Tutti gli articoli di Redazione

DTM Spa 2022

DTM – Cassidy e Preining svettano in Austria

Match ball mancato per Sheldon van der Linde al Red Bull Ring. Titolo DTM ancora in discussione dopo i trionfi di Cassidy (Ferrari) e  Preining (Porsche). Successo storico quello del Cavallino, il #500 per la 488 GT3.

Race-1

Nick Cassidy (AF Corse/Ferrari) non ha avuto molti rivali allo spegnimento dei semafori, perfetto a respingere ogni attacco da parte di Nico Mueller (Rosberg/Audi), René Rast (Abt/Audi) e soprattutto del portacolori di Lamborghini, Mirko Bortolotti.

Start1

Sheldon van der Linde (Schubert Motorsport/BMW) ha inaugurato la fase dei pit dopo otto passaggi. Undicesima piazza finale in rimonta per il leader della serie, in difficoltà dopo una mediocre qualifica.

Cassidy invece ha continuato a macinare giri veloci davanti a Rast che a sua volta era insidiato da Bortolotti; l’attacco del trentino ai danni del pluricampione tedesco però non è mai arrivato a compimento, e la battaglia ha permesso alla Ferrari di AF Corse di allungare fino al successo.

Cassidy si è fermato poco prima della chiusura della finestra per svolgere il cambio gomme, una strategia condivisa con Rast e Bortolotti, che concluderanno rispettivamente secondo e terzo sotto la bandiera a scacchi dietro il kiwi, che regala la vittoria numero 500 alla Ferrari 488 GT3.

Mueller dal canto suo ha tagliato il traguardo al sesto posto dietro Lucas Auer e Thomas Preining. Entrambi sono stati reinstallati nelle posizioni al traguardo dopo la revoca di una penalizzazione di 10″ attribuita nel post-gara.

Race-2

Start2GD

Maro Engel (GruppeM/Mercedes) ha mantenuto al meglio la prima posizione allo spegnimento dei semafori dopo la pole conquistata su pista bagnata in mattinata su Nick Cassidy (AF Corse/Ferrari). Ottimo spunto anche per Maxi Goetz (Winward Racing/Mercedes) e Philipp Eng (Schubert Motorsport/BMW) a seguire.

La gara è iniziata sotto una forte pioggia, condizione che è però mutata con il trascorrere dei minuti. L’asfalto del Red Bull Ring si è infatti asciugato progressivamente, e in molti hanno poi optato per le slick.

Opzione non condivisa però da Thomas Preining, in rimonta anche nella prima metà della race-2 con una serie di sorpassi incredibili. L’austriaco ha effettuato la sosta obbligatoria al 24mo passaggio, diversi minuti dopo di Luca Stolz (HRT/Mercedes).

Stolz non è stato però in grado di impensierire l’ex campione della Porsche Carrera Cup Deutschland, che nella seconda metà della competizione è stato semplicemente perfetto. Il padrone di casa ha pertanto condotto le danze alla perfezione, chiudendo al comando – primo austriaco e vincere al Red Bull Ring - un fine settimana da incorniciare che gli permette di rientrare prepotentemente nella lotta per il titolo 2022 davanti a Stolz ed Engel.

Quest’ultimo è stato primo a montare le slick ai box, ma un pit stop eccessivamente lungo ha limitato il pilota tedesco, che ha concluso  davanti alla Mercedes di Arjun Maini ed al già citato Eng.

Preiningwin

Ancora due gare alla fine

Sheldon van der Linde mantiene la leadership in classifica nonostante lo 0  del weekend. L’alfiere di BMW  con 130 punti mantiene 11 lunghezze di vantaggio su Auer, 13 su Rast, 14 su Preining e 18 su Bortolotti.

Tutti e cinque si disputeranno il titolo 2022 ad Hockenheim, il 7-9 ottobre.

