Archivi tag: Le Mans

WTR2

USCC – “Albuquick” da leggenda a Road America per il WTR

E’ difficile rimanere imparziali quando ci capita di vedere un’azione in pista di particolare valore, e quest’oggi a Road America Filipe Albuquerque, soprannominato “Albuquick” negli States è stato protagonista di un sorpasso di quelli che ricorderemo ai danni di Oliver Jarvis, involandosi per la vittoria che vale anche la leadership nel WeatherTech SportsCar Championship.

Ma andiamo per ordine. La gara è iniziata sotto gli auspici di un meteo complicato, e gli organizzatori, memori del complesso post-gara del Glen, in prospettiva di una gara bagnata hanno deciso di ridurre i tempi minimi di guida per tutte le categorie salvo nelle DPi, che ricordiamo prevedono solamente 10’.

La pioggia infatti non si è fatta attendere, ma il tempismo preventivato dall’IMSA si è scontrato col misfire della BMW GTD Pro, subito ferma lungo il circuito con problemi di misfire. Bisognava quindi attendere i fatidici 20’ minimi e la situazione è stata gestita senza neutralizzazioni.

Toccava invece all’Oreca LM P2 di Steven Thomas, toccato da dietro dalla vettura dell’High Class Racing, portare in pista la safety car per la prima volta al minuto 26. Nel frattempo la foschia si era trasformata in pioggia su gran parte del circuito ed è stato il momento delle scelte. Tutte le GT optavano per le wet, mentre tra i prototipi solo il box JDC-Miller decideva per le gomme da bagnato.

Risultato, Richard Westbrook si involava sulla concorrenza, e Ricky Taylor, incaricato del secondo stint, cedeva di schianto la prima posizione alla Cadillac di Richard Westbrook, che presto macinava un vantaggio imbarazzante sul resto del lotto, inspiegabilmente ancora sulle gomme da asciutto. Solo al MSR si pensava di richiamare Oliver Jarvis per modificare l’assetto (operazione personalmente mai vista ai box) e montare in un secondo tempo prima un altro treno di slick e poi finalmente le wet.

Lexus14b

Tra le GTD Pro, Jordan Taylor usciva davanti alle due capolista, ma il vantaggio della Corvette durava un amen e Ben Barnicoat riportava la Lexus davanti a tutti seguito da Mathieu Jaminet con la Porsche dello Pfaff Motorsports, che piú tardi sfruttando un errore del pilota britannico si portava al comando della categoria.

Dopo un’ora di gara finalmente anche le altre DPi si adeguavano alle condizioni della pista e si riportavano alle spalle di Westbrook e Jarvis. Le altre categorie erano appannaggio di Louis Deletraz (PR1 Mathiasen) Felipe Fraga (Riley Motorsports) e Mike Skeen (Korthoff Motorsports), inseguito dal recente vincitore della 24 Ore di Spa, Dani Juncadella, che dopo poco aveva la meglio sull’altra Mercedes per la leadership in GTD.

La seconda neutralizzazione veniva chiamata forse un po’ ruffianamente alla metà gara per qualche detrito in Canada Corner, e tutti ne approfittavano per rimontare le slick. Vantaggio annullato quindi per Tristan Vauteir, che aveva preso il posto di “Westy”, e poco dopo il restart Barnicoat riprendeva il comando delle GTD Pro.

Ormai era solo questione di tempo affinchè il comando dell’assoluta passasse di mano, e l’occasione veniva data dalla terza Full Course Yellow, provocata da un lungo della Ligier LM P3 del leader della categoria Gabby Chaves in T14, che l’inseguitore Malthe Jakobsen non poteva evitare terminando a muro.

Al pit, con 45’ restanti sul cronometro, le due Acura di MSR e WTR svettavano sulle Cadillac di Van der Zande e Vautier, mentre il leader delle GTD, Juncadella, commetteva un’ingenuità passando col semaforo rosso. Incredibilmente Juan Pablo Montoya, risalito sino al top delle LM P2 con la vettura del DragonSpeed, riforniva in regime di corsa libera perdendo tutto il vantaggio accumulato.

