Tutti gli articoli di Redazione

WTR_podium

USCC – Al Glen “Albuquick” regala la vittoria al WTR. Ferrari-Risi sfortunata ma a podio

Le Acura sono state assolutamente le vetture da battere alla 6 Ore del Glen e, nonostante una gara tormentata dalle neutralizzazioni ed una red flag della durata di un’ora per allerta meteo, alla fine si sono ritrovate a disputarsi la vittoria sul filo dei decimi. Alla fine l’ha spuntata il WTR con Filipe Albuquerque autore di un sorpasso al restart su Tom Blomqvist fotocopia di quello effettuato al primo giro sull’alfiere del MSR.

La gara della Acura #10 comunque poteva prendere una brutta piega a causa di una curiosa strategia del team diretto da Wayne Taylor che lasciava il portoghese fuori per circa un’ora e mezza, nel tentativo di sfruttare al meglio le tante interruzioni della prima parte di gara – ben cinque delle sei totali, tutte causate dalle LM P3. Il gioco delle soste, una volta ripristinata finalmente la gara libera, lasciava alternarsi le due Acura al comando fino al ricompattamento finale ed allo shootout degli ultimi 20’.

MSRWTR

Blomqvist in realtà si è dovuto anche guardare alle spalle del ritorno di Sebastien Bourdais, ancora una volta il migliore tra le Cadillac, che però, nonostante i ben 25 kg concessi dal BoP, come tutte le altre DPi V.R, non ha mai avuto la concreta possibilità di agguantare una delle prime due posizioni. A seguire l’altra vettura del Team Ganassi e quella dell’Action Express/Whelen Racing, dove la sostituzione di Tristan Nunez con Olivier Pla pare non aver sortito gli effetti previsti. Fuori dal giro dei primi le altre Cadillac DPi di Ally/Action Express e JDC-Miller.

PR1b

La gara delle LM P2, dopo una lotta ravvicinata a quattro in regime di corsa libera, alla fine sembrava nelle mani del DragonSpeed e della famiglia Montoya; invece, complice una penalità assegnata nelle ultime fasi di gara ma riferita al periodo di corsa precedente alla red flag, è stato Scott Huffaker a tagliare per primo la bandiera a scacchi sulla capolista del PR1 Mathiasen condivisa con Ben Keating e Mikkel Jensen.

Huffaker, alla seconda vittoria stagionale, è stato abile nel tenere dietro nel finale Louis Deletraz con la vettura del Tower Motorsport. Completa il podio il Racing Team Nederland.

La solita corsa ad eliminazione invece tra le LM P3, che va ad incoronare come a Daytona i campioni uscenti del Riley Motorsports sul Core Autosport. Incredibile la terza posizione al traguardo della pattuglia Andretti dopo la bellezza di quattro soste extra per tre penalità ed una foratura, vanificata da un’infrazione per tempo minimo di guida a favore del Performance Tech.

Risi

Poteva essere una giornata sfavillante per la Ferrari e Risi Competizione, che ritornava in GTD Pro dopo Sebring, ma i calcoli del team di Houston non permettevano alla 488 GT3 di completare la distanza senza un ultimo splash (situazione peraltro analoga per gli immediati inseguitori di Pfaff Motorsports, Vasser Sullivan e WeatherTech Racing), cosí era la BMW a festeggiare il primo successo sul traguardo della M4 GT3 con John Edwards, Connor de Philippi ed Augusto Farfus.

Partita dalla pole, la M4 perdeva terreno durante le neutralizzazioni, cedendo il passo alla Aston Martin dello Heart of Racing, che chiuderà al secondo posto, con Ross Gunn ad imitare Albuquerque con un primo stint infinito, ed infine alla Corvette, le cui ambizioni, già messe alla prova in precedenza da un drive-through per track limits, verranno totalmente vanificate da una foratura.