Luca Pellegrini

Foto: Ferrari Races, Mercedes, TEAM 75 Bernhard

I risultati della Race 1

I risultati della Race 2

_PL57446 (1)

USCC – Cetilar propone de Pauw alla Petit Le Mans

Cetilar Racing cambia equipaggio per la 25ma Petit Le Mans: Ulysse de Pauw prende il posto di Antonio Fuoco quale titolare della Ferrari #47 insieme a Roberto Lacorte e Giorgio Sernagiotto.

Il giovane belga ricordiamo è il neocampione Silver Cup nell Fanatec GT World Challenge Europe powered by AWS Sprint Cup, nonché reduce dalla seconda vittoria assoluta conquistata appena due settimane fa in gara 1 a Valencia dopo il season opener di Brands Hatch, sempre su Ferrari gestita da AF Corse insieme a Pierre-Alexandre Jean.

dePAuw

Fuoco sarà impegnato nello stesso weekend insieme all’altro driver fin qui impegnato nella campagna americana, Alessio Rovera, con Iron Lynx insieme ad Alessandro Pier Guidi a Barcelona nel finale di stagione dell’Endurance Cup del GTWC.

Per de Pauw, come per Lacorte e Sernagiotto, si tratterà del debutto sul tracciato sede dell’atto finale del WeatherTech SportsCar Championship e della Michelin Endurance Cup, anche se i due piloti italiani hanno già svolto nei giorni scorsi una sessione di test. L’equipaggio tricolore dopo la strepitosa vittoria di Sebring mantiene la quinta posizione nella classifica riservata alle gare lunghe tra le GTD, a 10 lunghezze da Inception Racing.

L’appuntamento con la 25ma Petit Le Mans è per giovedí 28 settembre alle 9.50 AM ET con le prime libere.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo, GTWC

ELMS Round 4 2022 20220925 - No 22 Francorchamps_BEL for RacerViews dot com by Agence Dix Sept Media_202

ELMS – United Autosports non si smentisce a Spa. Titolo quasi assegnato a Prema

United Autosports piazza la quarta vittoria in cinque anni alla 4 Ore di Spa-Francorchamps, con Phil Hanson che aggiunge il successo odierno a quelli ottenuti nel triennio 2018-2020, questa volta in compagnia di Duncan Tappy e Tom Gamble al posto di Filipe Albuquerque.

La gara partiva con Niklas Knuetten che manteneva in tranquillità la leadership conquistata con la pole dal Cool Racing su Duncan Tappy; la vettura di IDEC Sport era costretta a recuperare a causa di un testacoda nel giro di ricognizione sulla pista ancora umida dalla pioggia caduta in nottata mentre al contrario l’Oreca di Inter-Europol, costretta a partire dal fondo a causa dell’interruzione nelle qualifiche, recuperava a passi da gigante.

Il podio temporaneo veniva completato da Ferdinand Habsburg di Prema, ma la gara libera durava ben poco a causa del testacoda della Ligier LM P3 del Team Virage. Tra le GTE Sarah Bovy era abile ad approfittare dell’errore del polesitter Conrad Grunewald, che costringeva la Ferrari Kessel a ripartire dalla terza piazza.

Una nuova neutralizzazione veniva posta in atto dalla direzione gara a causa di contatto che toglieva dalla gara i leader delle LM P3 di Cool Racing, con Mo Smith centrato alla Source da Horst Felbermayr Jr. La categoria sembrava in mano alle due vetture di United Autosports, ma presto Inter-Europol piazzava la sua seconda vettura al comando con Mateusz Kaprzyk.

ELMS Round 4 2022 20220925 - No 13 Francorchamps_BEL for RacerViews dot com by Agence Dix Sept Media_281

Il team battente bandiera polacca approfittava anche in LM P2 degli errori altrui per installarsi in seconda posizione assoluta e poi addirittura al comando, sfruttando un pitstop fuel only. Nicolas Lapierre, salito nell’abitacolo dell’Oreca #37 con gomme fresche, ingaggiava una lotta furiosa con Scherer e alla fine riprendeva il comando della gara, ma per poco, a causa di una foratura nella lotta con la vettura di United Autosports.

