Archivi tag: Audi

WTR_GD

USCC – Rolex 24: Il WTR fa tre di fila ! Dominio Corvette in GTLM. A ERA, Riley e Winward le altre categorie

Sembra imbattibile il Wayne Taylor Racing a Daytona. Il team di Brownsburg mette a segno la terza vittoria di fila, la quarta in cinque anni, mettendoci in mezzo anche il passaggio ad una nuova vettura e un reshuffle dell’equipaggio.

Un paio dei protagonisti di questo successo in realtà non sono nuovi al podio del classico season opener del motorsport su pista: Ricky Taylor infatti ha già ricevuto il cronografo nel 2017, Filipe Albuquerque l’anno successivo, mentre per entrambi gli assi dell’IndyCar chiamati a rinforzare la line-up, Alexander Rossi ed Helio Castroneves, si tratta invece del primo successo al quarto tentativo.

Filipe

Dietro alla Acura #10 si piazza la migliore delle Cadillac, la #48 dell’Action Express. Un programma realizzato su misura per lo start della “seconda vita“ di Jimmie Johnson dopo l’abbandono alla NASCAR, che ha vissuto forse più della concretezza di Simon Pagenaud e Mike Rockenfeller, ma soprattutto della splendida irruenza di Kamui Kobayashi, che fallisce il “threepeat” per appena 4”7.

A podio, per chiudere il trittico dei costruttori impegnati nella classe top, anche l’unica Mazda iscritta per i “soliti” Oliver Jarvis, Harry Tincknell e Jonathan Bomarito, capace di rimontare tre giri di distacco ,sì a furia di caution (se ne conteranno 12 alla fine), ma anche a fronte di una gara senza sbavature, a riprova che proprio nell’anno caratterizzato da un impegno ridotto del costruttore nipponico, questa DPi ha raggiunto la maturità agonistica necessaria per terminare nel migliore dei modi anche le gare più faticose.

Chiudono il pokerissimo di testa l’altra Acura del Meyer Shank Racing e la Cadillac del Team Ganassi. L’assalto di Renger van der Zande al leader è stato vanificato da due foratura, di cui la seconda nel finale di gara, sempre alla posteriore destra a 6’ dalla bandiera a scacchi. Aldilà del risultato, da considerare comunque positivo per un effort creato praticamente dal nulla dopo l’acquisto della DPi V.R ex-Juncos gravemente incidentata a Mosport 2019, pesano i due errori di Kevin Magnussen che sono costati altrettante penalità, e che hanno messo in ombra l’ottimo lavoro del veterano Scott Dixon e dell’olandese scaricato forse un po’ troppo frettolosamente dal WTR.

Delle altre due “Caddie” protagoniste della prima metà di gara, quella dell’Action Express ha scontato un problema tecnico al cambio, mentre quella del JDC-Mustang Sampling è rimasta incolpevole vittima di un incidente di gara.

ERA

Finale al cardiopalma anche tra le LM P2, con le due contender rimaste in lizza, ERA Motorsport e Tower Motorsport, a scambiarsi ripetutamente le posizioni nelle ultime fasi di gara. Risulterà determinante il drive-through assegnato a Mathieu Vaxivière per il jump start a due ore dal termine.

Le strategie differenti portavano infatti al comando alternativamente le due Oreca, ma alla fine, complice il necessario splash a pochi minuti dalla bandiera a scacchi, era la vettura con la livrea disegnata da un bambino di 6 anni di Ryan Dalziel, Paul-Loup Chatin, Dwight Merriman e Stephen Tilley a tagliare il traguardo per prima con 19” secondi di vantaggio. P3 per l’entry #82 del DragonSpeed, cui sfugge il tris nella categoria, davanti all’unica Ligier iscritta dal RWR Eurasia.

Cetilar_Squadra

Menzione obbligatoria per la Dallara Cetilar di Andrea Belicchi, Giorgio Sernagiotto, Roberto Lacorte ed Antonio Fuoco, bloccata per oltre due ore ai box da un problema al cambio allorquando stava lottando con profitto per la testa della categoria ma terminata orgogliosamente al traguardo.

Corv3N

Le Corvette dopo un digiuno durato ben quattro anni tornano finalmente ad a vincere in GTLM e lo fanno con una doppietta. Le C8.R hanno mostrato un passo gara insostenibile per la concorrenza: la dimostrazione nella velocità nel rimontare il drive-through comminato dalla direzione gara alla #3 per jump start, recuperato in meno di un’ora.

L’uno-due delle GT del Kentucky vede la #3 dei campioni in carica Jordan Taylor e d Antonio Garcia, coadiuvati da Nicky Catsburg, precedere di 3”5 la vettura gemella di Nick Tandy, Tommy Milner ed Alexander Sims.

Niente da fare per la Ferrari del Risi Competizione, col team di Houston al comando nelle ultime fasi in attesa di una caution che però non è arrivata. Alla fine è solo P4 per Alessandro Pier Guidi, James Calado, Davide Rigon e Jules Gounon dietro la BMW #24.