GTD23

A causa di un’infrazione per tempo minimo di guida, la BMW veniva penalizzata nel post gara, lasciando alla Aston Martin il successo finale. Alla fine Risi Competizione si può consolare col secondo gradino del podio davanti allo Pfaff Motorsports.

Anche in GTD infine, il primo successo stagionale del Winward Racing, che dopo l’exploit della Qualifying Race di Daytona non era più riuscita ad andare a podio, veniva vanificato dalle verifiche post-gara. Lo specialista Marvin Dienst si era ritrovato al comando a metà gara, dopo che le prime fasi sono state appannaggio dell’altra AMG GT3 del Korthoff Motorsports del capoclassifica Steven McAleer, rallentata da una foratura a fronte di un contatto, e della BMW del Turner Motorsports.

Poi a sorpresa era la McLaren di Inception Racing ad ereditare il comando, ma solo fino al successivo giro di pit, che lasciava la Mercedes #57 davanti sulla BMW del Paul Miller Racing. Le vetture non necessitavano di rifornimento per lo shootout finale, ed il contatto con la McLaren del Crucial Motorsport, che metteva fuori causa la BMW del Paul Miller Racing lasciava 3” di vantaggio alla Mercedes #57 sulla Aston Martin dello Heart of Racing, che dopo le decisioni della direzione gara veniva elevata a vincitrice davanti ad Inception Racing il gradino basso del podio ed alla BMW del Turner Motorsports.

Aston_podio

Un’onesta P5 nonostante una gara tra alti e bassi per i trionfatori di Sebring di Cetilar Racing, ma purtroppo è andata peggio all’altra 488 GT3 di AF Corse, ko prima della metà gara dopo il contatto con la Porsche del Wright Motorsports.

In classifica generale, la vittoria odierna porta al comando il WTR, alla terza vittoria stagionale. Il PR1 Mathiasen consolida invece la propria leadership tra le LM P2, leadership mantenuta anche dallo Pfaff Motorsports in GTD Pro.

Il prossimo appuntamento col WeatherTech SportsCar Championship già la settimana prossima col ritorno dopo due anni di assenza causa COVID al Canadian Tire Motorsport Park. Assenti da calendario le LM P2, si prevedono diverse defezioni tra le squadre statunitensi dovute alle restrittive procedure ancora in vigore per entrare nel Paese della foglia d’acero.

Piero Lonardo

Foto: Michelin Racing USA, PR1 Mathiasen, Ferrari Races

L’ordine di arrivo della 6 Ore del Glen

_PL56133

WEC – A Hertz/Jota la prima Porsche LMDh clienti

Dopo l’annuncio di JDC-Miller nella serie IMSA, ecco Jota accodarsi quale primo team clienti Porsche nel World Endurance Championship.

Il team britannico, dominatore tra le LM P2 nella recente 24 Ore di Le Mans, gestirà un effort della durata triennale a partire dal 2023 patrocinato in primis dalla Hertz, responsabile dell’annuncio, e dal Singer Group.

Al momento non si conosce se il team schiererà una o addirittura tutte e due delle nuove 963 presentate ieri a Goodwood destinate ai clienti WEC, nè tantomeno livrea e piloti, anche se Antonio Felix da Costa, protagonista a Le Mans e nelle ultime stagioni nella serie mondiale nella categoria cadetta, dovrebbe fare parte della line-up.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

MSR

USCC – Chi fermerà le Acura al Glen? JDC-Miller primo cliente Porsche GTP

Le Acura sembrano proprio le machine da battere alla 6 Ore del Glen. Tom Blomqvist, dopo aver dominato entrambe le sessioni di libere con la vettura del Meyer Shank Racing, ha ribadito il concetto poco fa nelle qualifiche col tempo di 1.29.580, precedendo l’altra ARX-05 del WTR di Filipe Albuquerque di poco meno di 2 decimi.

