

Versione 2 (1)

Ricordiamo che nel 2016 Frédéric Sausset divenne il primo pilota quadriamputato a terminare la 24 Ore, grazie ad un progetto condiviso con Audi che permise al coraggioso driver di completare la distanza con una Morgan LM P2 insieme ai veterani Christophe Tinseau e a Jean-Bernard Bouvet. Come per questo prossimo impegno, anche allora la squadra presenziò al season opener ELMS, allora a Silverstone.

Piero Lonardo

Foto: SRT41, Piero Lonardo

_PL53416

ELMS – La carica dei 43 per la stagione 2021

Sono ben 43 le vetture iscritte alla stagione 2021 dell’European Le Mans Series. Lo stato di salute della serie si conferma ancora una volta ottimo, anche grazie agli sforzi degli organizzatori, che nel 2020 sono riusciti a portare a termine una stagione completa con un plateau di tutto rispetto nonostante gli ostacoli causati dalla pandemia.

Quest’anno saranno 16 le LM P2, tutte Oreca. Ai già annunciati effort di United Autosports, IDEC, Ultimate, Duqueine, Cool Racing, GRAFF, Racing Team Turkey, si aggiungono gran parte dei protagonisti delle ultime stagioni quali Panis Racing, con James Allen a prendere il posto di Nico Jamin insieme a Will Stevens e Julien Canal, BHK degli italianissimi Francesco Dracone e Sergio Campana e naturalmente G-Drive, con due Oreca ribattezzate Aurus con equipaggi da completare intorno a Roman Rusinov, John Falb e Rui Andrade, ed Algarve Pro Racing.

Di ritorno full-time DragonSpeed con Henrik Hedman con una vettura iscritta nella subclasse Pro/Am, novità di questa stagione, mentre la novità del giorno è data da Robert Kubica, leader del nuovo (per la serie) effort belga WRT.

_PL58974

Sempre parlando di robustezza del brand, vanno evidenziate le ben 17 LM P3. Oltre ai leader incontrastati di United Autorports, da segnalare i ritorni di sicuri protagonisti quali Inter-Europol, DKR Engineering, Nielsen Racing, Graff, Eurointernational, RLR MSport e BHK

A questi si aggiungono i programmi già noti di MV2S e Team Virage dalla Michelin Le Mans Cup e le novità Racing Experience ed AIM 1 Villorba Corse. Il team battente bandiera lussemburghese proviene anch’esso dalla serie di contorno e proporrà una delle due sole Duqueine per Gary e David Hauser, mentre la squadra trevigiana proporrà una Ligier per Alessandro Bressan.

_PL57338

Come anticipato nei giorni scorsi, sarà finalmente di nuovo lotta tra tre costruttori in GTE, con il ritorno di Aston Martin con TF Sport. A dare battaglia alla GT britannica ben 9 vetture: 7 Ferrari e 2 Porsche.

I due esemplari di 911 RSR-19 saranno schierati ancora una volta da Proton Competition e faranno capo al campione in carica nonché team owner Christian Ried ed all’attore pilota Michael Fassbender.

Gli storici rivali di AF Corse proporranno due Ferrari 488 GTE Evo per Francois Perrodo, Manu Collard ed Alessio Rovera e per il consueto trio d’oltremanica formato da Duncan Cameron, Matt Griffin ed Aaron Scott nuovamente sotto l’egida Spirit of Race. Di ritorno anche il JMW con Jody Fannin così come il Kessel Racing per il canadese di origine cinese Wei Lu.

Ben tre le entry infine per Iron Lynx, che affiancherà l’effort europeo a quello nel WEC con Claudio Schiavoni, Matteo Cressoni e Rahel Frey.

Insomma, un plateau di tutto rispetto che inizierà a darsi battaglia a partire dalla 4 Ore di Barcelona, in programma, COVID permettendo, il 18 aprile prossimo, come sempre preceduta dai test collettivi, da tenersi sempre sul Circuit de Catalunya, il 12-13 aprile.

Piero Lonardo

L’entry list dell’European Le Mans Series 2021

Foto: Piero Lonardo

_PL51547

ELMS – Ritornano TF Sport e l’Aston Martin. Aberdein e Pilet per UA ed IDEC

Ancora annunci a ripetizione nell’immediata vigilia della diffusione dell’entry list ufficiale dell’European Le Mans Series attesa per domani 12 febbraio.

La notizia forse più importante riguarda il ritorno di TF Sport e dell’Aston Martin nella classe GTE. Dopo l’esordio nel 2017 con la Vantage della precedente generazione, il team britannico, vicecampione WEC nonché trionfatore all’ultima Le Mans in GTE-Am, sarà nuovamente ai nastri di partenza della serie continentale con l’accoppiata già in azione nell’Asian Le Mans Series, formata da John Hartshorne ed Ollie Hancock, cui si affiancherà il factory driver Ross Gunn.

L’effort di TF Sport si aggiunge a quello già annunciato in LM P2 con l’Oreca iscritta come Racing Team Turkey.