Peccato poi non aver potuto vedere lottare per il successo l’unica Porsche in gara, spazzata via dall’altra BMW ancora prima dello start, ma capace di rimontare la bellezza di quattro giri, che in una classe così tirata sono un’eternità.

Merc57

La GTD, vale a dire il presente e il futuro delle competizioni GT, ha visto trionfare la Mercedes del Winward Racing di Maro Engel, Indy Dontje, Philip Ellis e Russel Ward sull’altra AMG GT3 del Sun Energy 1 di Raffaele Marciello, Kenny Habul, Mikael Grenier e Luca Stolz.

Su questo risultato però gravano come un macigno le scorrettezze dell’equipaggio vincitore nei confronti della Ferrari #21 di AF Corse, liquidata in malo modo allo scadere del penultimo ottavo di gara. Metodi simili li abbiamo visti peraltro nelle fasi finali da parte dei secondi classificati anche nei confronti della Lamborghini del Paul Miller Racing, che termina al terzo posto.

Da questa battaglia sono uscite con le ossa rotte alcune delle favorite della vigilia, tra cui le Lexus del Vasser Sullivan e le Lamborghini del GRT Grasser, tutte vittime di problemi tecnici, mentre le Porsche più accreditate hanno commesso svariati errori. Il quarto posto finale dei vicecampioni di categoria del Wright Motorsports può essere considerato quindi un buon risultato alla luce di quanto sopra.

Riley

Difficile da valutare infine il debutto delle LM P3 nel WeatherTech SportsCar Championship. Le prestazioni, al di sotto delle migliori GT, dovrebbero innanzi tutto fare ripensare all’IMSA sul loro corretto posizionamento, cui si deve aggiungere l’inesperienza di tanti driver ingaggiati all’ultimo momento.

Alla fine se la sono giocata due degli equipaggi più completi, con la vittoria della Ligier del Riley Motorsports di Scott Andrews, Spencer Pigot, Oliver Askew e Gar Robinson sulla vettura gemella del Sean Creech Autosport di Wayne Boyd, Joao Barbosa, Lance Willsey e Yann Claray.

Il contatto fratricida al via, più qualche altro incidente di percorso, ci hanno privato del confronto con le Duqueine, portate in Florida dal Muehlner Motorsports, con la #6 dello specialista Laurents Horr comunque sul gradino basso del podio, ancorchè distanziatissima.

E’ tutto da Daytona. L’appuntamento con la massima serie endurance americana è per il 20 marzo prossimo con la 12 Ore di Sebring.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo della 59ma Rolex 24 at Daytona

Foto: IMSA, Michelin, WTR, Cetilar Racing

IMSA WeatherTech SportsCar Championship

USCC – Rolex 24: A -3 ore, WTR in controllo. La Ferrari AF Corse “fatta fuori” da una Mercedes in GTD

Il clima si sta facendo caldo a Daytona, e non solo per la temperatura decisamente estiva. La battaglia per la leadership assoluta infatti non accenna a calare di tensione nelle fasi decisive di questa Rolex 24 e, nonostante un paio di protagonisti hanno dovuto calare le loro aspettative, le cinque DPi del gruppo di testa proseguono a pieni giri e distacchi relativamente ravvicinati.

Cinque perché anche la Mazda è riuscita a recuperare lo svantaggio accumulato nei primissimi giri e porsi nel giro dei battistrada, che è condotto ancora una volta dalla Acura del WTR, ancora al top prima con Alexander Rossi e poi con Filipe Albuquerque. Purtroppo per il team Ganassi, Kevin Magnussen ne ha combinata un’altra, facendo pattinare le ruote in pitlane, e la sacrosanta penalità contestata al danese un attimo dopo il sorpasso per la leadership sul vincitore della indy 500 2016 costa una nuova rimonta per la Cadillac #01.

A tre ore dalla bandiera a scacchi è quindi la #48 di Simon Pagenaud a rincorrere il campione WEC ed ELMS delle LM P2 con circa 13” di svantaggio. Allo scadere della 18ma ora Dixon riesce a riportarsi in terza posizione sull’altra Acura di AJ Allmendinger. La Cadillac #31 frattanto è rientrata in pista dopo il problema al cambio con 23 giri di ritardo.

ERA_Winward

Nuovo cambio della guardia in LM P2 grazie a Ryan Dalziel, che riporta in testa l’Oreca dell’ERA Motorsport sulla entry del Tower Motorsport al termine della diciassettesima ora. Frattanto la terza forza della categoria, la vettura #82 del DragonSpeed, pere ulteriormente contatto dai due battistrada a causa di una sosta ai box per risolvere un problema di surriscaldamento.

Vettes

Sempre in mano alle due Corvette la GTLM, con la #3 di Nicky Catsburg a prendere il comando sull’altra C8.R. A seguire, il trenino perde un pezzo e passa a quattro carrozze, con la BMW #25 ora a 2 giri dai battistrada.