Una nuova Full Course Yellow ed un errore da parte di Davide Heinemeier-Hansson, subentrato a Scherer, permetteva a Phil Hanson di prendere la testa della gara con un robusto vantaggio sugli inseguitori. Frattanto il solito Nico Pino innescava un furioso forcing che gli permetteva di prendere la testa delle LM P3, mentre tra le GTE Mikkel Jensen riusciva a chiudere positivamente la rincorsa sulle Iron Dames, riappropriandosi della testa della categoria.

ELMS Round 4 2022 20220925 - No 57 Francorchamps_BEL for RacerViews dot com by Agence Dix Sept Media_285

Gli ultimi fuochi, con Tom Gamble a portare in sicurezza l’Oreca #22 per prima sotto la bandiera a scacchi, venivano regalati da Pietro Fittipaldi, il quale riusciva a tenere dietro il campione in carica Louis Deletraz che mandava nuovamente a podio la capolista Prema, e dalle vetture Pro/Am di AF Corse e Racing Team Turkey, con il sub di lusso Will Stevens ad avere la meglio all’ultima curva, la Bus Stop, su Alessio Rovera.

ELMS Round 4 2022 20220925 - No 34 Francorchamps_BEL for RacerViews dot com by Agence Dix Sept Media_345

Il podio delle LM P3 di completava con la Duqueine del DKR e la Ligier #7 del Nielsen Racing, mentre dietro le due Ferrari si classificava la Porsche Absolute.

In classifica generale, Prema ha praticamente il titolo in tasca con 100 punti contro i 76 dell’equipaggio del Panis Racing, che chiude in P4; cambio della guardia invece tra le LM P3, con Inter-Europol, alla terza vittoria di fila, a scavalcare il Cool Racing e a portarsi a ben +19 sul team svizzero. In GTE infine, sono ancora tre gli equipaggi matematicamente in lizza per il titolo, con Proton Competition, quest’oggi gravato da ben 40 kg extra, che chiude in P5 e mantiene 9 punti di vantaggio sui vincitori odierni e 21 sui campioni uscenti di Iron Lynx.

L’ultimo atto della serie europea a Portimao il 16 ottobre.

Piero Lonardo

Photo: www.agencedixsept.media

L’ordine di arrivo della 4 Ore di Spa-Francorchamps

Leman

LMC – A Spa, vittoria al Graff e titolo anticipato al Racing Spirit of Leman

Il circuito di Spa non manca mai di regalare emozioni e anche la gara della Michelin Le Mans Cup non è stata da meno, coronata da un sorpasso all’ultimo giro da parte di David Droux che regala la prima vittoria stagionale al Graff, mentre il titolo 2022 va al Racing Spirit of Leman con una gara d’anticipo grazie al sesto posto ottenuto da Tom Dillmann e Alexander Mattschull.

I 110’ di corsa sono stati marcati dal meteo avverso, e la Safety Car ha introdotto le 35 vetture, prive dell’Aston Martin del Bullitt Racing, già out prima del via, sulla pista bagnata.

LMC-Start

Alla separazione dalla vettura di servizio dopo 15’, Freddie Hunt manteneva la prima piazza garantita dalla pole position davanti a Torsten Kratz e a Luis Sanjuan, ma da dietro avanzava Jerome de Sadeleer con la vettura dell’MV2S, presto P2 alle spalle del figlio d’arte, ma dopo poco era Jonathan Brossard a richiamare nuovamente in causa la Safety Car, terminando della ghiaia a Pouhon.

Dopo altri 20’ di neutralizzazione, Kratz si reimpossessa della seconda piazza, mentre Hunt macina giri veloci, perfettamente a proprio agio sotto la pioggia, ma in questa fase è lo specialista ed ex-campione Laurents Hörr a porsi in evidenza, guadagnando la quarta piazza dalla 17ma piazzola di partenza, per poi porsi addirittura alle spalle del battistrada, ancorchè ben distanziato.