La battaglia per la testa della gara si faceva rovente fino al sorpasso decisivo, complice guardacaso l’Acura NSX GT3 del Rick Ware Racing, con Albuquerque che con due ruote sull’erba passava Jarvis per il comando.

Dietro, i duellanti Vautier e Van der Zande si accompagnavano fuori, lasciando spazio all’altra Cadillac di Earl Bamber per la terza piazza.

Ma non era finita, perchè Jarvis, nel tentativo di difendersi da Bamber, perdeva il controllo della sua ARX-05, girandosi e sbattendo a muro in curva 11 a 8’ dal termine. Si finisce quindi in regime di neutralizzazione con la quarta vittoria stagionale del Wayne Taylor Racing, che prende anche il comando della classifica generale.

ERA

Vittorie di classe per Ryan Dalziel/Dwight Merriman ed Era Motorsports, grazie ad un sorpasso all’ultimo giro su Louis Deletraz in LM P2, del Riley Motorsports di Felipe Fraga e Gar Robinson in LM P3 e della Lexus di Ben Barnicoat e Jack Hawksworth in GTD Pro.

RileyLe fasi finali della GTD hanno visto la BMW leader provvisoria del Turner Motorsport cedere alla Mercedes del Winward Racing. Il veteranissimo Bill Auberlen è stato poi coinvolto in un contatto con la Lexus di Aaron Telitz ed ha perso diverse posizioni, terminando solamente in P10. Dietro la Mercedes #57 chiudono a podio quindi la Lamborghini del CarBahn with Peregrine Racing e la Lexus #12.

Winward

Il gran finale del WeatherTech SportsCar Championship di Road Atlanta del 1° ottobre, ultima gara ricordiamo per le DPi, sarà preceduto dal secondo appuntamento riservato alle sole GT presso il Virginia International Raceway (VIR), il 28 agosto.

Piero Lonardo

Foto: WTR, Lexus Racing USA, Era Motorsports, Michelin Racing USA, Winward Racing

L’ordine di arrivo

WTR

USCC – Albuquerque riporta in pole il WTR a Road America

Filipe Albuquerque riduce leggermente il distacco in classifica dai rivali dell’MSR conquistando la pole position a Road America nell’undicesimo appuntamento del WeatherTech SportsCar Championship.

L’alfiere del WTR, alla prima partenza al palo del 2022 (a Laguna Seca fu il compagno di squadra Ricky Taylor a portare l’Acura #10 al top), è stato protagonista di un giro pressochè perfetto segnando il tempo di 1.48.195, che ha lasciato la Cadillac di Alex Lynn quasi 2 decimi dietro.

Il vantaggio garantito dal BoP specifico non si è quindi concretizzato per le DPi V.R, che lasciano anche la terza piazza a Tom Blomqvist con l’ARX-05 capolista, con l’altro contender, Sebastien Bourdais, a chiudere la lista delle DPi ed anticipatamente anche la sessione a causa di un inconsueto errore terminato con un duro contatto in curva 14.

PR1s

Nella graduatoria corta delle LM P2, Steven Thomas regala l’ennesima pole di categoria al PR1 Mathiasen col tempo di 1.54.137, precedendo l’altra vettura del team di Patrick Kelly.

SeanCreech_pole

Non sfugge invece tra le LM P3 il miglior tempo allo specialista Malthe Jakobsen, di ritorno al Sean Creech Motosports, che col tempo di 1.59.434 lascia a ben 7 decimi la vettura dell’Andretti Autosport.

Lexus1La battaglia delle GT infine premia Jack Hawksworth, in gran forma dopo le vicissitudini fisiche delle scorse settimane, che piazza la Lexus del Vasser Sullivan davanti a tutti col tempo di 2.05.365. Niente da fare per Matt Campbell e la Porsche capolista GTD Pro dello Pfaff Motorsports, che si produce anche in un testacoda nelle fasi finali della sessione nel tentativo di riprendere la testa della categoria.