Aberdein

Completati anche gli ultimi tasselli in casa United Autosports, in primis con l’ingaggio di Jonathan Aberdein sulla vettura campione in carica. Il 22enne sudafricano, reduce da due stagioni in DTM con Audi e BMW, si unirà sull’Oreca #22 ai campioni in carica della serie in LM P2 ed LM P3 rispettivamente, Phil Hanson e Tom Gamble.

Con riferimento alla categoria cadetta, completato anche l’equipaggio della Ligier #2 del team di Zak Brown, che vedrà schierati, oltre al neoacquisto Edouard Cauhaupe, gli altri due trionfatori del 2020, Wayne Boyd e Rob Wheldon.

Non solo Regno Unito ma anche Francia in evidenza in questa anteprima. Definiti infatti anche gli effort 2021 di IDEC Sport e GRAFF Racing.

Graff_p2

“Promosso” sull’Oreca LM P2 del GRAFF il trio protagonista in LM P2 con Vincent Capillaire, Maxime ed Arnold Robin. I tre porteranno in gara ancora una volta il numero 39. Sulle due Ligier JS P320 LM P3 invece i due equipaggi saranno composti da Sébastien Page, Eric Trouillet e David Droux, lo scorso anno al volante di una Duqueine insieme a Luis Sanjuan, e dai terzi classificati della Michelin Le Mans Cup 2020 con tre podi su sette gare, Matthias Kaiser e Rory Penttinen.

IDEC

In casa IDEC Sport infine, sotto gli ordini del nuovo team principal, Nicolas Minassian, appena promosso da direttore sportivo, un’altra addizione di grido, nella persona di Patrick PIlet. L’ex campione GTLM IMSA si unirà ai campioni 2019 della serie, Paul-Loup Chatin e Paul Lafargue, sull’Oreca LM P2 #28. Una seconda Oreca LM P2, contraddistinta dal numero 27 verrà schierata per tre protagonisti della serie IMSA: Kyle Tilley, Dwight Merriman e Ryan Dalziel.

I due statunitensi e Chatin ricordiamo sono appena reduci dal trionfo di Daytona nella stessa categoria con ERA Motorsport.

Per tutti gli altri, appuntamento a domani per la presentazione ufficiale dell’entry list ELMS 2021.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo,  United Autosports, Graff, IDEC

Jamin

ELMS – Jamin da Panis Racing a United Autosports, in attesa dell’entry list

Dopo gli annunci delle entry list ufficiali del WEC e dell’Asian Le Mans Series, anche l’European Le Mans Series si appresta a rivelare il parco partenti della stagione 2021, venerdì prossimo 12 febbraio.

Nell’attesa, alcuni dei grossi calibri della serie continentale endurance hanno anticipato le nuove line-up. Oggetto ambito del mercato Nico Jamin, che passa dal Panis Racing ai campioni in carica di United Autosports.

Il 25enne francese si appresta alla sua quarta stagione nell’ELMS al fianco di Job van Uitert e Manuel Maldonado sulla Oreca LM P2 #32. L’impegno di Jamin, che lo scorso anno è andato a podio anche alla 24 ore di Le Mans, si estenderà anche alla classica della Sarthe, con un equipaggio da definire.

_PL56199

Sull’altra Oreca LM P2, quella che lo scorso anno si è aggiudicato il titolo piloti con Filipe Albuquerque e Phil Hanson, quest’ultimo sarà affiancato da un altro pilota britannico, Tom Gamble, campione in carica delle LM P3. Ancora ignoto per ora il nome del terzo pilota.

Il posto di Gamble nel team diretto da Zak Brown e Richard Dean sarà preso da Edouard Cauhaupe, vicecampione della Michelin Le Mans Cup col Cool Racing. L’altro equipaggio delle LM P3 invece sarà invece composto ancora una volta da Duncan Tappy, Jim McGuire ed Andrew Bentley, terminati al quinto posto nella categoria lo scorso anno.

Tornando alle LM P2, sappiamo già che proprio il Cool Racing tornerà solo nella serie europea dopo essersi sdoppiata con il WEC, sempre con un’Oreca sempre per Nicolas Lapierre, Alexandre Coigny ed Antonin Borga. Da verificare l’eventuale concomitanza con la 24 Ore di Le Mans, qualora venga accettata l’iscrizione del team svizzero, per Lapierre, impegnato con l’Alpine LM P1.

_PL58149

Sempre nella classe regina, novità anche in casa Duqueine Team, dove insieme a Tristan Gommendy condivideranno l’abitacolo dell’Oreca #30 Renè Binder, lo scorso anno con Inter-Europol, ed il due volte campione della serie (2017 e 2019), Memo Rojas.

Da segnalare infine l’atteso passaggio alla categoria top da parte di Ultimate. La squadra francese, terza classificata tra le LM P3 nel 2019, che si ripresenta col medesimo equipaggio composto da Jean-Baptiste Lahaye, Mathieu Lahaye e François Heriau, avrebbe già dovuto concretizzare la transizione tra le LM P2 lo scorso anno, effort poi posticipato causa COVID.

