Archivi tag: motorsport

64bdad6a-e4e6-4a4a-a3f9-e98cba6fa5a0

WEC – Coletta: Dopo Le Mans, il campionato!

E’ tanta l’emozione che si percepisce in casa Ferrari qui a Le Mans dopo il trionfo in gara. Queste le prime impressioni a caldo di Antonello Coletta, Responsabile Endurance, Corse Clienti e Competizioni GT:

“Dopo la vittoria dell’edizione del centenario, quest’anno non siamo arrivati alla gara da favoriti. Dopo i risultati dei test di domenica e delle libere, francamente la mia idea era che senza una corsa “speciale”, col cambio di meteo ed altri problemi, sarebbe stato impossibile per noi vincere. Dopo la partenza eravamo competitivi, ma come sapete bene la 24h di Le Mans muta ad ogni parte del giorno. Se parti bene, non sei sicuro di essere competitivo all’arrivo ed infatti durante la 24 ore, esclusa la neutralizzazione della notte, c’erano molte altre macchine nelle posizioni di testa.”

“Per noi è stato molto complicato perchè siamo partiti con due penalizzazioni per la 51 e la 83, per non parlare di tutte le altre penalità che abbiamo ricevuto durante la gara. E abbiamo avuto il problema con la porta.. ma alla fine abbiamo vinto per la seconda volta di fila, siamo contentissimi ed è un’emozione incredibile.”

_Z9B2591 (1)

“L’ultimo stint ancora una volta è stato decisivo. Probabilmente ogni anno troviamo il problema all’ultimo stint ma vi assicuro che non è ció che vogliamo vivere in quel momento. Lo scorso anno è stato molto più difficile, ma il contesto era differente perchè nel 2023 eravamo veloci sul bagnato, mentre oggi è stato esattamente il contrario”.

Questa volta siete stati molto flessibili con le strategie.. “A Imola, come già detto in precedenza, abbiamo avuto un misunderstanding tra la squadra ed i piloti ed abbiamo perso la gara. Questo ci ha permesso di capire, anche grazie ad una serie di meeting con piloti, ingegneri e meccanici qual è stato il problema. Qui abbiamo dimostrato di saper lavorare molto bene e le scelte che abbiamo fatto in gara sono state tutte corrette. Forse Imola ci ha aiutato in questa 24 ore.”

“La nostra strategia è cambiata a causa del problema alla portiera; eravamo in buona posizione ed abbiamo dovuto risolvere, ma sapevamo di dovere arrivare col carburante giusto in modo da superare i controlli post-gara. Noi però abbiamo spinto in ogni momento della corsa, sia per capire il vero valore della nostra macchina che quello degli altri concorrenti, e il meteo ha fatto il resto. Io prima della gara avrei aspirato ad un podio, ma ad un certo punto abbiamo capito che avevamo la chance di vincere. Io comunque ad ogni corsa aspetto l’ultimo giro, specie a Le Mans, visti i precedenti, anche se forse senza il problema alla portiera avremmo vinto con margine.”

“Questa vittoria, dopo aver perso tanti punti ad Imola e a Spa, ci rende molto felici e ci permette di rilanciarci in campionato, che è il massimo risultato cui si puó aspirare.”

Intervista raccolta da Piero Lonardo

Foto: Alberto Manganaro

_PL51529

WEC – Ferrari fa il bis a Le Mans! Vittoria per Fuoco/Molina/Nielsen, terza la #51.

E’ difficile trovare le parole per descrivere una giornata come questa appena trascorsa ma, anche se altri se ne prenderanno italianamente il merito, ci proviamo: Ferrari vince, anzi stravince a Le Mans, con Antonio Fuoco, Miguel Molina e Nicklas Nielsen, battendo tutta quella concorrenza che da inizio stagione ha maramaldeggiato, probabilmente troppo, sulle 499P.

_PL50132

Una vittoria questa differente da quella del 2023, dichiaratamente inaspettata e frutto di tante circostanze favorevoli, una specie di filotto, in cui comunque noi abbiamo creduto sin dal prologo di Sebring.