Tra le GT3, Gino Forgione riusciva ad inserirsi brevemente nel trenino delle 3 Honda, salvo poi perdere nuovamente la posizione dopo il pit per cedere il volante ad Andrea Montermini. Sulla NSX GT3 saliva per la prtima volta Jan Magnussen, e poco dopo si impossessava della seconda piazza alle spalle di Gustav Birch.

Reiter

Mads Silhjehaug, subentrato ad Hunt, manteneva ed anzi aumentava il vantaggio sugli inseguitori, ora capitanati da Leronard Weiss e David Droux, che sulla Ligier del Graff presto chiudeva sul tedesco per andare alla caccia del norvegese, ormai avanti 30”. La Duqueine #3 del DKR, ora nelle mani assai meno capaci di Jim Brownson, dopo aver resistito a Weiss cedeva di schianto.

La gara sembrava decisa a favore del Reiter Engineering, ma prima la vettura di AT Racing, nella sabbia alla Bruxelles, riportava in pista la Safety Car, poi a causa di Brownson fermo nella ghiaia era Full Course Yellow. Il distacco tra i battistrada si era ormai assottigliato ad una manciata di secondi, e Droux con un forcing finale arrivava alle calcagna della bianca Ligier. Dietro era lotta al coltello fra Josh Skelton con la seconda entry del Racing Spirit of Leman, Malthe Jakobsen del Cool Racing e Colin Noble del Nielsen Racing, che supererà il polesitter ELMS della categoria.

Il sorpasso decisivo per il primo posto di forza, a Les Combes, all’ultimo giro, su Siljehaug, il quale tenterà di riattaccare a propria volta, vanamente. Alexander Mattschull dal canto suo portava la Ligier #10 alle spalle della top five, quanto basta per aggiudicarsi il titolo 2022 con una gara d’anticipo insieme a Tom Dillmann per il Racing Spirit of Leman. Col secondo posto odierno, Hune e Siljehaug si installano in seconda posizione, un punto avanti all’equipaggio dell’MV2S e a +7 rispetto a Jakobsen e Mo Smith.

JMB44

Il trenino finale delle GT3 premia la Honda #44 di Jens Møller e Gustav Birch sulla #88 di Jan Magnussen e la #55 di Kristian Poulsen e Kasper Jensen e la Ferrari dell’ex-F1. L’equipaggio della #55 conduce ora con 92 punti contro i 77 di Birch e Møller ed i 75 di Lars Engelbreckt Pedersen, compagno di Magnussen.

Ultimo appuntamento del 2022 con la Michelin Le Mans Cup a Portimao il 15 ottobre

Piero Lonardo

Foto: Le Mans Cup

I risultati delle Qualifiche

L’ordine di arrivo

ELMS Round 5 2022 - Test Day 20220921 - No 37 Francorchamps_BEL for RacerViews dot com by Agence Dix Sept Media_22

ELMS – Cool Racing domina le qualifiche di Spa

Cool Racing dominatore delle qualifiche della 4 Ore di Spa-Francorchamps con Yifei Ye ed il tempo di 2.03.544. Il campione in carica ELMS con WRT era già al comando prima dell’interruzione della sessione causata dopo circa 6’ da Fabio Scherer, fuori alla Bruxelles per Inter-Europol (peraltro ripartito coi propri mezzi poco dopo) ed ha limato 1” alla sua precedente prestazione, regalando al team svizzero la sua prima pole dell’anno dopo le due del 2021.

A 3 decimi Patrick Pilet guadagna la prima fila con la vettura di IDEC Sport, mentre Panis Racing ed United Autosports, ancora in lotta per il titolo con Prema, quest’oggi ottava, occuperanno la seconda grazie alle prestazioni di Nico Jamin e Phil Hanson, a oltre 6 decimi dal leader.

Charlie Eastwood dal canto suo ha ribadito lo stato di grazia suo e del Racing Team Turkey ottenendo il quinti tempo, migliore fra le Pro/Am.

