Archivi tag: Sebring

MSR

USCC – MSR completa con Blomqvist e Castroneves

Il Meyer Shank Racing completa la propria line-up per il WeatherTech SportsCar Championship 2022 con Tom Blomqvist ed Helio Castroneves.

Il 27enne pilota anglo-svedese, figlio della leggenda dei rally Stig Blomqvist, dopo le esperienze in monoposto e nel DTM, ha partecipato alle maggiori competizioni di durata, inizialmente tra le GT, soprattutto con le BMW M8 sia nella SuperSeason WEC che nella serie IMSA.

Nella passata stagione invece è passato stabilmente ai prototipi col team Jota, conquistando il secondo posto tra le LM P2 sia nella serie mondiale che alla 24 Ore di Le Mans, sempre dietro i vincitori del WRT.

Per il popolare “Spider-man” invece si tratta di un ritorno dopo il sesto posto alla recente Petit Le Mans, anche se il maggiore successo dell’anno passato è sicuramente la quarta vittoria alla Indy 500 per il team dell’Ohio, per il quale correrà tutta l’IndyCar Series 2022.

Blomqvist disputerà l’intera prossima stagione sull’Acura DPi #60 al fianco del già annunciato Oliver Jarvis, mentre Castroneves fungerà da terza guide nelle gare lunghe della Michelin Endurance Cup. Il quarto pilota per la Rolex 24 at Daytona verrà annunciato in futuro.

Piero Lonardo

Foto: MSR

_PL51978 (1)

USCC – Cetilar conferma sbarco negli USA. Jarvis con MSR

Cetilar Racing il prossimo anno disputerà le quattro gare della Michelin Endurance Cup nell’ambito del WeatherTech SportsCar Championship. L’annuncio ufficiale – ma se avete fatto attenzione vi avevamo già sdoganato la notizia nel corso degli aggiornamenti dal Bahrain – poco fa con un comunicato ufficiale.

Si partirà da Daytona a fine gennaio per poi proseguire con la 12 Ore di Sebring il 19 marzo, poi a seguire la 6 Ore del Glen il 26 giugno ed il gran finale con la 25ma Petit Le Mans il 1° ottobre 2022. Il tutto sempre con una Ferrari 488, questa volta in versione GT3.

“La partecipazione, lo scorso gennaio, alla 24 Ore di Daytona con il prototipo LMP2, è stata un’esperienza molto bella che si è conclusa con un po’ di amaro in bocca. – ha affermato Roberto Lacorte – Ci eravamo quindi ripromessi di tornare e nel farlo abbiamo deciso di estendere la nostra presenza anche alle altre grandi classiche del calendario a stelle e strisce, che non vediamo l’ora di potere affrontare in una categoria molto competitiva come quella GT. Ci tengo a sottolineare che il nostro non è un addio al Campionato Mondiale Endurance FIA WEC, ma solamente un arrivederci. Non per ultimo do il più caloroso benvenuto ad Alessio Rovera, pilota giovane e di indubbio talento, che si unirà a noi per disputare proprio la gara di Daytona”.

Il 26enne varesino, che quest’anno ha praticamente vinto tutto a livello internazionale, andrà infatti a rinforzare per Daytona l’equipaggio che sarà composto ancora una volta da Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto ed Antonio Fuoco per le altre gare “lunghe” della massima serie endurance americana.

IMSA WeatherTech SportsCar Championship

Sempre nella giornata odierna, l’annuncio di Oliver Jarvis quale nuovo pilota del Meyer Shank Racing. Il 37enne pilota britannico, negli ultimi tre anni portacolori Mazda, con la quale ha riportato la vittoria sabato scorso alla Petit Le Mans (nella foto), è il primo dei nuovi acquisti di una line-up che si vuole completamente rinnovata, stante la certa dipartita di Dane Cameron verso il Team Penske – con la nuova Porsche LMDh – e l’appiedamento di Olivier Pla.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo, IMSA

Mazdab

USCC – Mazda, last dance alla Petit Le Mans. Ad Action Express il titolo. Doppietta Porsche nell’ultimo atto delle GTLM

Mazda si accomiata dal WeatherTech SportsCar Championship con una vittoria alla 24ma Petit Le Mans. Harry Tincknell, Oliver Jarvis e Jonathan Bomarito hanno condotto dopo la prima sosta per poi attardarsi ai box per un problema di misfire che li ha lasciati con 4 giri di ritardo.