Qui invece Ferrari ha ragionato, superato le tante difficoltà che le sono state frapposte, fino ad arrivare al traguardo con quel minimo di energia necessaria per effettuare il giro d’onore. Un gioco di squadra che si è concretizzato col terzo posto dei trionfatori dello scorso anno, col solito Alessandro Pier Guidi (non ce ne vogliano gli altrettanto ottimi James Calado ed Antonio Giovinazzi) uomo squadra fino al midollo nell’affrontare le Toyota, che ancora una volta si sono rivelate le avversarie da battere alla distanza.

_PL52009

Ciò che rende ancora più prezioso questo successo è che i giapponesi sono stati battuti proprio sui dettagli, e hanno commesso errori di nervosismo, quasi come quando cedevano ripetutamente il trofeo della Sarthe ad Audi e Porsche. Fatto sta che, come da noi ampiamente previsto, la gara si è decisa al mattino.

I tanti che hanno biasimato l’eterno periodo di Safety Car nella notte dovrebbero ricordarsi che a Le Mans non è mai stata data una red flag, e che salvaguardare la salute dei piloti è comunque meritorio in condizioni climatiche avverse, con buona pace di coloro i quali ritengono sia indispensabile invece tornare agli anni ’70 per ottenere dello spettacolo in pista.

Fatto sta che, dopo aver perso per strada le Alpine, le BMW, con delle Peugeot inguardabili, le novità Lamborghini ed Isotta Fraschini (a proposito, tutte e tre meritatamente al traguardo), la lotta si era ristretta, oltre alle tre Ferrari e alle due Toyota, a una Porsche Penske e ad una Cadillac. Porsche poi ha incredibilmente ceduto nel suo territorio preferito, le condizioni miste, mentre l’aggiunta nordamericana e le tre 963 private di Jota e Proton non sono mai state un fattore se non, a posteriori, nella classifica dei privati.

Purtroppo la gialla #83 di AF Corse, trascinata dai due Robert, Kubica e Shwartzman, ha reso l’anima per una defaillance elettrica, unico serio problema tecnico delle 499P insieme ad una portiera bizzosa che Nielsen ha tentato di chiudere in tutti i modi pur andando ai 300 all’ora, e che ha necessitato di una sosta extra che però, permettendo di variare la strategia, è risultata la mossa vincente.

Alla fine Josè Maria Lopez, sub di lusso insieme a Kamui Kobayashi e Nicky de Vries, si sono dovuti accontentare del secondo posto, mentre il polesitter Kevin Estre e C. sono finiti addirittura fuori dal podio, trattenuti quanto basta dal solito Pier Guidi.

Tra le LM P2, la lotta a sei ha premiato United Autosports con Oliver Jarvis, Bijoy Garg e Nolan Siegel. La stellina californiana mette cosí un nuovo mattoncino sulla sua ancora giovane carriera. Bellissimi i duelli che hanno visto coinvolte le vetture di Inter-Europol, IDEC, Cool Racing e Vector Sport, e che hanno premiato col podio le prime due squadre.

_PL52129

AF Corse peraltro, col quarto posto overall, conquista anche la vittoria fra i Pro/Am, sospinta da un Nico Varrone alla sua seconda vittoria consecutiva sulla Sarthe e ormai in rampa di lancio verso un futuribile impiego di prestigio full-time, magari proprio col Cavallino.

Porsche si può consolare con il successo in GT3, categoria per la prima volta protagonista della 24 Ore. Yasser Shahin, Morris Schuring e Richard Lietz sono emersi insieme alla gemella #92 nella parte centrale di gara insieme alla BMW #46 e, una volta che queste ultime sono uscite di scena, per problemi al cambio e uscita di strada rispettivamente, è emersa l’altra BMW coi colori ispirati alla celebre 3.0 CSL Luigi, che però non è mai riuscita a passare al comando. Chiude il podio di categoria la Ford Mustang Proton #88 di Giorgio Roda, Mikkel Pedersen e Dennis Olsen.