ELMS Round 5 2022 20220924 - No 17 Francorchamps_BEL for RacerViews dot com by Agence Dix Sept Media_206

Nemmeno Malthe Jakobsen fallisce l’ennesima qualifica dell’anno e completa la giornata trionfale di Cool Racing conquistando la quinta pole tra le LM P3. Il talentino danese ha fissato i cronometri su 2.11.062 lasciando Kay van Berlo con la Ligier #3 di United Autosports ad quasi 9 decimi ed il suo maggiore rivale per il titolo di categoria, Nico Pino di Inter-Europol ad oltre 1“1.

ELMS Round 5 2022 20220924 - No 57 Francorchamps_BEL for RacerViews dot com by Agence Dix Sept Media_236

Conrad Grunewald infine conquista la prima pole position in GTE per la Ferrari di Kessel / Car Guy, surclassando la concorrenza col tempo di 2.17.074, capitanata dall’Aston Martin di Ahmad Al Harthy, a oltre 1”1 dal leader. A seguire Diego Alessi sulla Ferrari di Rinaldi Racing e Sarah Bovy, che sulla pista di casa non è andata oltre 1”3 di distacco per le Iron Dames.

Lo start della 4 Ore di Spa-Francorchamps domani alle 11.30

Piero Lonardo

Foto: www.agencedixsept.media

I risultati delle Qualifiche

RacingTeamTurkey2

ELMS – Racing Team Turkey al top in attesa delle qualifiche

Le ultime due sessioni di prove libere della 4 Ore di Spa-Francorchamps sono state dominate a sorpresa dal Racing Team Turkey, che ha piazzato Salih Yoluc al top nel Bronze Test di venerdí pomeriggio e Charlie Eastwood nelle Libere 2 conclusesi poco fa.

La sessione è iniziata su pista bagnata e, man mano che si è andata ad asciugare, ha visto il limite abbassarsi sino a 2.07.756 del pilota britannico, a sua volta seguito da un’altra vettura Pro/Am, quella dell’Algarve Pro Racing con Alex Peroni, a 151 millesimi.

Primo tra gli equipaggi Pro Fabio Scherer di Inter-Europol davanti al polesitter di Barcelona, Nico Jamin del Panis Racing ed al mattatore della prima giornata, Phil Hanson, con l’Oreca di United Autosports.

Cool17

Tra le LM P3 è stato ancora una volta Malthe Jakobsen a primeggiare con la Ligier #17 del Cool Racing ed il tempo, sicuramente non competitivo a livello generale (il best lap di ieri del danese è stato migliore di oltre 5”), di 2.16.669. A seguire United Autosports con la Ligier #3 di Kay van Berlo ed Eurointermational con Xavier Lloveras sulla vettura condotta insieme al deb Miguel Cristóvão.

Ancora una Porsche in testa alle GTE, con Zach Robichon e la 911 RSR-19 #93 di Proton Competition. Il campione in carica IMSA delle GTD ha fissato i cronometri sul 2.20.507, precedendo di oltre 1”5 Ahmad Al Harthy con l’Aston Martin del l’Oman Racing by TF Sport e la Ferrari Kessel / Car Guy di Conrad Grunewald, il migliore ieri tra i piloti Bronze.

Alla sessione non ha partecipato la Ferrari di Spirit of Race, ritirata dalla gara per problemi personali di uno dei suoi piloti, Duncan Cameron, che avrebbe festeggiato qui la sua 50ma gara nella serie europea.

Tutto pronto quindi per le qualifiche, come sempre separate per categoria, a partire dalle 14.25.

Piero Lonardo

Foto: ELMS

I risultati delle Libere 2

I risultati del Bronze Test

Barc_long

GTWC Europe – 49 vetture per il gran finale di Barcelona

SRO ha reso nota la lista dei piloti che parteciperanno il prossimo weekend alla 3h di Barcellona, epilogo del Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS Endurance Cup, che assegnerà gli ultimi titoli in palio a due settimane dalla chiusura della Sprint Cup di Valencia che ha incoronato anche Raffele Marciello quale campione overall, bis del titolo 2018.