Anche la gara delle LM P3 di testa sembra ormai una gara di attesa con la Ligier del Riley Motorsports a condurre in scioltezza mantenendo i tre giri di vantaggio accumulati sulla vettura del Sean Creech Autosport.

Il colpo di scena che caratterizza questa porzione di gara investe infine la GTD, dove la lotta al coltello tra la Ferrari AF Corse e la Mercedes del Winward Racing assume toni da vicenda giudiziaria. Poco dopo il pit infatti, Matteo Cressoni, appena subentrato a Nicklas Nielsen, esce meglio di Peter Ellis dal “trioval”, ma la Mercedes non vuole dare strada e mantiene la corda, sbattendo fuori la 488 del pilota mantovano, che aveva già più di mezza macchina davanti, e che termina nelle gomme a protezione di curva 1.

Inspiegabilmente, ancora una volta la direzione gara non assegna alcuna penalità alla Mercedes #75, che prosegue indisturbata al comando della categoria, mentre la Ferrari AF Corse è costretta a riparazioni di fortuna e alla sostituzione della gomma posteriore destra, bucatasi nel contatto.

Si riforma quindi l’accoppiata Mercedes, con la Porsche del Wright Motorsport e la Lamborghini del Paul Miller Racing ad inseguire. Ritirata invece la Porsche del Team TGM, mentre l’esemplare dello Pfaff Motorsport esce anch’esso dai giochi dopo una lunga sosta per riparare quanto rovinato nel fuori pista che ha causato la decima caution della gara, nel corso della 19ma ora.

Piero Lonardo

La classifica alla ventunesima ora di gara

Foto: IMSA, Michelin

WTR_alba

USCC – Rolex 24: Testa a testa WTR/Ganassi. AF Corse incanta in GTD a 6 ore dalla fine

La prima mattinata della Rolex 24 at Daytona vede tre ore di corsa quasi totalmente libera; l’unica Full Course Yellow, la numero 9, all’inizio della 17ma ora per l’ennesima uscita di strada dell’Oreca LM P2 del PR1 Mathiasen, ricompatta però nuovamente i major contender. Sono infatti ben quattro su cinque le classi ancora più che incerte a tre quarti di gara.

Davanti Helio Castroneves e la Acura del WTR approfittano della sosta in regime di neutralizzazione per portarsi davanti alla Cadillac del Team Ganassi. Il brasiliano prima ed Alexander Rossi poi riescono a creare e mantenere un cuscino di sicurezza di circa 6” sulla DPI V.R #01.

Sempre nello stesso giro dopo 18 ore Felipe Nasr, che riesce a completare il sorpasso che vale il podio sull’Acura dell’MSR, in P4 davanti alla Cadillac #48 ora nelle mani di Simon Pagenaud. La Mazda nel frattempo ha recuperato anche il secondo dei tre giri di distacco sostenuti ad inizio gara e potrebbe presto aggregarsi al trenino delle vetture a pieni giri; trenino che però, poco dopo lo scadere delle -6 ore al termine, perde proprio la Cadillac #31, vittima di un problema al cambio e costretta ad una apparente lunga sosta.

Tra le LM P2, la lotta è ancora lotta a due fra Tower Motorsport ed ERA Motorsport, con Mathieu Vaxivière e Gabriel Aubry capaci di gestire un vantaggio minimo sugli avversari. Staccata di un giro l’altra Oreca del DragonSpeed nonostante le prodezze di Christopher Mies, al debutto fra i prototipi, ed i giovani leoni Devlin De Francesco e Fabien Schiller.

Da segnalare infine il ritorno in pista della Dallara del Cetilar Racing dopo oltre due ore di sosta per riparare il cambio, ma mettendo da parte per un momento la sfortuna, è comunque importante terminare la prima sortita nella serie IMSA della compagine tricolore.

Corv4b

In GTLM le Corvette sono tornate a menare le danze: L’impressione è che le C8.R, che devono “vendicare” il debutto non proprio esaltante dello scorso anno, siano assolutamente in controllo sul resto della concorrenza, anche se i driver della Rossa del Risi Competizione non si stanno assolutamente risparmiando e le BMW sono lontane parenti di quelle viste durante la Roar, nonostante i 20 kg extra assegnati dal BoP.

Ferr21_rear

Avvincente invece la battaglia in GTD che vede protagoniste le due Mercedes di Winward Racing e Sun Energy 1 e la Ferrari di AF Corse. Farà discutere il contatto, non sanzionato dalla direzione gara, da parte di Maro Engel sulla 488 GT3 di Daniel Serra. Il pilota brasiliano comunque si riprenderà la testa della categoria sul factory driver della stella a tre punte, mentre l’altra AMG GT3 scivolerà in P6 a causa di un lungo di Kenny Habul, il quale viene superato anche dalla Lamborghini del Paul Miller Racing e dalle due Porsche di Wright Motorsports e Pfaff Motorsports.

Immutata infine la leadership della Ligier del Riley Motorsports grazie soprattutto all’effort dei due driver ex-indyCar, Oliver Askew e Spencer Pigot.