Il tutto nonostante i ben 25 kg di disavanzo assegnato alle Cadillac dall’ultimo Balance of Performance, con Sebastien Bourdais, ancora una volta il migliore delle DPi. V.R sul giro secco, a quasi mezzo secondo. A seguire l’altra vettura del Team Ganassi con Earl Bamber, Olivier Pla nuovamente incaricato di piazzare la vettura dell’Action Express/Whelen Racing e Tristan Vautier per il JDC-Miller.

Il team del Minnesota a sorpresa ha annunciato di essere il primo cliente della nuova Porsche 963 annunciata ieri. Il piano del costruttore tedesco di schierare in totale quattro nuove GTP a Daytona (due ufficiali per il Team Penske più due vetture clienti) potrebbe però facilmente essere dirottato su Sebring, lasciando il JDC-Miller senza opzioni per il season opener, poichè ben difficilmente l’IMSA permetterà la coesistenza fra le vecchie DPi e le GTP.

Tornando ai risultati odierni della pista, solo tre giri ad andatura lenta per problemi ai freni per l’ultima Cadillac, quella dell’Ally/Action Express per Kamui Kobayashi, che chiude la graduatoria complessiva.

PR1

Non fallisce la pole position Ben Keating tra le LM P2 per il PR1 Mathiasen che fa anche doppietta con Steven Thomas, che alla fine sconterà appena un millesimo col tempo di 1.33.930 nella lotta fra i recenti vincitori di Le Mans.

Chiusa anzitempo per il contatto di Jarett Andretti a circa 5’ dal termine la sessione delle LM P3. La pole di categoria va al talentino teutonico di origine argentina Nico Varrone, autore di 1.40.028 con la Duqueine del FastMD Racing, ben mezzo secondo più veloce della Ligier di Josh Sarchet dell’MLT Motorsports.

BMW25

Prima di tutte però è stata la volta delle GT3, con la prima pole delle BMW M4 in GTD Pro grazie a Connor de Philippi, che col tempo di 1.44.755 ha tenuto dietro per appena 48 millesimi l’Aston Martin di Ross Gunn. P3 per Davide Rigon e la Ferrari di Risi Competizione, dietro alla migliore delle GTD, la Mercedes del Team Korthoff di Steven McAleer. Il capoclassifica precede a sua volta la Lexus di Richard Heistand e alla BMW del Paul Miller Racing di Robbie Foley, qui con una iconica livrea patriottica. P8 di categoria per la 488 GT3 dei vincitori di Sebring del Cetilar Racing con Giorgio Sernagiotto, mentre Luis Perez Companc si accomoderà in fondo allo schieramento per AF Corse.

PMR

Alla sessione, oltre alla seconda entry del Winward Racing, team che non è riuscito a mettere insieme un equipaggio attorno ad Alec Udell, non hanno partecipato la Porsche dell’Hardpoint e l’Acura del Gradient Racing, entrambe coinvolte in un incidente in curva 6 durante le ultime libere con Katharine Legge e Kyffin Simpson al volante. Ancora assente infine Jack Hawksworth, sempre sofferente per l’incidente di motocross che lo ha tenuto lontano da Detroit, nei ranghi del Vasser Sullivan

Domenica lo start della 6 Ore del Glen alle 10.40 AM ET, vale a dire le 16.40 nostrane. Streaming gratuito sul sito IMSA https://www.imsa.com/tvlive/

Piero Lonardo

Foto: MSR, PR1, Michelin Racing USA, Paul Miller Racing

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2

I risultati delle Qualifiche

Porsche0

WEC/USCC – Ecco la Porsche 963!

Come anticipato su queste pagine, il Festival Of Speed di Goodwood è stato la cornice scelta da Porsche per rivelare poco fa la livrea ed il nome della sua nuova LMDh, prossima protagonista del WEC e del WeatherTech SportsCar Championship.

Porsche2

Si chiamerà Porsche 963 (anche se quella denominazione era già stata usata dalla casa di Stoccarda per una vettura di produzione) ed i colori scelti richiamano  il tipico schema Porsche bianco, rosso e nero reso famoso sia sulle 917 che sulle più recenti 919 Hybrid.