Tra le novità, da segnalare un cambio importante in casa Iron Lynx, team che si contenderà con Antonio Fuoco il titolo PRO contro la Mercedes #88 di Raffaele Marciello/Jules Gounon/Daniel Juncadella (Akkodis ASP), leader dopo l’acuto di Spa-Francorchamps.

Fuoco si alternerà con il campione 2021 Alessandro Pier Guidi ed Alessio Rovera, in scena nuovamente nel GTWC Europe al posto di Daniel Serra. Il brasiliano e Davide Rigon non si recheranno in Catalogna visto l’impegno con Risi Competizione a Road Atlanta nella Petit Le Mans, in cui l’accoppiata si alternerà con James Calado sulla Ferrari iscritta in GTD PRO.

Il britannico dal canto suo cederà il proprio posto sulla 488 GT3 #51 di Iron Lynx a Giancarlo Fisichella, fresco vincitore a Vallelunga nel Campionato Italiano GT Endurance, che si alternerà al volante con Nicklas Nielsen e Miguel Molina.

L’ultima tappa dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship costringerà anche l’olandese Nick Catsburg ad un cambio di programma. Il pilota BMW sarà infatti presente come sempre come terzo uomo di Corvette Racing #3 in GTD PRO con Antonio Garcia e Jordan Taylor, una situazione che ha costretto ROWE Racing a chiamare in causa al suo posto l’altro factory driver BMW Philipp Eng. Augusto Farfus e Nick Yelloly si alterneranno con l’austriaco, protagonista la settimana scorsa nel DTM.

Appuntamento sul Circuiti de Catalunya a partire da venerdì 30 settembre con le prime libere.

Luca Pellegrini

Foto: GTWC Europe

L’Entry list di Barcelona

_MG_1908iiiiiiiiiiii

ELMS – Hanson ancora il più veloce nelle prime libere di Spa

Phil Hanson e l’Oreca di United Autosports hanno dominato la prima sessione di prove libere della 4 Ore di Spa-Francorchamps. Il campione ELMS 2020 ha fissato i cronometri sul tempo di 2.04.977, lontano comunque di oltre 6 decimi dalla sua migliore prestazione nei test di mercoledí.

A seguire Patrick Pilet sulla vettura di IDEC Sport, a 2 decimi; nettamente più lontani gli avversari, capitanati da Febio Scherer di Inter-Europol e Nicolas Lapierre di Cool Racing, con distacchi oltre secondo; l’Oreca del team svizzero è stata inoltre protagonista dell’unica red flag della sessione. Ancora più dietro i leader in classifica di Prema, solamente P11 dietro anche ai migliori equipaggi Pro/Am.

_MG_1582

Nella sottocategoria che prevede almeno un gentleman la palma dei migliori questa volta è andata al Nielsen Racing, grazie alla prestazione di Ben Hanley davanti ai due contender, Racing Team Turkey, cui è stato invalidata per track limits – in generale, la direzione gara è andata giù pesante sui limiti di pista – una prestazione che sarebbe valsa la quarta piazza assoluta, ed AF Corse.

Tra le LM P3, si ripete il duello della classifica generale tra Cool Racing ed Inter-Europol. Questa volta è stato Malthe Jakobsen a segnare la migliore prestazione con 2.11.741, vicina al best lap dei test ottenuto da Nico Pino, che lo segue a oltre 6 decimi.

Alessio Picariello dal canto suo è stato l’unico tra i leader di categoria a migliorarsi rispetto ai test. L’italo belga dell’Absolute Racing ha infatti limato con 2.16.946, quasi 2 decimi dalla sua prestazione di mercoledí mattina, precedendo di oltre mezzo secondo Richard Lietz con la Porsche Proton #93. Il rientrante Matthew Payne ha infine chiuso il podio virtuale con la Ferrari del JMW Motorsport. E’ ancora no-show infine per la Ferrari #33 di Rinaldi Racing, che porta il numero delle vetture partecipanti a 40 unità.

La giornata prosegue con il Bronze Test alle 14.46.