IMSA WeatherTech SportsCar Championship

Una serie interminabile di Full Course Yellow nelle fasi centrali di gara (ben 10 per un totale di oltre 3 ore) ha permesso all’equipaggio della RT24-P di rimontare fino ad assumere la leadership della gara a 23’ falla fine sulla Cadillac dell’Action Express, che terminerà alle spalle dopo un duello finale con l’Acura del Wayne Taylor Racing. Ricky Taylor, campione uscente, tenterà il tutto per tutto nell’ultimo giro, riuscendo a passare la DPi V.R biancorossa con una manovra rallistica, ma sarà costretto a cedere la seconda posizione.

La piazza d’onore permette a Felipe Nasr e Pipo Derani di aggiudicarsi il titolo, rimontando i 19 punti di distacco dal WTR. Degna di menzione la gara dell’altra Acura del Meyer Shank Racing, a lungo in testa nelle fasi centrali di gara, poi azzoppata da un problema tecnico nell’ultima ora. Poco prima dei 60’ finali, ko definitivo invece per la Cadillac del Mustang Sampling.

Tower

Tra le LM P2, la lotta è stata serrata per tutta la gara tra le vetture del WIN Autosport ed i neocampioni del PR1 Mathiasen. La strategia di gara ha premiato però alla fine la vettura del Tower Motorsport di Gabriel Aubry, John Farano e James French, grazie ad una penalità comminata nell’immediato post gara.

Peccato per la vettura dell’ERA Motorsport, fuori già dopo mezz’ora forse per il contatto con una DPi, mentre la vettura di United Autosports si è dimostrata competitiva perlopiù nelle mani di Niklas Kruetten, che ha condotto nelle fasi iniziali, poi, complici anche un paio di penalizzazioni, non è arrivata oltre la quarta piazza.

Riley74

Vittoria e titolo nelle LM P3 per Gar Robison e la Ligier #74 del Riley Motorsports insieme a Felipe Fraga e Scott Andrews. Nella gara ad eliminazione che è stata quella della categoria, solo la vettura del JR III Racing ha saputo resistere fino nelle fasi finali, mentre il resto dello schieramento è stato decimato da contatti e problemi tecnici, come per il CORE Autosport, a lungo contender, ritiratosi per un problema al serbatoio del carburante.

Porsches

L’altra impresa del giorno è targata Porsche, che ha fatto doppietta in GTLM con le vetture iscritte dal WeatherTech Racing. La gara delle sei macchine iscritte all’ultima di sempre della categoria, che il prossimo anno sarà sostituita della GTD-Pro, è stata equilibratissima (segno di un BoP corretto) con Corvette e BMW che si sono alternate al comando nella prima parte di gara.

Nel finale peró, dopo il ritiro della BMW di testa, sono uscite le Porsche e la Corvette residua di Nick Tandy, dopo aver disposto con le cattive di Mathieu Jaminet, non è riuscita ad arginare Kevin Estre, che alla fine cederà la vittoria al patron Cooper MacNeil. La Corvette #4 perderà anche la terza piazza a favore della BMW rimasta per un contatto con la Mazda vincitrice.

Fuori invece allo scadere della quarta ora la Corvette già campione di Jordan Taylor ed Antonio Garcia per un incidente che ha dimezzato il parco delle GTD, compresa una protagonista come la Lexus #14, al top nelle prime fasi di gara.

Aston_N

La gara della categoria è stata condizionata anche dalle strategie, che hanno portato al comando via via diverse vetture, ma alla fine il duello si è ristretto alla Porsche dello Pfaff Motorsports di Zach Robichon, Laurens Vanthoor e Lars Kern e alla Aston Martin dello Heart of Racing di Ross Gunn, Roman de Angelis e Ian James.