Porsche3

A spingere la 963 un motore da 500 kW e a guidarla un mix di otto piloti di esperienza e gioventù di vari Paesi: Kévin Estre, Michael Christensen, André Lotterer, Laurens Vanthoor, Matt Campbell, Mathieu Jaminet, Dane Cameron e Felipe Nasr.

Solo una citazione per ora per Fred Makowiecki riferito all’impegno nello sviluppo in pista e al simulatore nella vettura, anche se ulteriori nomi per le gare “lunghe” verranno divulgati in seguito. Speriamo che il nostro Gianmaria Bruni possa fare parte di questo gruppo.

Porsche1

Da segnalare infine a titolo di cronaca lo scoop riportato stamane su reddit che esponeva le medesime immagini, pronte per essere pubblicante sul prossimo numero di Racer Engineering.

Piero Lonardo

Foto: Porsche Motorsport

 

Misano_poster

GTWC Europe – 27 auto a Misano per la Sprint Cup

Saranno 27 le vetture che parteciperanno alla tappa di Misano Adriatico del Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS Sprint Cup dal 1º al 3 luglio. Meno di due settimane quindi alla seconda competizione italiana della serie di SRO, evento da non perdere che potrebbe cambiare nuovamente la classifica generale della Sprint Cup.

Dries Vanthoor/Charles Weerts (WRT #32/Audi) approdano in Italia pronti a confermarsi al vertice e gestire il mezzo punto di margine sulla Mercedes #89 di Timur Boguslavskiy/Raffaele Marciello (Akkodis ASP #89)

Cresce frattanto lo schieramento con l’aggiunta di due Lamborghini che solitamente partecipano al Campionato Italiano GT. Albert Costa/Alberto Di Folco rappresenteranno in PRO Imperiale Racing #663, mentre Mattia Di Giusto /Jonathan Ceccotto (LP Racing #888) si aggiungono alla PRO-Am portando lo schieramento a cinque unità.

Da segnalare infine la conferma di Vincent Abril/Dennis Lind a bordo della McLaren #112 di JP Motorsport, equipaggio che sarà nuovamente  al via della PRO Cup.

L’entry list del GTWC Europe – Misano

Luca Pellegrini

Foto. GTWC Europe

Noris_Start2021

DTM – Qualifiche a gruppi al Norisring

Cambia il format per le qualifiche del DTM in occasione della gara cittadina del Norisring. Gli organizzatori hanno deciso di suddividere in due gruppi i 29 protagonisti al fine di garantire una sessione regolare ed evitare degli immaginabili problemi dovuti al traffico in pista.

Il Gruppo A ed il Gruppo B avranno 20 minuti di tempo per completare almeno un giro cronometrato. La suddivisione avverrà in base al posizionamento nella classifica generale, chi segnerà il miglior tempo delle due sessioni scatterà dalla pole-position ed avrà il diritto di scegliere il lato per affrontare la partenza.

In caso di un ipotetico giro veloce del ‘Gruppo A’, il secondo classificato scatterà in terza piazza, il quarto in quinta e così via fino all’esaurimento della graduatoria (7-9-11-13-15-17-19-21-23-25-27-29). Gli altri, invece, occuperanno tutte le posizioni pari (2-4-6-8-10-12-14-16-18-22-24-26-28).

Layla Wagner, responsabile competizione e tecnologia di ITR, ha rilasciato ai media: “Abbiamo avuto una buona interazione con i piloti e i team. Le qualifiche sono state discusse sotto la guida del direttore di gara Scot Elkins”.

Luca Pellegrini

Foto: DTM Norisring

KCMG_Spa

GTWC Europe – Porsche al top nel day 2 dei test di Spa con KCMG ed EMA Motorsport

Cala il sipario sui test della 24h di Spa-Francorchamps, competizione che vivremo a fine luglio. EMA Motorsport #74, team australiano rappresentato da Mathieu Jaminet/Matt Campbell/Felipe Nasr, ha completato la giornata al comando in 2.18.069, prestazione comunque lontana dal 2.17.461 che ieri era stato siglato dall’Audi del WRT di Dries Vanthoor/Charles Weerts /Kelvin van der Linde.