L’appuntamento col FIA WEC è fra un mese a San Paolo del Brasile, per poi passare al COTA il 1° settembre. A seguire per la disamina della situazione in classifica.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

L’ordine di arrivo della 92ma 24 Ore di Le Mans

_PL58963

WEC – Toyota, Ferrari, Cadillac, Porsche per il tutto per tutto a Le Mans. Termina il sogno della #83

Le due Ferrari di Antonio Fuoco e Robert Shwartzman all’inizio della 19ma ora sembravano avere il controllo della situazione, anche perchè alla Porsche #5 veniva comminato un drive-through per non aver rispettato le procedure delle slow zone, lasciando la sola Cadillac #2 su una diversa strategia a contrastare le due 499P.

In Toyota però non erano d’accordo e, approfittando di una Full Course Yellow per recuperare la McLaren United Autosports #59 di Gregoire Saucy, andavano a contrastare l’israeliano, il quale cedeva la seconda piazza.

Il successivo ciclo di pit non solo lanciava le due Toyota al comando, ma vedeva anche l’abbandono della Ferrari #83, vittima di un blackout elettrico totale che lascia poche speranze ad AF Corse. Frattanto le due GR010-Hybrid invertivano l’ordine (forse i problemi di Kobayashi erano solo di natura tattica), imitati poco dopo anche dalle Ferrari, che privilegiavano ancora una volta la #50, il tutto mentre Alex Palou, ricordiamo debuttante assoluto a Le Mans, andava a segnare il giro più veloce della gara.

Intanto qualche goccia di pioggia iniziava a cadere nuovamente sul circuito, in preparazione del finale di gara, che si prospetta ancora una volta quest’oggi dettato dal meteo. Dopo che una foratura lenta andava ad attardare la #7 nel finale della 21ma ora, i diversi cicli di strategie lasciavano la Cadillac residua in testa per appena 6” sulla Ferrari #50, ora nelle mani di Miguel Molina, e 13” sul tre volte vincitore Brendon Hartley. Poco oltre, Kevin Estre ed Alessandro Pier Guidi stanno battagliando per la quarta piazza potenziale.

_PL51889

Prende piede la contention anche in LM P2, con Inter-Europol a prenotare il bis dello scorso anno grazie alla prestazione di Clement Novalak, che ha la meglio su Patrick Pilet e Vector Sport, anche se l’equipaggio più in palla di questo finale sembra quello di IDEC Sport, con Job Van Uitert e Reshad de Gerus, che però viaggia su una strategia differente. La lotta per il primato di categoria comprende comunque ancora la macchina #22 di United Autosports e la #37 di Cool Racing, tutti nello stesso giro.

_PL56866

In GT3 siamo al redde rationem fra la Porsche #91 e la BMW #31. Morris Schuring ed Augusto Farfus sono i protagonisti di un duello ravvicinato per ora a favore della 911, mentre la Lexus #87 di Esteban Masson se la deve vedere dalla Ford Mustang #88 di Dennis Olsen per il terzo posto momentaneo.

La prossima ora di gara, che si svolgerà presumibilmente su pista asciutta, dovrebbe risultare decisiva per tutte le categorie esclusa la LM P2 Pro/AM, che salvo imprevisti, vede un dominatore in AF Corse, che guida la classifica con un giro di vantaggio su AO by TF.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

La classifica dopo la ventunesima ora di gara

_PL57321

WEC – Le Mans: la gara riprende vita con le Ferrari all’attacco

La pista asciutta ha regalato nuovamente una gara a Le Mans, e che gara. Una nuova Safety Car propiziata dall’uscita di strada di Daniel Mancinelli, ribaltatosi all’ingresso di Indianapolis, rimescolava le carte in tavola.

In precedenza il duello a distanza fra la Porsche #6, ora con Laurens Vanthoor e la Toyota di Ryo Hirakawa si risolveva a favore del primo; frattanto l’altra 963 ufficiale #4 chiudeva il proprio impegno schiantandosi anch’essa ad Indianapolis.