Alla fine hanno trionfati questi ultimi, ma alla Porsche in tartan il secondo posto basta e avanza per portarsi a casa il titolo di categoria. Peccato per la Lamborghini del Paul Miller Racing, costretta presto ai box per una foratura susseguente al contato con una LM P3 in testacoda ed una sosta eterna per sostituire la posteriore destra bloccata.

Out a metà gara anche la BMW del Turner Motorsports per problemi tecnici, la terza piazza è andata alla Lexus superstite di Zach Veach, Frankie Montecalvo e Robert Megennis. Chiude la carriera con una quinta piazza Pat Long con la Porsche del Wright Motorsports, attardata da un contatto già al primo giro.

E’ tutto per il WeatherTech SportsCar Championship e per l’endurance 2021. La stagione 2022 inizierà il 23 gennaio con la Roar Before the 24 a Daytona.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo

Foto: IMSA, Porsche, Mazda

BMW

USCC – BMW continua con RLL in GTD-Pro (e dal 2023 in LMDh)

BMW ha scelto ancora una volta il team RLL per proseguire la sua avventura nel WeatherTech SportsCar Championship. L’annuncio nella mattinata della Petit Le Mans, dove la squadra diretta in pista da Bobby Rahal schiera per l’ultima volta le M8 GTE.

BMW M4 GT3, BMW Driving Academy, Maisach. 23.04.2021 ©Martin Hangen/hangenfoto

Il prossimo anno saranno presenti per tutta la stagione due nuove M4 GT3 nella nuova classe GTD-pro, ma il rapporto continuerà anche con la nuova LMDh in corso di sviluppo presso Dallara, di cui è stato diffuso un nuovo rendering.

Anche del nuovo prototipo, che sarà denominato BMW M LMDh, verranno schierati due esemplari a partire dal 2023.

Piero Lonardo

Foto: BMW

NasrPOle

USCC – Nasr in pole per Action Express alla Petit Le Mans

Felipe Nasr e la Cadillac dell’Action Express conquistano la pole position nelle qualifiche della Petit Le Mans. Il brasiliano ha conquistato la leadership in classifica col tempo di 1.08.678, precedendo di soli 15 millesimi la Mazda DPi con Harry Tincknell, all’ultima uscita di sempre.

Seconda fila per le Cadillac di Sebastien Bourdais e Kevin Magnussen, mentre il leader in classifica Filipe Albuquerque ha terminato solo in P7 con la Acura del Wayne Taylor Racing.

PR1

Ben Keating dal canto suo non si è fatto sfuggire la quinta pole stagionale tra le LM P2 per il PR1 Mathiasen ed il tempo di 1.12.229 davanti a Steven Thomas e l’Oreca del WIN Autosport.

United

Tra le LM P3 è stato invece Niklas Kruetten a conquistare la prima partenza al palo con United Autosports ed il tempo di 1.15.664 su Rasmus Lindh e la vettura del Performance Tech.

La sessione dei prototipi entry level è stata l’unica ad essere interrotta a causa di un testacoda della Duqueine del FastMD Racing. Problemi anche per la vettura del WIN Autosport, che ha riportato danni alle sospensioni posteriori. Non ha infine partecipato alla sessione il CORE Autosport per problemi al serbatoio.

BMW24

Jesse Krohn regala alla BMW M8 GTE l’ultima pole in GTLM col tempo di 1.15.226, lasciando a mezzo secondo le Porsche di Matt Campbell, e a sette decimi la migliore delle Corvette con Antonio Garcia. A seguire l’altra Porsche di Fred Makowiecki e la seconda C8.R con Nick Tandy.

Minor fortuna per la seconda BMW, che ha terminato anzitempo la sessione con Connor De Philippi costretto a parcheggiare dopo un lungo all’ingresso delle Esses, probabilmente propiziato da una macchia d’olio.