BMW_Turn

Dietro la Corvette di Antonio Garcia si piazza Robbie Foley, che con la BMW M4 GT3 del Turner Motorsport riesce a precedere l’altra Lexus iscritta in GTD di Frankie Montecalvo e la Lamborghini del Peregrine with CarBahn dell’ex-Indy Lights Robert Megennis.

Domani lo start della gara, che si prevede movimentata dal meteo, avverrà per motivi televisivi alle 11.40 AM ET, vale a dire le 17.40 italiane, e sarà visibile come di consueto gratuitamente, in diretta streaming sul sito IMSA https://www.imsa.com/tvlive/.

Piero Lonardo

Foto: WTR, PR1 Mathiasen, Sean Creech Motorsports, Michelin Racing USA

I risultati delle Qualifiche

2023-Schedule-Slides_080522_IWSCCLASS

USCC – Nel calendario 2023 Indy prende il posto di Detroit e Mid-Ohio

Diffusa nella nottata italiana la schedule dei campionati IMSA e del WeatherTech SportsCar Championship nel corso dell’abituale appuntamento denominato “State of the Sport” a Road America.

Come già reso noto lo scorso weekend, Indianapolis rientra nel calendario dalla massima serie endurance sostituendosi di fatto a Mid-Ohio, che esce dal calendario insieme a Detroit. L’abituale appuntamento di giugno in coabitazione con l’IndyCar, posto a ridosso della 24 Ore di Le Mans, sarà invece riservato alla Michelin Pilot Challenge.

Modificate inoltre le date di alcuni appuntamenti quali Laguna Seca, Mosport, Lime Rock e Road Atlanta, mentre è stato confermato che la Roar Befor the 24 come negli ultimi due anni precederà di un weekend la Rolex 24 at Daytona. Nessun accenno per ora alla “Super Sebring” insieme al WEC, anche se la data di settembre di Indianapolis suggerisce un prossimo cambiamento di rotta dell’appuntamento comune, magari nel 2024, allorquando nei piani di Roger Penske, boss di IMS, IndyCar e del team che schiererà le nuove Porsche 963 ufficiali in entrambi i campionati, la durata della gara verrà incrementata.

La nuova top class GTP apparirà in nove degli undici eventi in programma, di questi, le LM P2 salteranno Long Beach e Mosport, mentre le LM P3, che saranno protagoniste anche di una nuova serie riservata di sei gare in coabitazione con le GSX (GT4) denominata IMSA VP Racing SportsCar Challenge, non saranno di scena nell’intera trasferta californiana di Long Beach e Laguna Seca.

Le GTD Pro/GTD infine saranno sempre presenti, compresi i due tradizionali eventi loro riservati di Lime Rock e VIR. Differentemente a quanto ipotizzato da diverse fonti, non è stato posto in essere il mandato obbligatorio di avere un pilota bronze ranked tra le GTD, ma il preesistente Bob Akin Award riservato al gentleman più performante e che garantiva un invito a Le Mans verrà sostituito da un nuovo trofeo, la Bob Akin Bronze Cup, cui verrà riservata una premiazione separata e manterrà il diritto all’iscrizione alla classica della Sarthe dell’anno successivo.

In programma anche un’estensione del tempo in pista per i piloti bronze, ulteriore avvicinamento ai canoni ACO adottati in ELMS, da cui si differenzia comunque sempre, oltre che per la presenza della classe top e nel formato delle gare, anche per l’eleggibilità delle categorie. Oltre alla nuova GTP infatti che sarà prevista almeno fino al 2027, le LM P2 e le LM P3 sono state confermate solo fino al termine della prossima stagione, mentre GTD PRO e GTD continueranno ad utilizzare le specifiche GT3 almeno sino al 2026.