Le due Ferrari di Antonio Fuoco e Robert Shwartzman perdevano in un primo momento contatto dai leader, ma una seconda incredibile uscita di strada da parte delle Peugeot di Nico Müller dietro la vettura di servizio non solo catapultava davanti la Cadillac di Earl Bamber davanti alla Porsche di Fred Makowiecki, ma si portava dietro le due 499P.

_PL57329

Al restart, con ancora cinque ore e mezza sul cronometro, era Sebastien Buemi a rompere gli indugi, portandosi davanti al compagno di squadra per la quinta piazza; Kobayashi, afflitto da qualche problema tecnico non meglio definito, cedeva poi anche ad Estre, subentrato sulla 963 #6.

Anche Fuoco innescava una battaglia con Shwartzman, che dopo un paio di giri passava per andare a prendere la Porsche #5 e passare al comando, mentre la Cadillac si era già portata ai box per la propria sosta. Destino amaro per le altre due V-Series.R, con la #3 ai box in un lago d’olio e la #311 schiantatasi con Pipo Derani alla guida.

_PL57812

Tra le LM P2, Lorenzo Fluxa ha avuto la meglio con la vettura del Cool Racing per il secondo posto su AF Corse e si pone dietro all’Oreca #10 di Vector Sport. In GT3, dietro la Porsche #91 emerge ora la BMW superstite, mentre le due McLaren di United Autosports hanno approfittato della situazione per ricongiungersi alle spalle dei due battistrada scavalcando la Lamborghini delle Iron Dames.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

La classifica dopo la diciottesima ora di gara

_PL56232

WEC – A Le Mans si torna a correre dopo la lunga nottata dietro la Safety Car

La pioggia non ha dato tregua durante la notte a Le Mans e la direzione gara ha preferito mantenere in pista la Safety Car sino ad oltre lo scoccare della 16ma ora. Fino a quel momento le vetture sono state ricompattate e la corsa è in pratica ripartita da zero.

Il trio di testa che comprende la Toyota #8, la Porsche #6 e la Toyota #7 non si è scomposto, nonostante una sosta anticipata da parte di Nicky de Vries. Le Ferrari #50 e #83 hanno presto avuto la meglio sulla Cadillac #2 e, una volta asciugate le traiettorie, si sono portate alla caccia dei primi. In compenso è stata assegnata una nuova penalità alla Ferrari #51, un drive-through per velocità eccessiva in periodo di Full Course Yellow.

Nel giro dei primi ancora undici vetture. In pratica si è creata una “classe B” per le LMH che comprende la Cadillac di Action Express, le due Peugeot, le due Lamborghini, l’Isotta Fraschini e la Porsche Proton, gravata dai problemi alla chiusura della portiera nelle primissime fasi di gara.

_PL56232 _PL56902

Lotta appassionante anche tra le LM P2, dove l’entry di AF Corse ha dovuto cedere il comando della categoria a Vector Sport, con la #22 di United Autosports ed Inter-Europol ad inseguire da presso.

Si scompongono invece le due coppie al comando delle GT3, per i problemi di freni alla Porsche #92 che lasciano sola la gemella di Manthey EMA con un vantaggio minimo sulla McLaren #95. La Lexus #87, penalizzata un attimo prima della lunga neutralizzazione (ricordiamo che a Le Mans non è mai stata data una bandiera rossa) per speeding in pitlane, ha ceduto la posizione di terzo incomodo alla Lamborghini delle Iron Dames.

_PL54808

Al momento splende un magnifico sole, ma le previsioni danno il ritorno della pioggia, ancora una volta in forma sostenuta, a partire dalle 14.00 e fino al termine della gara.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

La classifica dopo la sedicesima ora di gara

_PL56372

WEC – A metà gara torna la pioggia a Le Mans e la gara si neutralizza

Pioggia ancora protagonista nelle prime ore della notte a Le Mans. Una leggera precipitazione si è trasformata in qualcosa di più consistente e questo è bastato per fornire la giustificazione alla direzione gara per riportare in pista la Safety Car.