PMR

Nella stessa sessione anche le GTD per i punti, con Jack Hawksworth autore di 1.18.843 davanti alla Lamborghini del Paul Miller Racing di Bryan Sellers. Il teammate della Huracàn #1, Madison Snow, ha invece preceduto di appena un millesimo col tempo di 1.19.272 l’Audi R8 dell’NTE Sport di Benja Hites e di 23 Robbie Foley con la BMW M6 GT3 del Turner Motorsport.

UPDATE: La Lexus #14 è stata trovata non conforme all’altezza minima dal terreno nel corso delle verifiche e pertanto partirà dal fondo dello schieramento. Il punteggio massimo è stato assegnato alla Lamborghini del Paul Miller Racing.

Lo start della 24ma Petit Le Mans domani alle 12.00 PM locali, vale a dire le 18 italiane. La gara sarà come sempre visibile in streaming gratuito sul sito IMSA https://www.imsa.com/tvlive/

Lo start della 24ma Petit Le Mans domani alle 12.00 PM locali, vale a dire le 18 italiane. La gara sarà come sempre visibile in streaming gratuito sul sito IMSA https://www.imsa.com/tvlive/

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

I risultati delle Qualifiche – GTD griglia

I risultati delle Qualifiche – GTLM/GTD punti

I risultati delle Qualifiche – LMP3

I risultati delle Qualifiche – DPi/LMP2

Foto: IMSA, PR1 Mathiasen, United Autosports, BMW, Paul Miller Racing

Mazda_

USCC – Tincknell e la Mazda al top nelle prime libere a Road Atlanta

La stagione dell’endurance mondiale va a chiudersi come da copione con la Petit Le Mans, ultimo atto del WeatherTech SportsCar Championship, con un sontuoso plateau di ben 43 vetture iscritte, il record dall’edizione 2014.

Dopo le prime due sessioni di libere è la Mazda a svettare con un ultimo effort di Harry Tincknell che porta al top la RT24-P, qui all’ultima apparizione, col tempo di 1.09.356 davanti Felipe Nasr, il migliore della prima sessione, con la Cadillac dell’Action Express, e a Sebastien Bourdais con l’altra V.R DPi del JDC-Miller.

Trofeo

Solo P6 per i leader del Wayne Taylor Racing, i quali devono difendere solo 19 lunghezze sull’equipaggio della Cadillac #31.

Porsche97

Tra le GTLM, pure all’ultima di sempre in attesa delle GTD-Pro, in evidenza le due Porsche del WeatherTech Racing, che fissa una doppietta con Fred Makowiecki, sulla vettura #97 che dividerà con Kevin Estre e Michael Christensen, autore di 1.16.726 nel primo turno davanti a Mathieu Jaminet. Nella seconda sessione è stato invece Nick Tandy a primeggiare con la migliore delle Corvette ed il tempo di 1.16.938. Chiudono la categoria le due BMW M8 GTE, pure al canto del cigno dopo tre stagioni.

Miglior tempo odierno finora nella prima sessione anche per Gabriel Aubry, di ritorno con l’Oreca LM P2 del Tower Motorsport ed il tempo di 1.11.718, mentre Mikkel Jensen e l’esemplare della capolista PR1 Mathiasen ha primeggiato nel secondo turno, dove la vettura del Tower Motorsport è stata invece protagonista di un incidente con la Porsche del Wright Motorsports che ha provocato una delle ben sei red flags complessive.

ERA

In evidenza anche l’equipaggio di United Autosports con Guy Smith e Wayne Boyd, cosí come l’Era Motorsport, che ripropone la livrea della vettura trionfatrice nella categoria a Daytona.

Colin Braun dal canto suo ha segnato il miglior tempo delle LM P3, categoria per la prima volta alle prese con la competizione principale in quel di Road Atlanta, autore di 1.15.916 con la Ligier del CORE Autosport nel primo turno, che tenterà di strappare il titolo al Riley Motorsports.

Tra le GTD infine, sweep della BMW M6 GT3 del Turner Motorsport, che ha dominato entrambe le sessioni con Bill Auberlen e Robbie Foley. Del veteranissimo la migliore prestazione con 1.19.197 davanti a Frederik Schandorff, sub last minute per Ollie Millroy – rimasto a casa per la nascita del figlio – sulla McLaren dell’Inception Racing, e a Jack Hawskworth con la migliore delle Lexus del Vasser Sullivan.