Piero Lonardo

La classifica alla diciottesima ora di gara

Foto: IMSA, Ferrari Races, Corvette

Alba

USCC – Rolex 24: Ganassi torna al comando all’alba. BMW all’assalto in GTLM. Cetilar, peccato

Le ultime fasi nella notte della Costa Est vanno ad esaurirsi in quel di Daytona. Davanti, l’Acura del WTR è inseguita da presso da una muta di Cadillac guidata dalle due Action Express di Mike Rockenfeller e Chase Elliott e dalla #01 del Team Ganassi.

Purtroppo per quest’ultima, una disattenzione del deb Kevin Magnussen al pit costa uno Stop+20” per velocità eccessiva, ma il giro di ritardo viene prontamente recuperato grazie alla Full Course Yellow numero 7, generata da un contatto fra l’Oreca LM P2 di Nicolas Lapierre e la Ligier LM P3 del Perrformance Tech di Ayrton Ori. In tanti approfittano della sosta per i piccoli lavori di metà gara, in primis la sostituzione dei freni, come lo stesso WTR, imitato tra gli altri anche dalla Ferrari di Alessandro Pier Guidi.

48N2

La leadership passa quindi all’ex-Audi, che ha il suo daffare a contenere Felipe Nasr, subentrato sulla vettura gemella, che passa al comando per poi lasciare il sedile a Mike Conway. A dirimere la questione ci pensa l’ennesima neutralizzazione, generata dai detriti trascinati in pista dalla Porsche di Kevin Estre, che livella nuovamente i distacchi e permette a Renger van der Zande, ora al volante della DPi V.R #01, di riconquistare il comando mentre l’alba va a fare capolino sullo Spedway.

Kobayashi, subentrato a “Rocky”, poco dopo la scadenza della 15ma ora cercherà di riprendersi la posizione senza successo, anzi terminando lungo in T1, lasciando spazio alle due Acura.

Cocente delusione per i nostri colori a seguito dei problemi al cambio della Dallara Cetilar, a lungo al comando delle LM P2. La lunghissima sosta, ancora in corso, vede il team impegnato a ritornare in pista nonostante il distacco ormai incolmabile.

La categoria torna quindi a parlare francese con Gabriel Aubry e Paul-Loup Chatin e le Oreca di Tower Motorsport, unica a pieni giri, e ERA Motorsport. Nel mezzo, Devlin de Francesco con la #91 del DragonSpeed. L’altra Oreca del WIN Autosport è ora lontana per colpa di un contatto con l’Audi del’NTE Sport.

Cambio della guardia in GTLM, con la BMW #25 ad approfittare delle diverse strategie e prendere cosi il comando sulle due Corvette, che inseguono da presso. Sempre P4 per la Ferrari Risi, ora con James Calado.

Lig74

Spencer Pigot ed il Riley Motorsport sono gli unici che possono perdere nella gara delle LM P3. La Ligier #74 conduce infatti indisturbata con 5 giri di vantaggio sulle vetture di Sean Creech Motorsport e Muehlner Motorsports, quest’ultima attardata da una penalizzazione di Stop+60” per lavori non consentiti ai box.

In GTD infine, sono ancora le Mercedes al top con Philip Ellis e Raffaele Marciello, anche se le diverse strategie portano in alternanza al comando la Ferrari di AF Corse. La categoria ha perso definitivamente entrambe le Lamborghini del GRT Grasser, dominatrici delle ultime edizioni, afflitte da problemi meccanici di varia natura.

Piero Lonardo

La classifica alla quindicesima ora di gara

Foto: IMSA

CetilarN

USCC – Rolex 24: Il WTR scopre le carte. Cetilar leader LM P2 a metà gara

La tarda serata della Florida porta presto un paio di colpi di scena, ed entrambi vedono protagonista uno dei top contender, la Cadillac del JDC/Mustang Sampling. Al termine della sesta ora di gara, Loic Duval viene “pescato” in fase di sorpasso prima dello start, susseguente una Full Course Yellow chiamata dalla direzione gara per la Lamborghini #19 del GRT Grasser ferma lungo il circuito.

Non fosse bastato, Tristan Vautier, subentrato al vincitore di Le Mans 2013, all’inizio della decima ora di gara veniva a trovarsi in contatto con la Porsche del Wright Motorsports, a sua volta coinvolta in un altro contatto. Ne seguiva una sosta pressochè eterna che pone la Cadillac #5 fuori dalla lotta per la vittoria, mentre la Porsche azzurra se la cava con un giro di ritardo. Ulteriore ritardo anche per la Mazda, costretta al cambio della parte posteriore che costa tre giri dai primi.

Davanti la lotta è fra la Cadillac #48 dell’Action Express, risalita grazie ad un Kamui Kobayashi alla ricerca di un clamoroso “threepeat”, e quella del Team Ganassi, sospinta da un apporto corale dell’equipaggio composto da Scott Dixon, Renger van der Zande e Kevin Magnussen. A sconvolgere i piani delle DPi V.R ci pensa però Frankie Montecalvo, che all’inizio dell’undicesima ora si ferma con la sua Lexus, già attardata in quanto gravata da problemi tecnici nelle prime fasi di gara, al Bus Stop.