EMA_day2

Porsche, al top anche in mattinata con Laurens Vanthoor/Nick Tandy/Dennis Olsen (KCMG #47) si contende il primato con Audi a meno di un mese dalla prova più importante per quanto riguarda il Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS, campionato che tra meno di due settimane sarà nuovamente in scena a Misano per il quarto atto della Sprint Cup.

Luca Pellegrini

Foto: KCMG, EMA Motorsport

Porsche_LMDh

WEC/USCC – Ogier chiude con Richard Mille. Porsche attesa per venerdí, mentre Cadillac si mostra

La settimana post Le Mans per una volta è stata parca di news, con l’attenzione dell’endurance che torna nuovamente alla pista nel weekend con la 6 Ore del Glen del WeatherTech SportsCar Championship.

Oggi invece una raffica di novità, a partire da Sebastien Ogier, che mediante una dichiarazione a mezzo social ha annunciato di aver chiuso qui per quest’anno col WEC e col Richard Mille Racing.

_PL59946

Per Ogier, che ricordiamo lo scorso anno testò la Toyota in Bahrain, la prima parte di stagione sarebbe stata una marcia di avvicinamento a Le Mans, reale obiettivo del nove volte campione WRC.

Al momento non si conosce chi sarà ad affiancare da Monza Lilou Wadoux e Charles Milesi al volante dell’Oreca LM P2 #1, nè tantomeno se Toyota farà un pensierino futuro sullo schierare Ogier nuovamente a Le Mans, magari su di una terza vettura, che data la rinnovata concorrenza magari potrebbe anche fare comodo.

Tra le novità più attese tra le Hypercar/GTP c’è ovviamente la Porsche LMDh che, dopo la robusta serie di test dei quali è stata protagonista sin da inizio anno in livrea camo, dovrebbe finalmente mostrarsi nel suo aspetto definitivo venerdí, come anticipato nel tardo pomeriggio sull’account Twitter di Porsche Motorsport. Prima di mostrarsi anche al Festival Of Speed di Goodwood.

Da indiscrezioni pare che Penske, che ricordiamo pure ha terminato anticipatamente il proprio impegno nella serie mondiale, non abbia intenzione di inflazionare la prossima edizione di Le Mans con troppe vetture; curiosamente, altre indiscrezioni vogliono che la casa di Stoccarda abbia già venduto sulla carta alcuni esemplari della nuova vettura ad un fidato team privato. Vedremo come si evolverà la situazione….

Tra la concorrenza nella classe regina non si dovrebbe più contare l’Alpine, che per il 2023, dopo che il WEC ha dato fumata nera all’impiego della A480-Gibson LM P1 per la terza stagione di fila, dovrebbe presentarsi, in attesa della nuova Hypercar sviluppata con Oreca, ai nastri di partenza della serie mondiale con ben due Oreca LM P2. Ricordiamo che Alpine ha trionfato nella categoria cadetta nel 2016 e nella SuperSeason 2018-19, aggiudicandosi anche tre vittorie a Le Mans.

Sempre nella giornata odierna indiscrezioni che Jimmie Johnson potrebbe essere interessato a far parte del programma di Hendrick Motorsports atto a riportare una vettura NASCAR alla prossima Le Mans. Il sette volte campione NASCAR potrebbe quindi essere al volante della Next Gen Chevrolet Camaro ZL1 annunciata quale Garage 56 in quel di Sebring.