Questa Petit Le Mans sarà anche l’ultima gara per Pat Long, che assumerà un ruolo di ambassador per il marchio di Stoccarda.

Il programma prosegue nella nottata italiana serata con il terzo turno di libere alle 6.30 PM locali. Domani invece le qualifiche alle 3.45 PM, vale a dire le 21.45 italiane, visibili in streaming gratuito, cosí come la gara, sabato 13 alle 12.00 PM locali (le 18 italiane) sul sito IMSA https://www.imsa.com/tvlive/

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2

Foto: IMSA, Porsche, Mazda, Era Motorsport

RoadAtl

USCC – 43 macchine alla Petit Le Mans. Ultimo atto per BMW M8 e le GTLM

Come sempre un plateau di lusso per la Petit Le Mans, con ben 43 vetture suddivise in cinque classi. Dopo l’appuntamento tutto GT del VIR infatti, nel season finale di Road Atlanta tutte le categorie saranno a giocarsi il successo in campionato.

In primis le DPi, che oltre alle 6 entry full-season presentano anche la seconda Cadillac dell’Action Express per Jimmie Johnson, Kamui Kobayashi e Simon Pagenaud, runner-up a Daytona lo scorso gennaio. Già nota la sostituzione di Olivier Pla con Helio Castroneves all’MSR, gli altri prototipi schiereranno le formazioni a tre con gli innesti degli assi di WEC ed IndyCar Mike Conway, Sebastien Bourdais, Alexander Rossi, Scott Dixon e Juan Pablo Montoya.

In campionato ricordiamo Filipe Albuquerque e Ricky Taylor conducono con 19 lunghezze su Pipo Derani e Felipe Nasr. Più lontano l’equipaggio Mazda, all’ultima apparizione nella categoria.

Questa Petit Le Mans sarà anche l’ultima edizione per le GTLM, che dal prossimo anno sarà sostituita dalle GTD-Pro. Tra le 6 vetture iscritte, oltre alle due Corvette che si giocano il titolo piloti, canto del cigno per le due BMW M8 GTE, mentre il WeatherTech Racing è atteso con ben due Porsche, anche se non si conosce ancora la line-up della #97.

Tra le LM P2, categoria che vede il ritorno di un’Oreca di United Autosports per James McGuire, Wayne Boyd ed il vincitore di Le Mans 2003, Guy Smith, il PR1 Mathiasen di Ben Keating e Mikkel Jensen deve gestire 113 punti sul neoacquisto dell’AXR Tristan Nunez e Steven Thomas. Considerando che i punti in palio, tra libere e qualifiche, sono le bellezza di 385, il team campione in carica non può dormire sonni completamente tranquilli.

Ben 10 inoltre le LM P3, con l’aggiunta dell’ultimo momento del FastMD Racing ed il ritorno del JR III Racing. Con un parco partenti cosí ampio, Gar Robinson, ancora una volta insieme a Felipe Fraga e Scott Andrews, nonostante le quattro vittorie e i due podi su sei gare disputate dovrà comunque faticare a gestire i soli 50 punti che lo separano dal CORE Autosport di Jon Bennett e Colin Braun, ultimi vincitori della categoria a Road America.

Infine le GTD, dove la lotta per il titolo è matematicamente estesa a sei equipaggi, dai leader dello Pfaff Motorsports, Zach Robichon e Laurens Vanthoor, a quota 2938, fino a Bill Auberlen e Robbie Foley con la BMW del Turner Motorsports con 2638. Questa dovrebbe essere anche l’ultima gara della M6 GT3, che dovrebbe cedere il passo alla nuova M4 GT3.

Ben 15 le vetture iscritte, col rientro della McLaren dell’Inception Racing e della Mercedes dell’Alegra Motorsports, con l’asso del DTM Dani Juncadella a far compagnia a Michael de Quesada e Daniel Morad.