Piero Lonardo

Foto: Roberto Beretta

I risultati delle Libere 1

BMW8

USCC – La BMW M Hybrid V8 si presenta con la line-up IMSA

Nella nottata italiana ha visto la luce presso il Petersen Musem di Los Angeles la nuova BMW M Hybrid V8, che sarà protagonista della categoria regina del WeatherTech SportsCar Championship a partire dalla prossima Rolex 24 at Daytona.

BMW

Va detto che i colori definitivi, svelati alla presenza del CEO BMW M, Franciscus van Meel, del responsabile di BMW M Motorsport Andreas Roos, di John Doonan presidente IMSA e dai proprietari del team RLL, Bobby Rahal, David Letterman e Patrick Lanigan, non differiscono più di tanto dalla vettura di test vista finora solo sui circuiti europei.

BMW9

BMW ha infatti iniziato a partire da questa settimana a Sebring un intenso programma di test che proseguirà con le sessioni collettive invernali a Road Atlanta (dove sarà in esposizione nell’ambito della 25ma Petit Le Mans) e a Daytona per prepararsi al meglio per il debutto di gennaio 2023.

BMW1

Resa nota anche la lista degli equipaggi che gareggeranno sulle due nuove LMDh/GTP e per tutto il campionato: si tratta di Connor De Phillippi e Nick Yelloly e di Philipp Eng e Augusto Farfus. Tutti e quattro hanno fatto parte delle line-up alternatesi durante l’attuale stagione sulle M6 GT3 in GTD Pro, ma tra i titolari si nota l’assenza di John Edwards, a lungo portabandiera del marchio di Monaco.

In compenso, è già stato annunciato il primo rinforzo per la Rolex 24, nella persona dell’asso IndyCar Colton Herta, già vincitore a Daytona nella GTLM nel 2019 con la BMW M8 GTE.

Ricordiamo che la BMW M Hybrid V8 parteciperà anche al World Endurance Championship e alla 24 Ore di Le Mans a partire dal 2024.

Piero Lonardo

Foto: BMW

ELMS_Calendar

ELMS – Ecco il calendario 2023. Novità Aragón in notturna

Ancora una volta l’European Le Mans Series rispetta la tradizione ed approfitta del round di Spa-Francorchamps per la presentazione della stagione successiva.

Ancora sei le gare in programma nel 2023, con due novità, entrambe in salsa spagnola: il prologo, i tradizionali test collettivi, ritornano a Barcelona come nel 2021, il 19/20 aprile, e si proseguirà in un periodo meteorologicamente più gradevole rispetto alla passata stagione con la 4 Ore del 23 aprile.

Prende il suo posto nell’ultima schedule una nuova venue, il Motorland Aragòn, che proporrà una gara in notturna di sabato sera il 26 agosto.

Gli altri quattro round sono all’insegna della stabilità, con la 4 Ore di Imola il 7 maggio, ultima gara della serie europea a precedere la 24 Ore di Le Mans, seguita da Le Castellet il 16 luglio.

Il calendario si chiuderà con i consueti appuntamenti di Spa-Francorchamps del 24 settembre e Portimao il 15 ottobre.

LMC_Calendar

Diffusi anche i calendari delle altre serie a contorno: sempre 6 date per la Michelin Le Mans Cup, con il fiore all’occhiello della Road to Le Mans l’8-9 giugno. La serie cadetta – le cui gare manterranno la durata di 110’ salvo le due manches del Circuit de la Sarthe, di 55’ ciascuna – ritorna inoltre a Barcelona, dove svolgerà i propri test il 18 aprile, ma mancherà nel round notturno di Aragòn.

Calendrier 2023 (bannière)

La Ligier European Series infine, giunta alla quarta stagione, seguirà il calendario della Le Mans Cup, tornando per la seconda volta, sempre in atto unico, a Le Mans, il 4 giugno 2023. I restanti appuntamenti rimarranno in forma di doubleheader partendo da Barcelona fino a Portimao.

Piero Lonardo

Foto: ELMS, LMC, LES