Cad1

Avvistata infine nell’insolita vetrina dell’EyesOn Design Car Show in Michigan la Cadillac LMDh. Per quanto si tratti di una maquette senza componenti meccaniche, si tratta della prima esposizione pubblica del prototipo annunciato nella settimana di Le Mans.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo, Porsche Motorsport, dtrockstar1

WRT

GTWC Europe – 65 auto per la 24h di Spa 2022. WRT al top nella prima giornata di test

Saranno ben 65 le vetture che prenderanno parte alla 24h Spa-Francorchamps, competizione valida per il Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS Endurance Cup e per l’Intercontinental GT Challenge Powered by Pirelli. Ci sarà da divertirsi nella maratona delle Ardenne con 23 auto attese nella classe PRO, 18 in Silver, 14 nella neonata Gold Cup ed 8 in PRO-Am.

Appuntamento a fine luglio per una gara unica, ma da non perdere nel frattempo i test ufficiali iniziati nella giornata odierna con le prime importanti indicazioni dalla mitica pista belga.

Dopo la prima giornata al comando c’è il team di casa WRT grazie alla prestazione di Charles Weerts, autore di 2.17.461 con l’Audi #32 condivisa con Kelvin van der Linde e Dries Vanthoor. Quest’ultimo ha ribadito il concetto nel pomeriggio, piazzandosi al top. A seguire la Porsche Dinamic di Matteo Cairoli e la BMW ROWE Racing di Nicky Catsburg..

Domani si prosegue con la seconda giornata di Test, ma nel frattempo qualche pillola:

  • Nelle prove di questo fine settimana e nell’imminente 24h mancheranno all’appello le riconoscibili McLaren oro di JP Motorsport. Vincent Abril/ Dennis Lind/Christian Klien (PRO #111) e Patryk Krupinski/ Maciej Blazek/ Christopher Brück (Silver #112) hanno deciso di rinunciare all’evento.
  • Nella classe PRO ritroveremo solo una McLaren, affidata a Oliver Wilkinson/Marvin Kirchhöfer/Rob Bell (JOTA #38). Ricordiamo che la compagine britannica ha salutato il gruppo della Sprint Cup dopo il crash avvenuto a Magny-Cours lo scorso maggio.
  • Cambio equipaggio per Mercedes-AMG Team GetSpeed #2, formazione che non vedrà Maro Engel. Il tedesco, rimpiazzato da Maxi Goetz, si alternerà nella maratona delle Ardenne con AMG Team GruppeM Racing #55 insieme a Maximilian Buhk/Mikaël Grenier.
  • Mercedes, Lamborghini, Porsche ed Aston Martin porteranno una vettura extra in PRO. La scelta non è stata seguita da Audi e da Ferrari, squadra che ha vinto il titolo nella passata stagione con Iron Lynx al termine di una prova ricca d’emozioni.

Barwell

  • Livrea speciale per Barwell Motorsport per la 24h di Spa-Francorchamps
  • Sven Müller/Marvin Dienst/Julien Andlauer sono attesi al via della 24h di Spa-Francorchamps con Toksport WRT #100. La compagine tedesca, presente lo scorso anno con Mercedes, si appresta per la seconda 24h con Porsche dopo aver gareggiato in quel del Nürburgring.
  • Manca tra i PRO il neozelandese Earl Bamber. L’alfiere di Cadillac Racing per l’IMSA WeatherTech SportsCar Championship sarà in ogni caso presente nella corsa in PRO-Am con Piti Bhirombhakdi/Christophe Hamon/Tanart Sathienthirakul (Singha Racing Team TP 12 #39).
  • L’ex vincitore del GTWC Europe sarà presente anche in veste di team principal della propria squadra. Adrian D’Silva/Brenton Grove/Stephen Grove/Matt Payne militeranno in PRO-AM con l’Earl Bamber Motorsport, team regolarmente iscritto con il Fanatec GT World Challenge Asia Powered by AWS.