WTR_N

Al termine dell’inevitabile Full Course Yellow, la sesta finora, è Filipe Albuquerque a transitare davanti a tutti con l’Acura del WTR. Il portoghese alla metà gara mantiene un cuscino di sicurezza su Mike Rockenfeller e Magnussen. Non lontane anche la Cadillac #31, ora con Chase Elliott al volante e l’altra ARX-05 dell’MSR.

Tra le LM P2, dopo una serie di duelli tra le Oreca di WIN Autosport e Tower Motosport, è la Dallara Cetilar ad emergere. La crew tutta italiana composta da Giorgio Sernagiotto, Roberto Lacorte, Andrea Belicchi ed Antonio Fuoco è stata capace di rimontare la penalità inflitta dopo tre ore di gara per una infrazione al pit e ora conduce con quasi mezzo secondo di vantaggio su Mathieu Vaxivière, ora al volante dell’Oreca #8.

Da segnalare l’ennesimo lungo stop per l’Oreca favoritissima del PR1 Mathiasen, che prosegue staccatissima a 24 giri.

In GTLM continua il dominio delle due Corvette, con la #4 sempre davanti alla #3 e la Ferrari Risi a sandwich tra le due BMW. Tutte e cinque le vetture sono ancora nello stesso giro, mentre la Porsche vittima del clamoroso crash al via segue a 12 giri di ritardo.

Cambio della guardia invece in LM P3, con la Ligier del Riley Motorsports a riprendersi la leadership sulla Duqueine del Muehlner Motorsports, ora totalmente in contention dopo il contatto fratricida al via, ancorchè distanziata di tre tornate. Terza forza la Ligier del Sean Creech Motorsports a quattro giri, ritardata anche da una penalità per lavori non autorizzati in pitlane.

Ferr21

In GTD infine, un nuovo effort da parte di Matteo Cressoni e Daniel Serra ha rimesso al comando per lungo tempo la Ferrari AF Corse. Alla metà gara però è la Mercedes del SunEnergy1 a precedere la Rossa #21 con circa 25” di vantaggio. A seguire l’altra AMG GT3 del Winward Racing.

Piero Lonardo

La classifica alla dodicesima ora di gara

Foto: IMSA, Cetilar Racing, Ferrari Races

Ganassi

USCC – Rolex 24: Ad un quarto di gara, sono gli assi IndyCar a menare le danze

La notte è calata prepotentemente sullo speedway di Daytona, teatro della Rolex 24, e come da tradizione, è la volta degli assi dell’IndyCar di prendere il volante.

Il secondo ottavo di gara, che è stato caratterizzato dall’assenza di neutralizzazioni dopo le tante interruzioni dei primi 180’, ha visto lottare per la testa della gara Sebastien Bourdais e Scott Dixon al volante delle due Cadillac di JDC/Mustang Sampling e team Ganassi.

In un paio di occasioni i due si sono scambiati la leadership, complice anche un ciclo di pit-stop leggermente a vantaggio della DPi V.R #01, ma al quarto di gara è il quattro volte campione ChampCar a menare le danze con oltre 10” di vantaggio sul campione in carica della più importante serie di monoposto USA.

La terza forza è rappresentata dal WTR, con un altro campione al volante, Helio Castroneves, che a sua volta precede la Cadillac dell’Action Express #48, riportata a ridosso dei primi da Simon Pagenaud e Mike Rockenfeller, ultima vettura a pieni giri. Mike Coway e Pipo Derani infine, hanno avuto il loro daffare a riportare in P5 la #31, mattatrice delle prime fasi di gara, dopo il disastroso stint di Chase Elliott.

Qualche problema infine anche per l’Acura dell’MSR, protagonista di un contatto con la BMW M8 di Philipp Eng, non sanzionato dalla direzione gara, che chiude le liste delle sette protagoniste della categoria top, alle spalle della Mazda.

ERA_N

Tra le LM P2, dopo lo splendido turno di guida da parte di Paul-Loup Chatin, è toccato alla vettura #11 del WIN Autosport ereditare la leadership di categoria. La vettura del PR1 Mathiasen, che con Nicolas Lapierre si era riportata anche temporaneamente al comando, ha dovuto subire una lunga sosta, e ora il ruolo di inseguitore è ripassato alla #82 del DragonSpeed, seppur distanziata da un giro, con la Dallara Cetilar nuovamente in P4 a due giri.

Ganassi Corv4

A seguire le GTLM, con le due Corvette a condurre, nonostante un errore da parte di Nick Tandy, che in seguito riprenderà il comando sull’altra C8.R guidata da Jordan Taylor. Tutte le vetture a parte la Porsche del WeatherTech Racing, incolpevole protagonista dell’incidente al via, sono racchiuse nello spazio di 30”.