Il calendario del WeatherTech SportsCar Championship 2023:

20-22 Gennaio — Roar Before the Rolex 24 (tutte)

26-29 Gennaio — Rolex 24 at Daytona (tutte)

15-18 Marzo — Mobil 1 Twelve Hours of Sebring (tutte)

14-15 Aprile — Long Beach (GTP, GTD Pro, GTD)

12-14 Maggio — WeatherTech Raceway Laguna Seca (GTP, LMP2 GTD Pro, GTD)

23-25 Giugno — Sahlen’s Six Hours of The Glen (tutte)

7-9 Luglio — Canadian Tire Motorsport Park (GTP, LMP3, GTD Pro, GTD)

21-22 Luglio — Lime Rock Park (solo GTD Pro, GTD)

4-6 Agosto — Road America (tutte)

25-27 Agosto — Virginia International Raceway (solo GTD Pro, GTD)

15-17 Settembre — Indianapolis Motor Speedway (tutte)

11-14 Ottobre — Motul Petit Le Mans (tutte)

Piero Lonardo

Foto: IMSA

Cad02

USCC – Cadillac-Acura 1-1 nelle libere di Road America

E’ finita con un virtuale pareggio la prima giornata di prove a Road America. Le Cadillac infatti dopo le modifiche al BoP paiono potersi finalmente confrontare ad armi pari con le altre DPi e conquistano il top spot nella seconda sessione di libere grazie alle due vetture del Team Ganassi di Alex Lynn e Sebastien Bourdais.

Lynn ha segnato il best lap di 1.49.321 in un turno caratterizzato da una lunga sospensione per problemi di asfalto in curva 1, precedendo di 2 decimi il quattro volte campione ChampCar e di 3 le due ARX-05 di Filipe Albuquerque ed Oliver Jarvis.

Nella sessione inaugurale era stato invece Ricky Taylor a segnare il passo con 1.50.539 davanti ad Earl Bamber e Pipo Derani con l’altra DPi V.R dell’Action Express.

Tra le LM P2, nella classifica combinata, lotta tra veterani con Ryan Dalziel e la vettura di Era Motorsport col tempo di 1.52.619 davanti a Tristan Nunez del PR1 Mathiasen e a Juan Pablo Montoya del DragonSpeed.

Il best lap delle LM P3 va all’ex-campione Indy Lights Gabby Chaves con la Ligier dell’Andretti Autosport ed il tempo di 2.00.039, il migliore della seconda sessione; allo specialista Malthe Jakobsen invece lo scettro della prima sessione per il Sean Creech Motorsports.

Jack Hawksworth dal canto suo ha dimostrato di essere ritornato in forma dopo l’incidente motociclistico che lo ha tenuto al palo per un paio di gare ed ha segnato il miglior tempo tra le GTD Pro con la Lexus del Vasser Sullivan e 2.05.968, precedendo di un nulla l’altra RC F GT3 del compagno di squadra Frankie Montecalvo, leader in GTD.

Il programma prosegue con le qualifiche alle 12.00 PM ET odierne, le 18 italiane, visibili gratuitamente, come la gara di domenica, in diretta streaming sul sito IMSA https://www.imsa.com/tvlive/.

Piero Lonardo

Foto: IMSA

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2

Start

USCC – Si riprende a ranghi completi a Road America

Nel weekend ritorna il WeatherTech SportsCar Championship a ranghi completi per la prima volta dopo la 6 ore del Glen in un’altra sede iconica del motorsport USA, Road America.

Sul tracciato del Wisconsin si daranno battaglia 37 vetture suddivise in cinque classi. Tra le DPi è caccia alle Acura di MSR e WTR, che però sconteranno per l’occasione 10 kg extra, che porterà il peso minimo delle ARX-05 a 940 kg, appena 5 in meno delle Cadillac, che con i due equipaggi del Team Ganassi hanno forse l’ultima possibilità, prima del gran finale di Road Atlanta, di chiudere il gap con le due capolista.

Sei anche le LM P2 iscritte, dove John Farano deve difendere 37 punti di vantaggio sul DragonSpeed di Juan Pablo Montoya ed Henrik Hedman. Ancora pienamente in lizza anche il PR1 Mathiasen, dove Tristan Nunez sostituirà l’ex-teammate in Mazda, Jonathan Bomarito, ed Era Motorsport.