La Toyota #8, ora con Brendon Hartley, mantiene il comando sulla Porsche #6 del polesitter Kevin Estre. In attesa del completamento del ciclo di pitstop, la Cadillac #2 e la Ferrari #51 precedono la seconda GR010-Hybrid di Josè Maria Lopez. A nostro avviso saranno comunque decisive le prime ore di luce, specie se la pioggia proseguirà a tormentare il Circuit de la Sarthe.

In questo periodo non sono state solo le LMH a fornire spunti. In particolare, tra le LM P2, la vettura del Nielsen Racing, ancora ben in contention per il successo di classe, buttava fuori alle Porsche la già sfortunata Ford Mustang #77 in fase di doppiaggio. Entrambe le vetture terminavano nella ghiaia e l’Oreca #24 veniva considerata colpevole e gli veniva comminato uno Stop&Go. La vettura di Crowdstrike by APR dal canto suo, perdeva la ruota posteriore sinistra e rimaneva a bordo pista. Il quintetto di testa è ora comandato dall’entry Pro/AM di AF Corse sulla #37 di Cool Racing.

_PL54779

 

Tra le GT3, si inizia a profilare l’ennesimo dominio delle Porsche Manthey, eventualmente addirittura con una doppietta, dovessero i valori in campo rimanere immutati nella seconda metà di gara. Dopo 12 ore infatti Alex Malykhin conduce su Yasser Shahin. Seconda forza le McLaren di United Autosports; la terza 720S di Inception Racing invece, partita dalla pole, è costretta ad inseguire da lontano dopo aver perso terreno nelle fasi iniziali per un’uscita di strada.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

La classifica dopo la dodicesima ora di gara

_PL59717

WEC – Ferrari AF Corse penalizzata e diversi ritiri. Davanti ora c’è Toyota. Stop per la BMW #46

Una nuova penalizzazione, sempre ad una Ferrari, va a modificare sostanzialmente lo status quo della 24 Ore di Le Mans. Colpita questa volta la #83 AF Corse, ritenuta rea del contatto terminale con la BMW #15.

I 30” di Stop&Go assegnati vanificano, almeno per ora, la bella prova di Kubica, Shwartzman e Ye, propiziata da uno stint sulle slick con pista umida nelle fasi iniziali. Largo quindi alla Toyota #8, ora con Sebastien Buemi, che dopo 9 ore di gara vanta 16” sulla Porsche #6 tornata nelle mani di Laurens Vanthoor e 24” sull’altra GR010-Hybrid di Kamui Kobayashi. Le Ferrari inseguono il gruppetto di testa insieme alla Cadillac #2.

Nel frattempo l’altra V-Series.R ha collezionato un paio di uscite di pista ma, grazie alle eterne neutralizzazioni ed al passaround poste in essere dalla direzione gara, sconta un solo giro reale di ritardo.

Terminata invece la gara delle Alpine, a causa di problemi di motore per entrambe nel corso della quinta ora. Gli altri ritiri nel corso della serata riguardano le Oreca LM P2 di Proton e Duqueine e la BMW LMDh di cui sopra. Difficile da commentare la gara delle Peugeot, che sembrano correre in una categoria a parte con le Lamborghini LMDh. Prosegue invece orgogliosamente la corsa dell’Isotta Fraschini, seppur ultima e distanziata di 3 tornate dal leader.

_PL58581

La lotta per il comando delle LM P2, dopo il problema alla ruota anteriore sinistra che ha rallentato i vincitori dello scorso anno di Inter-Europol, ha visto l’alternanza fra Vector Sport e Cool Racing, quest’ultima grazie all’effort di Lorenzo Fluxa ha conquistato il comando nel corso della sesta ora, ma in contention sono tornate anche “Spike” grazie a Louis Deletraz, e la #183 di AF Corse, nelle mani di Ben Barnicoat e Nico Varrone. Sono comunque ancora ben sette, nonostante la pioggia di penalità per mancato rispetto delle slow zone e delle safety car.