Tra le LM P3 Scott Andrews sulla Ligier #74 del Riley Motorsports vanta già uno e due giri di vantaggio rispettivamente sulle vetture del Sean Creech Motorsport e sulla Duqueine #6 del Muehlner Motorsports, ripresasi dopo il contatto nelle primissime fasi di gara nelle mani dello specialista Laurents Horr.

WrightN

Nelle GTD infine, ancora Matteo Cressoni protagonista con la Ferrari AF Corse, ma il diverso ciclo di pit premia momentaneamente la Porsche del Wright Motorsports, al top con Klaus Bachler, sulla Lamborghini del Paul Miller Racing e la Aston Martin dello Heart of Racing. In evidenza anche la Mercedes del Winward Racing, temporaneamente in testa, mentre una piccola disavventura è occorsa ai box al veteranissimo Bill Auberlen, che ai box si portava dietro il bocchettone del carburante alla sua BMW. Sono comunque ancora otto le vetture nello stesso giro dei battistrada.

Da segnalare infine il forfait definitivo anche di un’altra Oreca LM P2, quella dell’High Class Racing che schierava, tra gli altri, Robert Kubica.

Piero Lonardo

La classifica dopo la sesta ora di gara

Foto: IMSA, Corvette, Porsche

Mustang

USCC – Rolex 24: Dopo tre ore, le Cadillac resistono all’attacco del WTR

Dopo un’ora di corsa praticamente libera, le due ore successive della Rolex 24 at Daytona sono state invece frammentate da ben tre interruzioni, che hanno limitato l’azione in pista.

Poco dopo lo scadere della prima ora, Rob Hodes con l’Oreca LM P2 #81 del DragonSpeed centrava le barriere a protezione all’uscita della prima curva, provocando la seconda Full Course Yellow della gara per recuperare i detriti in pista.

La neutralizzazione si protraeva per ben 35’, permettendo una seconda sosta ai box in perfetta tranquillità per tutto il lotto, che però tre prototipi, l’Acura DPi di Dane Cameron, la Mazda di Oliver Jarvis e l’Oreca LM P2 di Dennis Anderson dovevano anticipare per mancanza di carburante prima dell’apertura ufficiale della pitlane.

Della lunga caution ne approfittava la Dallara Cetilar, che passava al comando delle LM P2 con Antonio Fuoco ora al volante.

Il regime di corda libera durava però poco, giusto il tempo per Renger van der Zande e la Cadillac Ganassi di passare al comando su Felipe Nasr, che Frits van Eerd terminava nelle gomme a protezione della Bus Stop chicane con l’Oreca del Racing Team Nederland. La vettura, gestita in pista dal TDS, apre la lista dei ritiri insieme all’altra Oreca del DragonSpeed.

La caution in questo caso non durava a lungo, ma ancora dopo 22’ nel corso della terza ora di gara, dopo che la luce del giorno aveva già ceduto ai riflettori, James Calado con una manovra forse un po’ troppo irruenta trascinava l’incolpevole Rasmus Lindh, che fino a quel momento conduceva la LM P3 sulla Ligier del Performance Tech sulle gomme della Bus Stop.

Inevitabile la quarta neutralizzazione di questo primo tormentato ottavo di gara, con un drive-through assegnato alla Ferrari #62 ed una lunga sosta in vista per il prototipo.

Tempo utile quindi per un ulteriore passaggio ai box per le vetture di testa, e dello stop questa volta ne approfittava Tristan Vautier, subentrato a Duval sulla Cadillac del JDC/Mustang Sampling, il quale superava Ricky Taylor portandosi al comando con 3” di vantaggio sulla Acura #10. A seguire le altre due DPi V.R di Kevin Magnussen e Simon Pagenaud, che a sua volta ha ricevuto il volante dall’asso NASCAR Jimmie Johnson. A chiudere il settebello delle DPi, l’altro campione delle stock, Chase Elliott sulla vettura che ha condotto le prime fasi.

Dpis

Tra le LM P2, è ora il momento di Paul-Loup Chatin sulla #18 del ERA Motorsport sulle altre due Oreca di Ben Keating e Tim Buret. La Dallara Cetilar, ora affidata ad Andrea Belicchi procede in P5 dopo una penalità ai box, mentre la classifica delle LM P3 è invece guidata ora dall’asso della categoria Wayne Boyd con la vettura del Sean Creech Motorsport condivisa, tra gli altri, con il tre volte vincitore assoluto Joao Barbosa.

Davanti ai prototipi entry level ci sono però le GTLM, con le due Corvette davanti alle due BMW, mentre dopo 180’ Kyle Kirkwood prosegue il lavoro dei compagni di squadra in casa Lexus incalzato dalla Aston Martin dello Heart of Racing con il veterano Darren Turner.

Piero Lonardo

La classifica dopo la terza ora di gara

Foto: IMSA

AXR31

USCC – Rolex 24: Tris Cadillac al comando dopo 60′. Risi e Cetilar fanno sognare

Finalmente ha inizio la stagione del motorsport in pista con la 59ma Rolex 24 at Daytona. 49 vetture al via da quest’anno su cinque classi con l’introduzione delle LM P3 nel contesto del WeatherTech SportsCar Championship.