Il successo delle LM P3 viene ribadito dalle nove presenze, con la new entry JDC-Miller per Gerry Kraut e Scot Andrews; James French dal canto suo fa ritorno alla squadra di casa, il Performance Tech, al fianco di Dan Goldburg e al posto di Rasmus Lindh, mentre lo specialista della categoria, Malthe Jakobsen, torna al volante della Ligier del Sean Creech Motorsports con Joao Barbosa.

In classifica generale il CORE Autosport, forte delle due vittorie ed un secondo posto nelle quattro gare precedenti tira al bis del 2021, che renderebbe la 25ma Petit Le Mans una formalità.

Col recente passaggio della Mercedes del WeatherTech Racing fra le GTD si riducono ad appena cinque le GTD Pro. Le Porsche, compresa quello dello Pfaff Motorsports largamente capolista e trionfatrice a Lime Rock, sconteranno 10 kg extra.

Ben undici invece le GTD, classe che vede il ritorno della Lamborghini del’NTE Sport, mentre il neovincitore della 24H di Spa, Dani Juncadella, si ritroverà al volante della Mercedes iscritta dal title sponsor della serie, insieme a Cooper MacNeil per la terza volta dopo Daytona e Laguna Seca. Le AMG GT3, vincitrici poi squalificate di Lime Rock col Winward Racing, sconteranno ben 20 kg di zavorra, terzo ed ultimo aggiustamento previsto dal Balance of Performance per la gara del Midwest.

Pur mancando ancora l’acuto, è comunque sempre una Mercedes, quella del Korthoff Motorsports con Stevan McAleer, a primeggiare nella specifica graduatoria, con 40 punti di vantaggio sulla Porsche del Wright Motorsports e 61 su Roman de Angelis, alfiere di Heart of Racing.

In questa classifica pesa tantissimo il forfait forzato di inizio stagione del Paul Miller Racing, che da Sebring in poi ha totalizzato una vittoria ed altri due podi, ma nonostante tutto è praticamente tagliata fuori dalla lotta finale, al contrario dell’equipaggio dell’altra BMW M4 GT3 del Turner Motorsport, quarti a -112.

Le ostilità a Road America inizieranno venerdí 5 agosto alle 12.05 PM ET con le prime libere. Qualifiche sabato 6 alle 12.00 PM ET e start della gara, della durata standard di 2 ore e 40 minuti, alle 11.40 AM ET, vale a dire le 17.40 italiane. Qualifiche e gara saranno fruibili come sempre in diretta streaming gratuita sul sito IMSA https://www.imsa.com/tvlive/.

Piero Lonardo

Foto: IMSA

L’entry list di Road America

BMW_WRT copia

WEC – BMW si allea con WRT per il 2024

Ormai nel motorsport siamo abituati al ripetersi di annunci e controannunci; cosí oggi, dopo la notizia della separazione di WRT da Audi, ecco la formalizzazione dell’accordo fra la squadra belga e BMW per il WEC.

Per portare in pista nel mondiale la nuova BMW M Hybrid V8 a partire dal 2024 è stato infatti scelto il team diretto da Vincent Vosse, il quale ha firmato l’accordo, che prevede lo sviluppo durante la prossima stagione in previsione della partecipazione anche alla 24 Ore di Le Mans, insieme a Franciscus van Meel, CEO BMW M GmbH, Andreas Roos, Capo di BMW M Motorsport, e al CEO di Weerts Group, Pascal Weerts.

L’accordo col Team WRT, ricordiamo fondato nel 2009 e detentore del titolo WEC LM P2 ed ELMS, dovrebbe estendersi anche alle GT, come fatto intendere dal boss BMW.

“I successi e l’estesa esperienza fanno di WRT il partner ideale per il nostro ritorno a Le Mans. Dal go, le discussioni con Vincent Vosse ed i suoi partners sono state molto positive ed è stato immediatamente chiaro che condividevamo una passione per il progetto WEC e la BMW M Hybrid V8, e cosí non c’è voluto molto per giungere ad un accordo” ha affermato Andreas Roos “Ora seguirà un periodo di intensa preparazione il prossimo anno prima delle partecipazioni competitive nel 2024. Non abbiamo ancora considerato potenziali apparizioni per il Team WRT in GT racing. Nei prossimi mesi valuteremo il nostro programma per le BMW M4 GT3 per la stagione 2023 in stretta collaborazione con tutti i nostri team.”