_PL58907

Tra le GT3, l’alternanza dei piloti andava a favorire la BMW #46, quella di Valentino Rossi per intenderci, che riusciva ad accumulare un discreto vantaggio sulla concorrenza. Ahmad Al Harty però al termine della nona ora rovinava tutto uscendo dopo la Dunlop. Al comando ora ci sono le due Porsche Manthey, nonostante una disavventura della #92 all’entrata box, sulla Ford #77. Problemi invece per l’altra Mustang full-season WEC, costretta ad una lunga riparazione ai box dell’impianto sterzante. In difficoltà anche la Ferrari del JMW, protagonista delle fasi iniziali, mentre al contrario la #155 di Spirit of Race/Formula Racing si mantiene nel gruppetto dei migliori.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

La classifica dopo la nona ora di gara

http://fiawec.alkamelsystems.com/Results/13_2024/04_LE%20MANS/541_FIA%20WEC/202406151600_Race/Hour%209/03_Classification_Race_Hour%209.PDF

_PL54681 (1)

WEC – Ferrari in spolvero nelle prime fasi a Le Mans

Le Ferrari sembrano le vetture da battere in gara, almeno da quanto si può evincere dalle prime fasi di questa 24 Ore di Le Mans. Al via, Nicklas Nielsen ci mette un paio di curve per sbarazzarsi di Sebastien Bourdais e la Cadillac che gli stava davanti in griglia, e prima del termine del primo giro passa al comando su Laurens Vanthoor e la Porsche in pole. Antonio Giovinazzi si ricongiungerà poi al compagno. Louis Deletraz con l’Oreca di AO by TF e Frederick Schandorff con la McLaren di Inception Racing mantengono la leadership in LM P2 e GT3.

La Porsche #6 tornerà per un breve periodo al comando dopo il primo giro di pit, dove la #51 andava a scontare insieme alla 499P #83, la penalità di 10” assegnata in qualifica; Nielsen, che ritornava presto al comando, riceveva una sanzione per unsafe release consistente in altri 10” anche per la sua Ferrari.

Subito problema per la BMW #15, che si girava sbattendo alle Esses de la Foret, mentre era Ben Keating a chiamare in causa le prime bandiere gialle, girandosi con la sua Oreca #23 all’entrata del ponte Dunlop. La Porsche Proton #99 dal canto suo riportava ancora una volta problemi alla chiusura della portiera, perdendo 3 giri per la sua sistemazione.

_PL56374

Al termine della seconda ora faceva capolino la pioggia con uno scroscio di breve durata ma deciso, ed i major contender optavano per le wet, tutti fuorchè le due Ferrari #50 ed #83, con quest’ultima a portarsi al comando, grazie a Robert Kubica che aveva la meglio su Nielsen.

_PL57152

Le due 499P riprendevano però l’ordine precedente allo scadere della seconda ora, per poi ritornare nuovamente a ruoli invertiti poco dopo con Robert Shwartmann davanti ad Antonio Fuoco, approfittando di una sosta in regime di Slow Zone causata dalla BMW di Robin Frijns, fuori rovinosamente alla chicane Ford, contestuale ad un testacoda della Ferrari di Thomas Flohr, che diventa la prima vettura ritirata di questa Le Mans. Michael Christensen, ora al volante della Porsche #5, è preso nel mezzo delle due LMH del Cavallino.

Le Cadillac hanno sofferto più di tutte la fase mista e sono precipitate in classifica, a vantaggio della Porsche Jota #12, ricostruita nella nottata di giovedí dopo il botto in prova, che riconquista la top five davanti alla Toyota di Sebastien Buemi. L’altra GR010-Hybrid è in fase di rimonta dopo il contatto nel warm-up con la Lexus #78.