Al via scatta bene dalla pole conquistata domenica scorsa nella Qualifying Race la Cadillac dell’Action Express di Felipe Nasr. Renger van der Zande con l’esemplare del team Ganassi, cerca di infilarsi nelle posizioni di testa e risale sino in terza dietro l’altra DPi V.R di Loic Duval. Subito problemi per la Mazda di Oliver Jarvis, che partiva dalla prima fila, che fatica ad infilare le marce basse ed è risucchiato dal gruppo dei prototipi.

Buon avvio di Ben Keating con l’Oreca del PR1 Mathiasen tra le LM P2 e di Moritz Kranz con la Ligier LM P3 del Riley Motorports.

IMSA WeatherTech SportsCar Championship

Ma il colpo di scena principale accade nello start delle GT, separato da alcune centinaia di metri, con Bruno Spengler che incredibilmente tampona la Porsche di Kevin Estre, che si gira toccando prima la Ferrari di Alessandro Pier Guidi e seminando lo scompiglio fra le GTD a seguire. Per la Porsche una lunga sosta di oltre 24’ mentre la 488 GTE Evo del Risi Competizione esce miracolosamente senza danni apparenti.

Risi

Largo quindi alle Corvette in GTLM, mentre Robby Foley e Frankie Montecalvo approfittano della confusione per portarsi al comando della GTD, con la Lexus che poco dopo prende la testa della categoria.

Da segnalare che sempre con riferimento alle GTD, Michael de Quesada non potrà prendere parte alla gara con la Mercedes dell’Alegra Motorsports in quanto trovato positivo al COVID ed è stato sostituito da Mike Skeen.

La prima caution viene chiamata dalla direzione gara per recuperare il bumper posteriore della Porsche #79; al restart Dane Cameron attacca Van der Zande, che resiste, per la terza piazza, ma poco dopo è dramma in LM P3, con Ryan Norman che si gira e tocca Kranz. La leadership di categoria passa quindi a Rasmus Lindh, mentre poco più avanti Roberto Lacorte si porta alle spalle di Keating.

Cetilar

Problemi anche in casa Corvette per la C8.R di Tommy Milner, e Pier Guidi si porta alle calcagna del battistrada Garcia. Ancora colori italiani in evidenza con Matteo Cressoni secondo tra le GTD con la Ferrari 488 GT3 di AF Corse.

Il primo giro di pit premia Filipe Albuquerque e la Acura del WTR, che prende brevemente la testa della gara per poi essere prontamente ripassato dalle Cadillac di Nasr, Van der Zande e Duval. Dopo i primi 60’ di gara Ben Keating continua a condurre nelle LM P2 davanti alla Dallara Cetilar, mentre. Lindh prosegue la sua marcia solitaria tra le lM P3

Al comando delle GTLM si è riformata l’accoppiata Corvette con James Calado, subentrato a Pier Guidi, all’inseguimento, mentre Montecalvo ha dovuto cedere la leadership delle GTD all’altra Lexus di Aaron Telitz, a causa di un problema al transponder che ha comportato una sosta più estesa del dovuto al box.

Piero Lonardo

La classifica dopo la prima ora di gara

Foto: IMSA, Cetilar Racing, Ferrari Races

Group3

USCC – Rolex 24: Pronostico sempre più difficile dopo le ultime libere

Chiuse con il quarto ed ultimo turno le prove libere in vista della 59ma Rolex 24 at Daytona. Dopo che nella nottata italiana la Cadillac del Team Ganassi ha segnato il passo, con i due migliori tempi del weekend segnati da Renger van der Zande, autore di 1.34.146, e Scott Dixon, poco fa Loic Duval ha siglato la miglior prestazione nell’ultima ora a disposizione con l’altra DPi V.R del JDC/Mustang Sampling ed il tempo di 1.35.085.

Mustang

Massima incertezza quindi nella classe top, dove la classifica combinata dei quattro turni vede i sette contender racchiusi in appena 6 decimi, con la Mazda apparente fanalino di coda dopo l’exploit nel primo turno.

Sembrava esserci invece un favorito d’obbligo tra le LM P2, vale a dire il PR1 Mathiasen, ma bisognerà verificare le conseguenze dello stop che ha chiuso anzitempo lo stint di Nicolas Lapierre. In assenza dell’Oreca #52, il palcoscenico è stato preso dall’altra 07 Gibson del Tower Motorsports con Gabriel Aubry al top.

CetilarN

Sempre al centro dello schieramento di categoria la Dallara del Cetilar Racing, che pare poter sfruttare al meglio l’estensiva parte veloce dello Speedway rispetto ai prototipi transalpini.

Riley91b

L’unico driver che tra le LM P3 è stato in grado di porsi dinanzi alle migliori GT è stato invece Jeroen Bleekemolen con la Ligier #91 del Riley Motorsports nel primo turno. Il pilota olandese si è comunque preso gli allori di categoria in tutte e quattro le sessioni.