Vincent Vosse ha poi aggiunto: “Tutti noi al Team WRT siamo estremamente felici di questa nuova partnership con BMW M Motorsport e ci sentiamo onorati di essere associati con un marchio di tale pedigree nel motorsport. Il Team WRT è stato lanciato tredici anni or sono ed ha ottenuto continui successi nelle diverse categorie, perlopiù GT3 e gare di durata. Sin dall’inizio la 24 Ore di Le Mans è stata nei nostri piani e nei nostri sogni, ed essere parte della nuova era delle Hypercar del WEC era il nostro desiderio più forte. Per prepararci, due anni fa abbiamo lanciato un programma LM P2, in cui abbiamo dimostrato di essere competitivi e di successo, conquistando i titoli ELMS e WEC nonchè una vittoria di classe a Le Mans alla nostra prima partecipazione. Entrare nell’arena delle LMDh con un partner forte quale BMW era il passo logico successivo e non siamo solo eccitati dalla sfida ma anche grati a BMW per aver creduto in noi. Posso ricordare la vittoria di BMW a Le Mans nel 1999 perchè ero uno dei piloti nel box a fianco – con la Porsche LMGTS del Roock Racing International Motorsport, ndr - e lavoreremo duro per ripetere questi momenti e per viverli assieme.”

Ricordiamo che WRT era stata in precedenza associata al programma LMDh Audi prima che questo venisse posto in stand-by dai vertici della casa tedesca.

Piero Lonardo

Foto: BMW

07-29-IMSA-Announcement-Story

USCC – Ritorno ad Indianapolis nel 2023 (ed oltre)

In attesa della nuova schedule completa del WeatherTech SportsCar Championship, che dovrebbe essere diffusa nel prossimo round di Road America, l’IMSA, ente organizzatore della serie, ha approfittato del weekend congiunto NASCAR/IndyCar di Indianapolis per annunciare il ritorno sul tracciato dell’Indiana nel 2023.

La gara, denominata “IMSA Battle on the bricks” della durata standard di 2 ore e 40’, si terrà, il 17 settembre 2023, e segnerà il ritorno delle gare endurance sulla più famosa pista statunitense dal 2014, anno del “merge” tra ALMS e Grand-Am.

La gara, fortemente voluta dallo stesso Roger Penske, proprietario di IMS ed IndyCar, ma anche del team che porterà in pista le nuove Porsche 963 LMDh/GTP ufficiali a partire dalla prossima stagione, prelude, come fa intendere lo stesso annuncio, ad impegni di durata maggiore nel 2024 e nel 2025, quale quinta tappa della Endurance Cup insieme a Daytona, Sebring, Watkins Glen e Road Atlanta; aggiungiamo noi, con un occhiolino al WEC, che – come da rumors – potrebbe farne la sua seconda tappa americana dopo la tradizionale apertura di Sebring.

Piero Lonardo

Foto: IMS

FERRARI_296GT3_2O

WEC/USCC/GTWC – Ecco la Ferrari 296 GT3!

Presentata oggi ufficialmente nell’ambito della 24 Ore di Spa la splendida Ferrari 296 GT3, la nuova GT del Cavallino, pronta per i campionati IMSA ed SRO e (dal 2024) per il World Endurance Championship e Le Mans.

Di seguito il comunicato in formato integrale:

FERRARI 296 GT3, UN V6 PER UNA NUOVA STORIA SPORTIVA

·       La 296 GT3 è la nuova Ferrari progettata per le competizioni GT che raccoglie l’eredità della 488 GT3

·       Segna il ritorno in pista di una Ferrari equipaggiata con un propulsore 6 cilindri, disposto in posizione centrale-posteriore come la 246    SP

·       Il telaio e la dinamica veicolo sono stati studiati per offrire prestazioni e facilità di guida tanto ai piloti professionisti quanto ai gentlemen driver