Ancora una volta in una gara IMSA nessuna Ferrari al via, ma questo trend dovrebbe chiudersi nel 2022, almeno nelle gare lunghe della Michelin Endurance Cup, grazie all’inserimento di un team che attualmente sta concorrendo nel WEC…..

_PL51086

L’azione in pista a Road Atlanta inizierà giovedí 11 novembre alle ore 9.20 AM locali con le prime libere. Qualifiche alle 3.45 PM di venerdí 12 e gara, della durata di 10 ore, a partire dalle 12.10 PM locali di sabato 13 novembre.

Piero Lonardo

L’entry list della 24ma Petit Le Mans

Foto: IMSA

Action-express-graphic

USCC – AXR sceglie Nunez. Castroneves per Pla alla Petit Le Mans per MSR

Con Felipe Nasr destinato ad accaparrarsi uno dei posti in casa Porsche nel programma LMDh, Action Express Racing ha già deciso il suo rimpiazzo per il 2022 nella persona di Tristan Nunez.

L’ex-ufficiale Mazda quest’anno in forza al WIN Autosport, ancora in lotta per il titolo tra le LM P2, farà coppia insieme al confermatissimo Pipo Derani e a Mike Conway, pure rifirmato per le gare lunghe della Michelin Endurance Cup.

WIN Autosport peraltro porterà alla Petit Le Mans anche la su Duqueine LM P3 vista a Sebring per Matt Bell ed il co-campione uscente della Prototype Challenge Naveen Rao, e Josh Skelton.

MSR_IMSA_DRIVER_LINEUP_16x9_10202021-1

Ulteriore novità di grido alla Petit Le Mans la presenza di Helio Castroneves in casa Meyer Shank Racing. Il vincitore dell’ultima Indy 500 prenderà il posto di Olivier Pla insieme al regular Dane Cameron e a Juan Pablo Montoya sulla Acura DPi #60.

Piero Lonardo

Ganassi-Announcement

USCC – Ganassi conferma la seconda DPi per Bourdais full-time. New entries alla Petit Le Mans

Il Chip Ganassi Racing ha confermato nella giornata di martedí l’intenzione di duplicare il proprio effort nella prossima stagione del WeatherTech SportsCar Championship.

Insieme al confermato Renger van der Zande al posto di Kevin Magnussen, pronto per il programma Peugeot LMH, arriveranno sulle due Cadillac DPi tre dei piloti provati recentemente: Sebastien Bourdais, Earl Bamber ed Alex Lynn.

Ancora non si conosce l’esatta composizione dei due equipaggi, ma l’effort è sicuramente dimensionato per l’obiettivo 2023, anno nel quale il team Ganassi diventerà il portabandiera delle nuove LMDh del gruppo GM.

Insieme a Van der Zande, che vanta già 15 vittorie nella serie IMSA, tra cui spiccano le due Rolex 24 del 2019 e 2020, più le due Petit Le Mans del 2018 e 2020, tutte ottenute col WTR, un misto di esperienza, con Bourdais di nuovo a pieno servizio nel mondo dell’endurance, e di giovinezza, con Bamber ex campione GTLM nonchè trionfatore a Le Mans, e Lynn, già vincitore a Sebring nel 2017 proprio col WTR.

In attesa del season finale di Road Atlanta, la 24ma Petit Le Mans, in programma il 13 novembre, alcune novità nella entry list vedono il ritorno dei vincitori della classe GTD all’ultima Rolex 24. In gennaio sulla Mercedes AMG GT3 del Winward Racing oltre al proprietario Russel Ward si sono alternati Indy Dontje, Philip Ellis e Maro Engel.

Sempre tra le GTD, ritorno nella serie della McLaren del Compass Racing per Ollie Millroy, Brendan Iribe e Ben Barnicoat. Una nuova Duqueine LM P3 verrà schierata infine dal Fast MD Racing per James Vance, protagonista del Pilot Challenge, che al momento è l’unico driver designato.