DeAngelisi

  • Roman De Angelis sarà al via della 24h di Spa in Gold Cup con Beechdean AMR #97. Il vincitore della WeatherTech Sprint Cup 2021 dividerà l’abitacolo con Andrew Howard/Valentin Hasse-Clot/ Theo Nouet nella speciale Gold Cup.
  • In PRO-Am ritroviamo anche SunEnergy1- by SPS #75, squadra che ha vinto a metà maggio la Bathurst 12h dell’Intercontinental GT Challenge Powered by Pirelli. Martin Konrad/Kenny Habul/Phillip Ellis/Dominik Baumann sono attesi in Belgio con Mercedes.
  • Robby Foley/Michae Dinan/Jens Klingmann/Richard Heistand si aggiungono al gruppo della Gold Cup con Walkenhorst Motorsport #34. La squadra legata a BMW, iscritta full-time nel DTM 2022, schiererà una M4 GT3 anche tra i ‘Bronze’ con Henry Walkenhorst/Friedrich Von Bohlen/Jörg Breuer/Mario Von Bohlen.
  • Alla 24h di Spa rivedremo anche Alessio Rovera. Il lombardo, presente regolarmente nell’European Le Mans Series e nel FIA World Endurance Championship in LMP2 PRO/Am, si alternerà al volante insieme a Louis Machiels/Andrea Bertolini/Stefano Costantini (AF Corse #53).

L’Entry list della 24h Spa 2022

Luca Pellegrini

Foto: WRT, Barwell Motorsports, Beechdean AMR

EMA

GTWC Europe – Diverse novità tra i Pro per la 24H di Spa

Si avvicinano i Test Days per la 24H di Spa-Francorchamps, valida quale terza prova della Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS Endurance Cup, e nella giornata di oggi sono stati ben tre gli annunci, tutti tra i Pro.

EMA Motorsport con Porsche

EMA Motorsport ha reso noto il terzetto che schiererà il prossimo luglio per l’edizione 2022 della 24h di Spa-Francorchamps. La squadra australiana, presente full-time nella Porsche Carrera Cup Australia parteciperà alla tappa regina del Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS nientemeno che con il medesimo equipaggio che ha vinto a gennaio la Rolex 24 at Daytona con Pfaff Motorsports (GTD PRO).

Mathieu Jaminet, Matt Campbell e Felipe Nasr sono infatti attesi in pista nella sfida valida per l’Intercontinental GT Challenge Powered by Pirelli, un terzetto che ovviamente militerà tra i PRO. La compagine legata al marchio di Stoccarda sarà presente nei test che si disputeranno nei prossimi due giorni.

Kpaxlogo

K-Pax Racing con Caldarelli/Pepper/Mapelli

Andrea Caldarelli, Jordan Pepper e Marco Mapelli entrano nell’entry list della 24h di Spa-Francorchamps con una Lamborghini Huracan GT3 schierata dal K-Pax Racing.

Caldarelli/Pepper, campioni in carica del Fanatec GT World Challenge America Powered by AWS, tornano in coppia per l’appuntamento belga, corsa valida anche per l’Intercontinental GT Challenge Powered by Pirelli. A rinforzare il terzetto Marco Mapelli, pure campione della serie endurance nel 2019,  con l’intenzione di portare al marchio di S.Agata la prima gioia stagionale nella serie.

Spa_podium

TF Sport e The Heart of Racing uniscono le forze

La squadra protagonista  tra le GTD e le GTD Pro nel WeatherTech SportsCar Championship si unisce alla compagine britannica, presente full-time con il marchio inglese nel FIA World Endurance Championship e nell’European Le Mans Series per la 24 Hours of Spa, nella quale ha già trionfato tra i Pro/Am nel 2019.

Alex Riberas, Charlie Eastwood e Ross Gunn militeranno nella classe PRO, un equipaggio da tenere in considerazione per la lotta al podio. Quest’ultimo terzetto si unisce all’altra Vantage GT3  #95 di Marco Sorensen/Nicki Thiim/Maxime Martin (Beechdean AMR), regolarmente presente nel GTWC Europe Endurance.

Luca Pellegrini

Foto. TF Sport, EMA Motorsport, K-Pax Racing