·       L’aerodinamica della 296 GT3 ha portato ad un guadagno del 20% in termini di carico verticale rispetto alla 488 GT3, limitando al massimo la sensibilità alle variazioni di assetto

·       Debutto in gara previsto alla 24 Ore di Daytona 2023

La Ferrari 296 GT3 rappresenta il futuro del Cavallino Rampante nelle competizioni per vetture gran turismo, quelle che permettono la relazione più stretta con il cliente e il travaso più consistente di tecnologie e soluzioni innovative sulle vetture di serie. La 296 GT3 nasce dalla 296 GTB, la più recente evoluzione del concetto di berlinetta sportiva a 2 posti a motore centrale-posteriore della Casa di Maranello.

La Ferrari 296 GT3 è un progetto innovativo, in pista e fuori, che la Casa del Cavallino Rampante ha deciso di sviluppare per continuare la tradizione vincente che affonda le sue radici nel 1949, quando la 166 MM si aggiudicò la 24 Ore di Le Mans. Un approccio nuovo dal punto di vista della progettazione, della gestione della vettura in tutte le fasi di un weekend di gara, dell’elettronica, fino alla nuova architettura del propulsore, un 6 cilindri turbo a 120°. Un concetto inedito, creato attorno alle esigenze dei team, dei piloti professionisti e dei gentlemen driver, storicamente al centro delle attenzioni della Casa. Una vettura studiata minuziosamente in ogni dettaglio, sotto tutti i punti di vista, secondo i dettami del nuovo regolamento dedicato alle GT3.

Piero Lonardo

Foto: Ferrari

FERRARI_296GT3_1

 

FERRARI_296GT3_3

FERRARI_296GT3_4

FERRARI_296GT3_10 copia

BMW_test

WEC/USCC – BMW, primo collaudo ok, poi anche a Le Mans nel 2024

BMW ha reso noto poco fa di aver terminato con successo il primo collaudo in pista della M Hybrid V8, la nuova LMDh/GTP destinata a debuttare nel WeatherTech SportsCar Championship a partire dalla prossima Rolex 24 at Daytona di gennaio 2023.

Con Connor de Philippi e Sheldon van der Linde al volante, la BMW M Hybrid V8 ieri ha assaggiato la pista di casa di Dallara, Varano de’ Melegari, offrendo risultanze positive, anche ad alte potenze.

BMW_test2

Ulteriori test sono previsti su piste europee nel mese di agosto, allorchè i tecnici ed i meccanici del BMW M Team RLL ed una crew di esperti di BMW M Motorsport andranno negli States per continuare i test il mese successivo.

BMWs

Ma la notizia si completa con l’ingaggio di BMW anche nel World Endurance Championship e a Le Mans a partire dal 2024. Ricordiamo che fra due anni ricorrerà il 25ennale della vittoria assoluta da parte di Joachim Winkelhock, Pierluigi Martini e Yannick Dalmas sulla BMW V12 LMR, vettura che nel 1999 trionfò anche alla 12 Ore di Sebring con JJ Lehto, Jörg Muller ed un giovanissimo Tom Kristensen.

I relativi equipaggi per i due campionati verranno annunciati a tempo debito.

Piero Lonardo

Foto: BMW

Lambo_CaldBort

WEC/USCC – Lamborghini annuncia Caldarelli e Bortolotti

Andrea Caldarelli e Mirko Bortolotti sono i primi due factory driver del programma Lamborghini LMDh; l’annuncio nella mattinata di oggi. Il progetto Lamborghini LMDh, che porterà in pista una seconda Hypercar battente bandiera italiana insieme a Ferrari nella massima categoria endurance, ricordiamo ha Ligier Automotive quale partner tecnico.

Di seguito il comunicato in formato integrale:

Lamborghini Squadra Corse annuncia i primi due piloti selezionati per la line-up del programma LMDh (Le Mans Daytona hybrid), che debutterà nel 2024 nel FIA World Endurance Championship (classe Hypercar) e nell’ IMSA WeatherTech SportsCar Championship (classe GTP). I Factory Driver Andrea Caldarelli e Mirko Bortolotti, entrambi attualmente impegnati nelle più importanti competizioni GT con Lamborghini, vengono confermati anche per il nuovo progetto, non solo come piloti ma anche come collaudatori per contribuire allo sviluppo del prototipo.