Piero Lonardo

Foto: IMSA

IMSA WeatherTech SportsCar Championship

USCC – Milner/Tandy, la terza di fila al VIR. Garcia regala la vittoria GTD allo Pfaff Motorsports

Tommy Milner e Nick Tandy sembrano scatenati in questo finale di stagione del WeatherTech SportsCar Championship, e si aggiudicano la terza vittoria di fila al Virginia International Raceway.

La gara, riservata alle sole GTLM e GTD, non è stata avara di spettacolo, con accesi duelli e sportellate, specie fra le tre sole vetture della classe maggiore. Ha iniziato Jordan Taylor, abile a sbarazzarsi del polesitter e compagno di squadra Tommy Milner all’uscita del “Ferro di cavallo”, il tornante che apre il giro del circuito.

Presto, appena trascorso il tempo minimo di guida (10’ per la categoria), Cooper MacNeil cedeva il volante della Porsche del WeatherTech Racing a Kevin Estre, con la speranza di rimontare, magari aiutati da una Full Course Yellow.

Anche Milner cedeva presto il volante, allo scadere della mezz’ora,  al compagno Nick Tandy, diversificando le strategie in casa Corvette, con la C8.R #3 che cedeva il comando a sua volta alla prima sosta, intorno all’ora di gara.

La tanto attesa neutralizzazione arrivava dopo 72 minuti, a causa di un dritto di Mario Farnbacher con la Acura del Gradient Racing: vettura spaventosamente fino all’abitacolo nelle gomme a protezione di curva 14 ma pilota fortunatamente illeso.

I tre davanti si compattavano e al restart era lotta al coltello per il comando, con Estre che si faceva largo con le cattive sino a conquistare la leadership per poi ricederla poco dopo al driver inglese. Il factory driver Porsche però eccedeva in confidenza e, nel tentativo di riprendere terreno, terminava fuori alla Oak Tree.

Ogni tentativo di Antonio Garcia, subentrato a Taylor, di recuperare il gap dai teammates naufragava poi a causa del contatto con la BMW di Bill Auberlen, capolista delle GTD, a meno di 12’ dalla bandiera a scacchi, e sanciva l’ennesima doppietta Corvette, la settima in stagione.

Pfaff

Al comando delle GTD dopo questo contatto, incredibilmente non sanzionato dalla direzione gara, si ritrovava la Porsche dello Pfaff Motorsports di Laurens Vanthoor. L’ex-campione delle GTLM ricordiamo era partito dal fondo a seguito dell’errore in qualifica della crew canadese, rea di aver modificato la macchina tra le due sessioni.

Robbie Foley, polesitter con la M6 GT3, aveva condotto le prime fasi di gara fino alla sosta per far salire Auberlen,  sosta che invece i portacolori del Paul Miller Racing posponevano sino allo scadere dell’ora canonica per ritrovarsi comunque alle spalle del recordman di vittorie IMSA.

Start_GTD

Dalle retrovie spingevano tutti i contender, tra cui Vanthoor, che alla sosta collettiva in regime di Full Course Yellow si ritrovava al comando per poi cedere però nel finale ad Auberlen, il quale rimaneva al comando solo sette giri prima di essere eliminato dalla lotta al vertice dal contatto con Garcia, che procurava alla BMW anche una foratura e relativa sosta ai box.

Vittoria quindi per i leader della classifica, a precedere gli alfieri del Paul Miller Racing, Bryan Sellers e Madison Snow, e la migliore delle Lexus con Aaron Telitz e Jack Hawskworth; quest’ultimo all’ultimo giro aveva la meglio sulla Porsche del Wright Motorsports di Pat Long.

In classifica generale, tra le GTLM è ancora lotta aperta tra i due equipaggi Corvette, con Garcia e Taylor, in vantaggio di 127 punti sui compagni di squadra Milner e Tandy.

In GTD invece, Vanthoor e Zach Robichon allungano di altre 30 lunghezze e si portano a +50 su Madison Snow e Bryan Sellers, in attesa della 24ma Petit Le Mans, in programma il 13 novembre prossimo, dove le due classi GT si riuniranno ai prototipi per il season finale.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo

Foto: IMSA, Porsche, Corvette