_PL55755

Un altro team da sempre protagonista tra le LM P3, l’RLR Msport, ha già ufficializzato che anche il suo effort 2021 sarà costruito intorno a Malthe Jakobsen. Il 19enne danese sarà al via con una Ligier già la prossima settimana insieme a Mah Hanratty e Bashar Mardini nel primo weekend dell’Asian Le Mans Series.

_PL54651

Ancora nella classe entry level prototipi, annunciato il passaggio della Michelin Le Mans Cup del team MV2S Racing con una Ligier JS P320 per Fabien Lavergne, Adrien Chila e Cristophe Cresp, nonchè del Team Virage, campione in carica dalla Ultimate Series, che schiererà un’altra Ligier con una Ligier per Rob Hodes, Garrett Grist e Charles Crews. Doppio impegno per i primi due, i quali disputeranno anche la Michelin Le Mans Cup.

L’unica GTE fin qui confermata riguarda invece una Ferrari AF Corse per i campioni in carica della GTE-Am WEC, Emmanuel Collard e Francois Perrodo, che verranno affiancati dal campione italiano GT Endurance in carica, nonché già campione della Carrera Cup Italia, Alessio Rovera.

L’avvio dell’European Le Mans Series è previsto, salvo imprevisti, con la 4 Ore di Barcelona, in programma il 16-18 aprile prossimo, preceduto dai test collettivi del 12-13 aprile.

Piero Lonardo

Foto: United Autosports, Piero Lonardo

Turkey

ELMS – TF Sport sbarca in LM P2 e batte bandiera turca

Una delle squadre più vincenti nelle ultime stagioni in GTE-Am, vicecampione WEC 2019-2020 e vincitrice della medesima classe all’ultima 24 Ore di Le Mans, TF Sport, sarà al via della prossima stagione dell’European Le Mans Series con una nuova Oreca LM P2.

Il team prenderà il nome di Racing Team Turkey grazie a Salih Yoluc, che ancora una volta sarà il fulcro del programma della compagine britannica.

Al fianco di Yoluc, due vecchie conoscenze: il fido Charlie Eastwood, già insieme al turco nelle ultime due stagioni della serie mondiale, ed Harry Tincknell.

L’attuale driver ufficiale Mazda nel WeatherTech SportsCar Championship è stato campione 2016 della serie europea sull’Oreca LM P2 iscritta da G-Drive; in più il 29enne di Exeter può già vantare due vittorie alla 24 Ore di Le Mans, una in LM P2 nel 2014 e l’ultima lo scorso anno in GTE-Pro con l’Aston Martin ufficiale.

Va detto che il calendario IMSA prevede attualmente una concomitanza tra la gara di Mid-Ohio e la 4 Ore del Red Bull Ring, in programma entrambe il 16 maggio prossimo che, COVID permettendo, dovrebbe impedire la presenza di Tincknell in terra austriaca.

Ricordiamo infine che Yoluc prenderà contatto per la prima volta in forma ufficiale con una LM P2 in occasione della prossima Rolex 24 at Daytona, dove sarà al volante della Ligier iscritta da Eurasia e Rick Ware Racing. Anche TF Sport sarà di scena per la prima volta nel season opener IMSA, con una Vantage GT3 per lo stesso Eastwood, Ben Keating, Max Root e Richard Westbrook.

L’appuntamento con la serie europea è invece per metà aprile a Barcelona per i test collettivi cui farà seguito la 4 Ore.

Piero Lonardo

Foto: TF Sport/Racing Team Turkey

Lequien2

WEC/ELMS – Frédéric Lequien nuovo boss LMEM

Ufficializzato il nome del nuovo direttore generale della Le Mans Endurance Management, l’organizzazione che dirige il World Endurance Championship e l’European Le Mans Series, in Frédéric Lequien.

Il 48enne parigino ha iniziato la propria carriera nel mondo della pubblicità, gestendo a partire dal 2000 per Eurosport International la componente delle sponsorizzazioni e dei rapporti con i circuiti nei cosiddetti LG Super Racing Weekends che all’epoca portarono assieme FIA GT, ETCC e le World Series by Renault.

Successivamente Lequien ha svolto il ruolo di direttore aggiunto alla Dakar per conto della Amaury Sport Organisation (ASO) dal 2005 al 2011, per poi mettersi in proprio con la sua Bullitt Sport, agenzia che si occupa dell’organizzazione di eventi sportivi e di strategie di marketing.

A cura anche della Bullitt Sport l’organizzazione del Silk Way Rally, il rally-raid che attraversa Russia, Mongolia e Cina, e che nel prossimo luglio giungerà all’undicesima edizione.

Una scelta esterna quindi al mondo ACO quella di Lequien, che succede a Gérard Neveu, attuale CEO della Le Mans Esports Series.

Ricordiamo che a fine 2021 scadrà il terzo ed ultimo mandato di Jean Todt quale presidente della FIA: per il 55enne Neveu e per Pierre Fillon, presidente dell’ACO, classe 1958, potrebbe profilarsi un clamoroso avanzamento di carriera.

Piero Lonardo

Foto: ACO