“Siamo particolarmente orgogliosi di annunciare Mirko e Andrea come primi piloti per il programma LMDh – commenta Giorgio Sanna, Lamborghini Head of Motorsport -. Entrambi hanno contribuito in modo fondamentale al raggiungimento di risultati storici per Lamborghini in ambito GT e l’inserimento nel progetto LMDh premia anche la continuità del loro impegno nella famiglia Squadra Corse. Sono sicuro che il loro talento ed esperienza saranno un valore aggiunto per essere competitivi nella classe regina dell’endurance”.

Bortolotti è nato a Trento il 10 gennaio 1990: inizia la carriera sui kart; a 15 anni debutta con le monoposto, correndo per sei stagioni in diverse serie e vincendo il Campionato Italiano Formula 3 e il titolo FIA Formula 2. Nel 2014 le prime vittorie con Lamborghini nel GT Italiano; l’anno dopo arrivano podi importanti nel Blancpain GT Series e una vittoria nell’ADAC GT Masters con la debuttante Huracán GT3. A fine stagione viene confermato come pilota ufficiale e negli anni successivi vince il campionato Blancpain GT Series (2017), la 24 Ore di Daytona (2018 e 2019) e la 12 Ore di Sebring (2019) in classe GTD al volante delle Huracán del GRT Grasser Racing Team. Nel 2022 Bortolotti debutta nel DTM (Deutsche Tourenwagen Masters) con la Huracán GT3 del team Grasser ed è attualmente leader della classifica piloti.

“Sono estremamente felice di proseguire il mio percorso con Lamborghini – commenta Bortolottie di includervi un emozionante nuovo capitolo. E sono grato a Squadra Corse tanto per aver reso possibile il progetto LMDh, quanto per la fiducia incondizionata nei miei confronti fin dal 2014. Rappresentare il marchio sul più importante palco dell’endurance racing e competere per la vittoria assoluta nelle grandi classiche di durata è sia un onore sia una responsabilità”.

Caldarelli è nato a Pescara il 14 febbraio 1990 e dopo l’esordio nei kart e nelle formule europee, si è trasferito in Giappone per intraprendere una brillante carriera nelle monoposto e nel Super GT. Nel 2017 viene ingaggiato come pilota ufficiale da Lamborghini, contribuendo alla vittoria del titolo Blancpain GT Series in equipaggio con Bortolotti e Christian Engelhart sulla Huracán GT3 del Grasser Racing Team. Nel 2019 vince la “tripla corona” del GT World Challenge Europe al volante della Huracán GT3 EVO del team Orange 1 FFF Racing (di cui è anche il team principal) in coppia con Marco Mapelli. Nel 2020 vince la 24 Ore di Daytona in classe GTD con Paul Miller Racing; l’anno successivo è protagonista di una stagione trionfale nel Fanatec GT World Challenge America Powered by AWS, vincendo il titolo piloti con la Lamborghini del team K-Pax. Nel 2022 prosegue l’impegno nel campionato americano, con Caldarelli primo in classifica piloti con quattro vittorie su quattro gare disputate.

“Sono felicissimo di fare parte del programma, che è veramente fantastico, e in generale di questa nuova sfida di Lamborghini Squadra Corse – commenta Caldarelli -. Già nel 2017, quando ho iniziato a correre per Lamborghini avevo l’obiettivo di coronare il mio sogno d’infanzia: correre con il mio marchio automobilistico preferito nelle gare endurance più prestigiose. Ho avuto la possibilità di correre al Circuit de la Sarthe nel 2022, vincendo entrambe le manche della Road to Le Mans con la Huracán GT3 ed era stato speciale. Non vedo l’ora di tornarci al volante di una LMDh: sono molto emozionato per questa nuova avventura e farò del mio meglio per portare tutta la mia esperienza in questo progetto e per conquistare nuovi e prestigiosi trofei”.

Piero Lonardo

Foto: Lamborghini