Risi

Zampata invece di Alessandro Pier Guidi e della Ferrari del Risi Competizione in GTLM. Il pilota di cremona ha piazzato un 1.42.584 che va a precedere di 2 soli millesimi la migliore prestazione ottenuta ieri sera dalla Corvette del neoacquisto Nick Tandy. Nel divario complessivo di appena mezzo secondo tra le sei vetture iscritte, chiudono sempre le due BMW M8, che ricordiamo puntano al “threepeat” dopo le vittorie 2019 e 2020.

GRT

Anche le Lamborghini puntano ad un ruolo dominante in GTD, con Marco Mapelli e Frank Perera sugli scudi negli ultimi due turni sulle due Huracan GT3 Evo del GRT Grasser. Del francese la miglior prestazione complessiva con 1.45.583. Le Lexus del Vasser Sullivan si pongono quale seconda forza insieme alle Porsche, tra cui spicca sicuramente quella dell’Hardpoint EBM.

Ora la parola passa direttamente alle 24 di gara, che partirà alle 3.40 PM locali, vale a dire alle 21.40 italiane, con la griglia di partenza definita domenica scorsa. La Rolex 24 sarà visibile per tutta la sua durata in streaming gratuitamente sul sito IMSA https://www.imsa.com/tvlive/

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

I risultati delle Libere 4

Foto: IMSA, Michelin, Cetilar Racing

MSR

USCC – Rolex 24: Lotta serrata in DPi dopo le prime libere. Varata la GTD Pro per il 2022

Primo giorno di prove libere per la 59ma Rolex 24 at Daytona. Nelle due sessioni di prove libere fin qui disputate nella giornata i distacchi fra le sette DPi in lizza si sono assottigliati, con la Cadillac del team Ganassi di Renger van der Zande e l’Acura del MSR di AJ Allmendinger ad occupare i top spot nelle rispettive sessioni, con il miglior tempo assoluto appannaggio della ARX-05 #60 e 1.34.287.

Qualche cosa, almeno stando alle dichiarazioni di alcuni piloti, la si deve anche al nuovo Balance of Performance, che ha imposto alle Cadillac l’utilizzo la configurazione aerodinamica standard. Fatto sta che in questo gioco a nascondersi tutti e tre i marchi, Mazda compresa, sembrano potersi contender egualmente le chances di vittoria finale.

Tra le LM P2 invece sembrano non esserci rivali per il PR1 Mathiasen, che si è imposta in entrambe le sessioni con Nicolas Lapierre e Mikkel Jensen, autore di 1.35.979 con l’Oreca #52. Da segnalare l’ottima quarta prestazione al mattino per Antonio Fuoco con la Dallara Cetilar.

Porsche

Hanno invece scontato un apparente notevole decremento di prestazioni le due BMW M8, gravate di 20 kg extra, mentre Gianmaria Bruni e la Porsche del WeatherTech Racing, graziata di 5 kg, conducono la lista del tempi complessiva delle GTLM con 1.42.600 davanti a James Calado e alla Ferrari del Risi Competizione.

GRT

Tempi simili per le LM P3, con Jeroen Bleekemolen mattatore in entrambi i turni con la Ligier del Riley Motorsports, mentre Mirko Bortolotti con la Lamborghini Huracan GT3 Evo del GRT Grasser ha svettato nel pomeriggio tra le GTD con 1.46.380.

Proprio con riferimento alle specifiche GT3 viene la notizia più importante della giornata, con l’annuncio da parte dell’IMSA di una nuova classe GTD Pro a partire dalla prossima stagione.

GTDPro

La nuova categoria andrà a sostituire la GTLM, che ricordiamo quest’anno vedrà la partecipazione full-time solo delle due Corvette e della Porsche del team di Cooper MacNeil, accogliendo di fatto le richieste di svariati costruttori, che dal 2022 potranno ambire al massimo titolo GT utilizzando le nuove specifiche GT3 in vigore, appunto dal prossimo anno.

Facile intuire che il percorso appena tracciato dall’IMSA verrà presto seguito anche dal WEC e dall’ELMS.

Tornando alla pista, da segnalare alcuni incidenti, tutti senza particolari conseguenze; il crash avvenuto invece ieri nelle prove libere della Michelin Pilot Challenge, la serie di contorno, è invece costata cara al polesitter delle GTD, Ryan Hardwick, che sarà costretto a saltare entrambe le competizioni. Al suo posto sulla Porsche 911 GT3 R del Wright Motorsports nientemeno che il co-campione 2019 della categoria, Trent Hindman, il quale si alternerà a Pat Long, Jan Heylen e Klaus Bachler.

Nella nottata italiana la terza sessione di prove libere, a partire dalle 7.15 PM locali, mentre la quarta ed ultima ora a disposizione dei 49 equipaggi per affinare assetti e traiettorie domani, alle 11.20 AM.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2

Foto: IMSA