_PL58048

Nelle altre classi, dato il continuo avvicendarsi tra Pro e gentlemen, è Patrick Pilet ora a condurre tra le LM P2 per Vector Sport dopo una penalità ai danni della entry di Proton, che nel frattempo si era avvantaggiato su “Spike”. Tra le infine GT3 è Esteban Masson con la Lexus a primeggiare in questa fase dopo la sosta della Ferrari del JMW.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

La classifica dopo la seconda ora di gara

Immagine 14-06-24 alle 11.51

WEC – Imola sbanca e prolunga sino al 2028

Sorpresa per il motorsport nostrano alla Press Conference ACO: Imola prosegue la sua collaborazione col WEC e prolunga addirittura sino al 2028.

Necessaria la costruzione di 4 nuovi box per permettere l’allargamento della griglia a 40 vetture, come da nuovo regolamento sportivo della serie. Confermata anche la presenza di almeno 2 vetture per marchio. Confermate in sostanza tutte le attuali venue.

Tra le altre novità, il prolungamento dell’omologazione delle LMH di altri due anni, fino al 2029 compreso, e delle attuali LM P2 fino a tutto il 2027. La nuova generazione della spina dorsale di ELMS ed Asian LMS sarà più leggera e con motori di cilindrata ridotta.

Riguardo infine l’idrogeno, da sempre un pallino dell’ente organizzatore, ufficializzato il suo utilizzo in forma liquida, per una categoria che dovrebbe finalmente vedere la luce a partire dal 2028.

IMG_7637 (1)

 

Presente tra gli altri Alessandra Todeschini per Ferrari, a ricevere il Positive Innovation Award. Ferrari ha ottenuto la certificazione di livello Three-Star all’interno del programma FIA Environmental Accreditation Framework.

Piero Lonardo

Foto: ACO, Piero Lonardo

2025 FIA WEC Calendar

21/22 February 2025               Official Prologue (QAT)

28 February 2025                     Qatar 1812Km (QAT)

20 April 2025                             6 Hours of Imola (ITA)

10 May 2025                              TotalEnergies 6 Hours of Spa-Francorchamps (BEL)

14/15 June 2025                       24 Hours of Le Mans (FRA)

13 July 2025                              Rolex 6 Hours of São Paulo (BRA)

7 September 2025                   Lone Star Le Mans (USA)

28 September 2025                 6 Hours of Fuji (JPN)

8 November 2025                    Bapco Energies 8 Hours of Bahrain (BAH)

_PL56159

WEC – Hartley chiude in bellezza le libere di Le Mans. Attesa per la schedule 2025

L’ultima ora di libere in programma a Le Mans ha visto primeggiare Brendon Hartley e la Toyota #8. Il tre volte vincitore ha fissato presto i cronometri sui 3.29.451 prima che una leggera pioggia andasse a peggiorare le prestazioni in pista.

Dietro il portacolori del Gazoo Racing, Miguel Molina con la Ferrari #50 e Sheldon van der Linde con la BMW #20 “Art car”.

Nelle altre categorie, migliore prestazione nelle LM P2 per Clement Novalak di Inter-Europol e Esteban Masson sulla Lexus RC F GT3 #87.

Alla sessione non hanno partecipato diverse vetture, fra cui la Porsche Jota #12, che sarà totalmente ricostruita partendo da un telaio nuovo fatto arrivare appositamente da Stoccarda. Una volta terminate le operazioni lo shakedown, essendo indisponibile la pista della Sarthe fino al warm-up di sabato alle 12.00, verrà effettuato in un vicino aeroporto.

Diffusa anche la griglia di partenza, che vede la Cadillac #2 retrocessa di cinque posizioni in griglia in seguito alla penalità assegnata a Spa nei confronti di Earl Bamber. A domani per le novità della tradizionale conferenza ACO; si attende soprattutto il calendario 2025 con una probabile conferma complessiva delle attuali location, a parte il ritorno a Monza della tappa italiana.

Piero Lonardo

Foto: Piero Lonardo

I risultati delle Libere 4

La griglia di partenza della 92ma 24 Ore di Le Mans